Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/304: IN MESSICO SI INAUGURA IL WGC 2020

All'ultimo giro Parick Reed mette in riga DeChambeau e McIlroy


NAUPALCAN (MEX) - È da questa partita, che prende il via la serie delle quattro gare World Golf Championships (WGC), il mini circuito che per importanza viene subito dopo i Major. Nato nel 1999, il WGC ha piantato bandiera in varie nazioni, trovando alfine sede a Dorai in Florida. Il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/303: ADAM SCOTT RE DEL GENESIS INVITATIONAL

Chicco Molinari ancora non si ritrova: fuori al taglio


CALIFORNIA - Parterre delle grandi occasioni per questo Genesis Invitational, il 94°, che ha sempre destato un forte interesse, Quest’anno è ancor più appassionante, per il montepremi più alto, 9.300.000 dollari, quasi 2.000.000 in più rispetto al precedente....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/302: FRATELLO E SORELLA IN GARA NELLO STESSO TORNEO

All'Isps Handa Open in Australia in contemporanea field maschile e femminile


AUSTRALIA - Siamo al terzo torneo stagionale del Ladies PGA Tour: l'Isps Handa Vic Open realizzato in collaborazione con Australian Ladies Professional Golf, in programma sui due percorsi del 13th Beach Golf Links (Beach Course, e Creek Course), in Australia. a Geelong nello Stato del Victoria. In...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La presentazine venerdì sera all'auditorium Santo Stefano

UN LIBRO RICORDA I CADUTI DI FARRA DI SOLIGO NELLA GRANDE GUERRA

Mattia Perencin e Massimiliano Gugliemi ne hanno raccolto le storie


FARRA DI SOLIGO - Si terrà venerdì 9 Marzo alle 20.45, all'Auditorium Santo Stefano di Farra di Soligo la presentazione del libro “I caduti della Grande Guerra di Farra di Soligo” scritto a quattro mani da Mattia Perencin e Massimiliano Guglielmi. Un anno di lavoro per i due giovani appassionati di storia locale che attraverso documenti e foto in gran parte inedite, hanno voluto offrire un ulteriore contributo alla ricostruzione di una pagina di storia locale che è stata la più tragica per le popolazioni del Quartier del Piave e in particolare per il Comune di Farra di Soligo: il Primo Conflitto Mondiale. “Il libro rende inoltre omaggio ai tanti ragazzi partiti da Col San Martino, Farra di Soligo e Soligo, con un fardello nel cuore ben più pesante di quello che si portavano nello zaino. Giovani che hanno lasciato le loro case e i loro affetti con l’idea di 'tornare presto', con il pensiero rivolto ai lavori da terminare al rientro, al vigneto da zerpir o vendemar, ai lavori in te la stala, ai contratti da rifare quando vegnarà San Martin. I loro sogni invece si sono infranti per sempre sul Carso, sul Monte Grappa, in fondo al mare o al freddo di una baracca in prigionia. Sono infatti ben 180 i soldati caduti e mai ritornati in paese”, raccontano i due autori Perencin e Guglielmi, che continuano: “Da appassionati di storia locale, abbiamo convenuto su come purtroppo si stia I due autoriperdendo la memoria storica di molti tragici fatti avvenuti durante la Prima guerra mondiale. Abbiamo voluto rendere omaggio a tutti quei valorosi soldati del comune di Farra di Soligo caduti per la Patria. Il rischio infatti di perdere aneddoti che hanno caratterizzato la vita degli abitanti di Farra di Soligo, della nostra comunità e soprattutto dei nostri soldati, ci ha fatto riflettere su cosa avessimo potuto fare per lasciare un segno. Desideriamo quindi consegnare alle future generazioni e all’intera comunità farrese questa pubblicazione, frutto di una lunga ricerca di documenti riguardanti la storia personale dei singoli militari. Il nostro speciale ringraziamento va a tutti coloro che hanno sostenuto la pubblicazione, e a quanti hanno generosamente messo a disposizione documenti e fotografie” – chiudono Mattia Perencin e Massimiliano Guglielmi. Appuntamento quindi venerdì 9 Marzo all 20.45 all'Auditorium Santo Stefano di Farra di Soligo. La serata sarà presentata da Afra Tubia e vedrà la partecipazione del locale coro San Lorenzo.
Diego Berti