Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/267: OTTO AZZURRI AL BRITISH MASTERS

Il titolo, primo in carriera, va però allo svedese Kinhult


SOUTHPORT (GB) - È uno dei tornei di più lunga tradizione nel calendario, il Betfred British Masters, che si gioca sul percorso dell’Hillside Golf Club, a Southport, bella località sulla costa occidentale della Gran Bretagna. Sono ben otto i giocatori italiani in gara:...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/266: MANDARE IN BUCA GLI OSTACOLI DELLA VITA

A Sala Baganza, l'open internazionale per disabili


PARMA - Giunto ormai alla 19esima edizione, si è giocato a Parma, nel bel campo da golf del Ducato di Sala Baganza, il torneo internazionale per golfisti paralimpici. Il campo è un parkland, inserito nel Podere d’Ombriano, già antica residenza di caccia dei Duchi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/265: KOEPKA FA SUO IL SECONDO MAJOR DI STAGIONE

Disputato per la prima volta a maggio, il Championship regala spettacolo


FARMINGDALE (USA) - Il secondo major, il Championship, giunto alla 101ª edizione, ha luogo per la prima volta a Farmingdale, nel Long Island, stato di New York, sul difficile percorso del Bethpage Black Course (par 70), che sarà sede della Ryder Cup 2024. È la prima volta che si...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il nuovo snodo con ferrovia e trasporto su gomma inaugurato il 19 marzo

CAME ATTERRA AL POLO INTERMODALE DELL'AEROPORTO DI TRIESTE

L'azienda trevigiana crea il sistema di gestione dei parcheggi


CASIER - Came, guppo trevigiano leader nella fornitura di soluzioni tecnologiche integrate per l’automazione il controllo e la sicurezza di ambienti residenziali, pubblici e urbani, è stato scelto da Trieste Airport per realizzare il sistema per la gestione dei parcheggi del nuovo Polo Intermodale dello scalo triestino, che sarà inaugurato il 19 marzo e permetterà di coordinare, all’interno di una stessa infrastruttura, il traffico passeggeri e merci. Forte della consolidata esperienza maturata nel settore aviation sviluppando soluzioni per gli aeroporti di Gatwick a Londra e di El Prat a Barcellona, e della capacità di gestire progetti complessi e offrire soluzioni personalizzate, Came ha realizzato il sistema per parcheggi della prima piattaforma multimodale per il trasporto in Italia, quale sarà a breve Trieste Airport.
La soluzione sviluppata dall'azienda trevigiana consentirà a Trieste Airport di gestire l’accesso alle sette aree di parcheggio, che dispongono in totale di 2.500 posti auto - quattro parcheggi per circa mille posti all'interno dell'area aeroportuale e tre nuovi parcheggi per circa 1.500 posti nel polo intermodale - con tariffe diversificate a seconda del tipo di utenza, della distanza dal terminal e del tempo di permanenza. Nell’area a ridosso degli accessi all’aerostazione sono stati installati dissuasori di protezione, che si interfacciano con il sistema di controllo accessi, per rendere più sicura l’area. Perno della soluzione realizzata da Came per lo scalo triestino è un sistema che consente di gestire da remoto parcheggi e aree di sosta riservate, effettuando monitoraggi o interventi di assistenza.
Per gestire la vendita online di soste e servizi accessori, il gruppo di Dosson di Casier ha sviluppato anche una nuova piattaforma di ticketing che si integra e si interfaccia con le piattaforme di gestione della biglietteria aerea e ferroviaria. Il sistema è in grado di rilevare le date del viaggio presenti sui biglietti, definire i tempi di sosta nel posteggio e organizzare la sosta breve fronte terminal e fermata ferroviaria, la sosta lunga nelle altre aree o l’arrivo di autorità. Gli utenti potranno quindi accedere ai parcheggi, in modo semplice e veloce, con biglietti in formato QR Code acquistati online, pagando i titoli di viaggio tramite Telepass, o con abbonamenti in formato elettronico.
Trieste Airport sarà anche in grado di gestire le tariffe in maniera differenziata, con formule di abbonamento e servizi aeroportuali - come accessi a Vip Lounge e Fast Track – riservati ai frequent flyer. Per i pendolari e i residenti abbonati che si recano quotidianamente al lavoro con autobus o treni interregionali, Came ha sviluppato un sistema basato sulla lettura dei QR code presenti sui titoli di viaggio, che consente di fornire una tariffa di parcheggio dedicata. Anche gli utenti dei servizi di ristorazione e dei negozi del polo intermodale potranno utilizzare i parcheggi con tariffe agevolate, grazie piani di sconto personalizzati creati con la piattaforma tecnologica. Il sistema è provvisto anche di un modulo di lettura e riconoscimento delle targhe italiane e internazionali, che permette di registrare, e associare a ogni transito, le immagini in alta definizione dei quattro lati della vettura in entrata, con la possibilità di visualizzarle effettuando una ricerca per targa o per biglietto. Anche l’accesso degli autobus nella nuova autostazione del polo intermodale è monitorato attraverso il sistema di lettura targhe. Come richiesto in fase di progetto, per garantire maggior sicurezza in tutte le aree di parcheggio, sono stati installati sistemi di videosorveglianza.
“Grazie a Came abbiamo potuto affrontare la complessità delle nostre esigenze di gestione dei parcheggi in modo brillante e con modalità d’avanguardia. L’azienda è stata e sarà per Trieste Airport un partner fondamentale per rispondere alle nuove esigenze che l’integrazione di una fermata ferroviaria e un’autostazione bus con l’aerostazione rende necessarie. Ringrazio lo staff che ci ha seguiti per l’efficienza e la professionalità dimostrate” ha affermato il direttore generale di Trieste Airport, Marco Consalvo.
“Siamo orgogliosi di aver sviluppato una soluzione per parcheggi altamente customizzata, studiata per ottimizzare il servizio e far fronte alle esigenze del diverso tipo di utenti dell’aerostazione e del polo intermodale di Trieste Airport. – ha dichiarato Paolo Menuzzo, presidente di Came Spa – Lo scalo triestino è il nostro primo progetto nel settore aviazione in Italia, nel quale sono confluiti tutta la nostra esperienza nella gestione di progetti complessi, come i sistemi di parcheggio degli aeroporti di Londra e Barcellona, la nostra capacità di prenderci cura dei clienti e il meglio della nostra tecnologia Made in Italy. Siamo quindi pronti ad affrontare nuove sfide continuando a progettate soluzioni tecnologiche innovative per migliorare i flussi di traffico e contribuire a una mobilità sempre più sostenibile per migliorare la qualità della vita nelle città”.