Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/306: AL QATAR MASTERS, SUCCESSO DI JORGE CAMPILLO

L'iberico vince il testa a testa con lo scozzese Drysdale


QATAR - Sarebbe stato mio desiderio seguire le imprese di Francesco Molinari, intento a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, la prestigiosa gara dedicata al grande architetto campione di golf. All’azzurro è però capitato un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Poche settimane fa era stato condannato a un anno, con pena sospesa

PROFUGO SORPRESO PER LA SECONDA VOLTA A SPACCIARE IN VIA ROMA

Nigeriano 40enne colto in flagrante dalla Polizia locale


TREVISO - La vendita della droga stava per compiersi. Ad osservare la scena, giovedì sera, alle 22, in via Roma a Treviso, però, c'erano anche gli agenti in borghese della Polizia locale, che a quel punto sono intevenuti. I poliziotti hanno bloccato acquirente e pusher: quest'ultimo ha reagito, cercando di fuggire e colpendo più volte gli uomini della Municipale, per cercare di aprirsi la via.
Nonostante la colluttazione, la pattuglia è riuscita infine a immobilizzare lo spacciatore. Tolto il cappuccio che gli copriva il volto, gli agenti hanno riconosciuto una vecchia conoscenza: un richiedente asilo quarantenne originario della Nigeria, precedentemente ospitato in un centro accoglienza della città, ma ora allontanato. L'uomo poche settimane fa, era stato sorpreso, sempre dalla Polizia Locale e sempre nella stessa zona, mentre vendeva dosi ad un altro italiano. Arrestato e processato per direttisssima, la mattina dopo era stato condannato a 12 mesi con pena sospesa e quindi rimesso il libertà. Ora, per lui, una seconda denuncia a piede libero.
"Ringrazio ancora una volta gli agenti della Polizia locale di Treviso - commenta il comandante Maurizio Tondato - per la grande professionalità che continuano a dimostrare e al grande attaccamento alle istituzioni anche se purtroppo in alcuni casi  si trovano a dover intervenire nei confronti di soggetti già noti alla giustizia e con precedenti penali".