Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Una mostra al museo Salce di Treviso dal 17 marzo al 2 settembre

UN BACIO PER CAMBIARE LA GRAFICA PUBBLICITARIA

Federico Seneca innovatore dell'immagine di prodotti e aziende


TREVISO - Poche raffigurazioni entrano nell'immaginario collettivo, diventando immediamentamente riconoscibili ovunque. E' il caso dell'immagine dei Baci Perugina, anche se non molti, forse, ne conosceranno l'autore: Federico Seneca. Grafico, disegnatore, imprenditore, Seneca ha segnato il Bernardino e Stefano Seneca, figlio e nipote dell'illustre graficopassaggio dalla reclame dei grandi cartelloni artistici alla pubblicità moderna. Ad uno dei grafici che più hanno segnato il mondo della comunicazione italiana del Novecento, dedica una mostra, dal 17 marzo al 2 settembre, il Museo nazionale Collezione Salce di Treviso.
Partita da illustrazioni figurative la sua opera, come spiega Marta Mazza, direttrice del museo Salce e curatrice di questa monografica insieme a Nicoletta Ossanna Cavadini, direttrice del m.a.x. museo di Chiasso, si è via via evoluta, all'insegna di una costante sperimentazione. Ecco allora le Banane della Perugina dalle reminescenze coloniali, o il cioccolato al latte rappresentato da una sensualissima coppia lui nero e lei bianca, tanto moderna da essere oggi persino politicamente scorretta. Ecco il gatto con la lingua di fuoco dell'Agip. Ecco i personaggi - la suorina, il cuoco - della pastina glutinata Buitoni: figure stilizzate, senza una fisionomia precisa proprio per consentire a tutti di identificarsi, ma allo stesso tempo coinvolgenti. In un'epoca distante dalle ossessioni “glutin-free” odierne, anzi Marta Mazza, direttrice del Museo Salcenell'Italia tra le due guerre, i bambini avevano bisogno di proteine supplementari, grazie a questo prodotto la Buitoni si impose tra le grandi marchi nazionali.
Un centinaio i pezzi in mostra, tra cui una quarantina di grandi manifesti, tutti della collezione Salce, oltre a disegni, schizzi, fotografie. La vera novità della rassegna è descrivere il processo creativo, spesso laborioso, di Seneca. Compresi le piccole sculture in gesso, modellate per poter meglio studiare gli effetti di luce e chiaroscuro da riprodurre poi su carta.  Fino a raggiungere una massima sintesi espressiva. Nel manifesto Cinzano, gli unici elementi naturalistici rimangono la bottiglia e il bicchiere, mentre il protagonista-consumatore è solo evocato da un segno grafico.
Dopo il m.a.x. museo di Chiasso, in Svizzera, Fano, città natale dell'artista, e Perugia dove ha lavorato a lungo appunto alla Perugina, quella trevigiana è la quarta tappa del'esposizione. La collezione Salce conserva l'intera produzione di manifesti pubblicitari di Seneca e tra l'autore e Nando Salce esisteva anche una conoscenza diretta.
Ricordato per sempre per quegli innamorati dei Baci, Federico Seneca è molto altro. Anzi, come ricorda il figlio Bernardino, quell'immagine non era neppure la sua preferita.