Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/306: AL QATAR MASTERS, SUCCESSO DI JORGE CAMPILLO

L'iberico vince il testa a testa con lo scozzese Drysdale


QATAR - Sarebbe stato mio desiderio seguire le imprese di Francesco Molinari, intento a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, la prestigiosa gara dedicata al grande architetto campione di golf. All’azzurro è però capitato un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Una mostra al museo Salce di Treviso dal 17 marzo al 2 settembre

UN BACIO PER CAMBIARE LA GRAFICA PUBBLICITARIA

Federico Seneca innovatore dell'immagine di prodotti e aziende


TREVISO - Poche raffigurazioni entrano nell'immaginario collettivo, diventando immediamentamente riconoscibili ovunque. E' il caso dell'immagine dei Baci Perugina, anche se non molti, forse, ne conosceranno l'autore: Federico Seneca. Grafico, disegnatore, imprenditore, Seneca ha segnato il Bernardino e Stefano Seneca, figlio e nipote dell'illustre graficopassaggio dalla reclame dei grandi cartelloni artistici alla pubblicità moderna. Ad uno dei grafici che più hanno segnato il mondo della comunicazione italiana del Novecento, dedica una mostra, dal 17 marzo al 2 settembre, il Museo nazionale Collezione Salce di Treviso.
Partita da illustrazioni figurative la sua opera, come spiega Marta Mazza, direttrice del museo Salce e curatrice di questa monografica insieme a Nicoletta Ossanna Cavadini, direttrice del m.a.x. museo di Chiasso, si è via via evoluta, all'insegna di una costante sperimentazione. Ecco allora le Banane della Perugina dalle reminescenze coloniali, o il cioccolato al latte rappresentato da una sensualissima coppia lui nero e lei bianca, tanto moderna da essere oggi persino politicamente scorretta. Ecco il gatto con la lingua di fuoco dell'Agip. Ecco i personaggi - la suorina, il cuoco - della pastina glutinata Buitoni: figure stilizzate, senza una fisionomia precisa proprio per consentire a tutti di identificarsi, ma allo stesso tempo coinvolgenti. In un'epoca distante dalle ossessioni “glutin-free” odierne, anzi Marta Mazza, direttrice del Museo Salcenell'Italia tra le due guerre, i bambini avevano bisogno di proteine supplementari, grazie a questo prodotto la Buitoni si impose tra le grandi marchi nazionali.
Un centinaio i pezzi in mostra, tra cui una quarantina di grandi manifesti, tutti della collezione Salce, oltre a disegni, schizzi, fotografie. La vera novità della rassegna è descrivere il processo creativo, spesso laborioso, di Seneca. Compresi le piccole sculture in gesso, modellate per poter meglio studiare gli effetti di luce e chiaroscuro da riprodurre poi su carta.  Fino a raggiungere una massima sintesi espressiva. Nel manifesto Cinzano, gli unici elementi naturalistici rimangono la bottiglia e il bicchiere, mentre il protagonista-consumatore è solo evocato da un segno grafico.
Dopo il m.a.x. museo di Chiasso, in Svizzera, Fano, città natale dell'artista, e Perugia dove ha lavorato a lungo appunto alla Perugina, quella trevigiana è la quarta tappa del'esposizione. La collezione Salce conserva l'intera produzione di manifesti pubblicitari di Seneca e tra l'autore e Nando Salce esisteva anche una conoscenza diretta.
Ricordato per sempre per quegli innamorati dei Baci, Federico Seneca è molto altro. Anzi, come ricorda il figlio Bernardino, quell'immagine non era neppure la sua preferita.