Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/240: A DONNAFUGATA IL CAMPIONATO INDIVIDUALE AIGG 2018

I giornalisti golfisti si sfidano in Sicilia


DONNAFUGATA - Il maltempo aveva imperversato fino il giorno prima, e continuava a devastare parte della Sicilia. Non eravamo in molti giornalisti praticanti di golf provenienti da mezza Italia, a prendere il coraggio e andar a sostenere il Campionato già da tempo programmato. Donnafugata, il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/239: DAGLI USA LA NUOVA PROMESSA AZZURRA

Virginia Elena Carta vince il Landfall Traditional


La giovane italiana Virginia Elena Carta trionfa nel Landfall Traditional, prestigioso torneo del campionato universitario americano.  È il 30° successo azzurro in campo internazionale: nuovo record in una stagione. Conosco Virginia, son passati molti anni da quando ebbi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/238: IL CAMPIONATO ITALIANO DI DOPPIO DELL'AIGG

Al club Chervò il torneo intitolato a Paolo Dal Fior


SIRMIONE - Concluso il Challenge AIGG che ci ha portato a giocare sui più bei Campi d’Italia, e insabbiata la Coppa delle Nazioni dall’esito meno brillante per la squadra dell’Italia (sesto posto), vinta dalla Germania a Villa Carolina, era ora la volta del Campionato...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'iniziativa promossa dal gruppo "Osti e tabarri"

UN CIPRESSO PER RICORDARE I CADUTI DI ASOLO NELLA GRANDE GUERRA

Piantato nel Parco della rimembranza della cittadina


ASOLO - Un cipresso per ricordare i 122 soldati di Asolo caduti nei vari fronti della Prima Guerra Mondiale.
L'albero è stato piantato, durante un'apposita cerimonia, al Parco della Rimbranza nel borgo trevigiano. L 'idea, è nata dal locale "Gruppo Osti e Tabarri di Asolo", in occasione dell'annuale ritrovo.  I componenti hanno deciso di lasciare un segno tangibile legato al Centenario della Grande guerra, ritornando in uno dei luoghi simbolo della memoria voluto dagli Asolani.
Alla presenza di gran parte della giunta comunale, dei rappresentanti delle istituzioni locali e di molte associazioni, dopo una preghiera a ricordo di tutte le vittime delle guerre da parte del prevosto di Asolo, monsignor Giacomo Lorenzon, il sindaco Mauro Migliorini ha ricordato  che "nel 1923 venne scelto questo luogo particolarmente suggestivo e simbolico: un triangolo di terra, dietro il Capitello di San Girolamo, appena fuori dalla Porta Colmarion. Un luogo che guarda le montagne sulle quali si erano combattute le battaglie decisive della prima guerra mondiale: Grappa, Tomba e Monfenera”. Allora vennero piantati 122 cipressi: uno per ogni caduto del comune. A cento anni di distanza se n'è aggiunto uno nuovo per commemorarli tutti.