Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/264: PIERO TARUFFI, L'"UOMO FRECCIA"

Un evento alla Montecchia celebra l'ingegnere- pilota


PADOVA - Atleti, piloti, e Vip al Golf della Montecchia, sabato 25 maggio, a celebrare Piero Taruffi, la “Volpe argentata”. L’evento, nella sua terza edizione, intende essere una giornata di celebrazione dell’indimenticabile pilota. Ci sarà il concorso di eleganza...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/263: IL VICENTINO MIGLIOZZI MIGLIOR AZZURRO AL CHINA OPEN

A Shenzen il finlandese Korhonen si impone al playoff sul francese Hebert


SHENZEN - Sono ben quattro gli azzurri che partecipano al Volvo China Open, evento dell’Asian Tour e dell’European Tour, in programma a Shenzhen, al Tradition at Wolong Valley, di Chengdu in Cina. È Il venticinquesimo anniversario di questo torneo, che significa scadenza molto...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/20: GOLF CLUB CASTELFALFI

Tra le colline del Chianti, il paesaggio fa dimenticare anche le difficoltà tecniche


CASTELFALFI - Si arriva a Castelfalfi, località ignota ai più, percorrendo le luminose colline del Chiantigiano che riservano splendidi scorci. Siamo a Montaione, nei pressi dei borghi di San Gimignano e di Volterra, e Castelfalfi è un piccolo villaggio medievale arroccato...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

I comuni: Breda, Carbonera, Maserada, Ponzano, Povegliano e Villorba

SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI TRA 6 COMUNI DELLA MARCA

La nuova gestione coinvolgerà oltre 64mila cittadini


Servizi Sociali Associati tra 6 comuni della provincia di Treviso. Gli amministratori dei Comuni di Breda di Piave, Carbonera, Maserada sul Piave, Ponzano Veneto, Povegliano e Villorba dopo un lungo ma proficuo lavoro in team, che ha coinvolto anche assistenti sociali e funzionari, hanno raggiunto l'obiettivo di redigere ed approvare il nuovo regolamento dei Servizi Sociali. Questo traguardo porterà alla gestione associata dei Servizi che coinvolgerà in modo omogeneo oltre 64.000 cittadini.
Il Regolamento, approvato da tutti i comuni coinvolti, si fonda infatti su una ragionata e complessa valutazione scientifica il cui scopo è quello di poter raggiungere in un ampio ambito territoriale l’omogeneità dei criteri e
degli interventi in ambito sociale al fine di eliminare situazioni di bisogno ed emarginazione, garantendo pari dignità a tutti gli individui. Il nuovo regolamento si pone anche gli obiettivi di promuovere la partecipazione e lo sviluppo dei cittadini e sviluppare politiche specifiche, rivolte a giovani, famiglie, donne, associazioni.