Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/219: DAI CONTI CORRENTI AL GREEN, LA SFIDA DEI BANCARI

A Ca' della Nave il torneo tra gli istituti di credito europei


MARTELLAGO - Patrocinato dalla Federazione Italiana Golf, c’è stato, al Circolo del Golf di Cà della Nave, l’incontro di Golf interbancario, tra i dipendenti degli istituti di credito d’Europa, il 17esimo, che ha impegnato il Club ospitante per cinque giornate. Si...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/218: UN GRANDE MOLINARI INFIAMMA L'OPEN D'ITALIA

La vittoria finale, però, va per un colpo al danese Olesen


SOLANO DEL LAGO (BS) - Eccoci arrivati all’Open d’Italia, il tanto atteso appuntamento, il maggiore del Golf italiano. Prologo domenica 27, in piazza Malvezzi e sul lungolago Cesare Battisti a Desenzano, era festa grande a Soiano del Lago: entusiasmo, curiosità, musica e...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/217: IL GOLF FINALMENTE VA IN TELEVISIONE

Sul campo di Ca' della Nave registrata la trasmissione di Bucarelli e Lanza


MARTELLAGO - È ben noto il disappunto del golfista che non è abbonato Sky, per non aver l’opportunità di vedere in chiaro le partite di golf nei programmi nazionali, seppur costretto a pagare il canone Rai. Non saprei a cosa ascrivere questo svantaggio sulla testa degli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'iniziativa promossa dal gruppo "Osti e tabarri"

UN CIPRESSO PER RICORDARE I CADUTI DI ASOLO NELLA GRANDE GUERRA

Piantato nel Parco della rimembranza della cittadina


ASOLO - Un cipresso per ricordare i 122 soldati di Asolo caduti nei vari fronti della Prima Guerra Mondiale.
L'albero è stato piantato, durante un'apposita cerimonia, al Parco della Rimbranza nel borgo trevigiano. L 'idea, è nata dal locale "Gruppo Osti e Tabarri di Asolo", in occasione dell'annuale ritrovo.  I componenti hanno deciso di lasciare un segno tangibile legato al Centenario della Grande guerra, ritornando in uno dei luoghi simbolo della memoria voluto dagli Asolani.
Alla presenza di gran parte della giunta comunale, dei rappresentanti delle istituzioni locali e di molte associazioni, dopo una preghiera a ricordo di tutte le vittime delle guerre da parte del prevosto di Asolo, monsignor Giacomo Lorenzon, il sindaco Mauro Migliorini ha ricordato  che "nel 1923 venne scelto questo luogo particolarmente suggestivo e simbolico: un triangolo di terra, dietro il Capitello di San Girolamo, appena fuori dalla Porta Colmarion. Un luogo che guarda le montagne sulle quali si erano combattute le battaglie decisive della prima guerra mondiale: Grappa, Tomba e Monfenera”. Allora vennero piantati 122 cipressi: uno per ogni caduto del comune. A cento anni di distanza se n'è aggiunto uno nuovo per commemorarli tutti.