Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/211: PATRICK REED INDOSSA LA GIACCA VERDE

Lo statunitense vince l'82° Masters di Augusta


TREVISO - È l’edizione ottantadue del Masters, che data 1930; uno dei quattro maggiori campionati del Golf. Si tiene all'Augusta National, in Georgia, il Paradiso del Golf. Un Campo molto particolare, bello e difficile, massimamente rappresentato da” Amen Corner”, il tratto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/210: A CA' DELLA NAVE BUON COMPLEANNO MAL

Gara (e festa) con protagonista il cantante dei Primitives


MARTELLAGO - A festeggiare la sua data di nascita avvenuta da qualche giorno, Mal (al secolo Paul Bradley Couling), il 28 marzo ha sponsorizzato una gara di Golf a Cà della Nave. Voleva festeggiare il suo compleanno in un Campo da Golf. La scelta del 28, a Cà della Nave, è...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/209: AL VIA IL CHALLENGE 2018 DELL'AIGG

A Roma debutta la stagione dei giornalisti golfisti


ROMA - Il debutto del challenge AIGG ha ormai una sede consolidata: la prima gara dell’anno si gioca al Marco Simone Golf and Country Club, a Guidonia, nell’ospitalità raffinata di Lavinia Biagiotti Cigna. Lavinia è la deliziosa figlia di Laura Biagiotti, la grande donna...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'iniziativa promossa dal gruppo "Osti e tabarri"

UN CIPRESSO PER RICORDARE I CADUTI DI ASOLO NELLA GRANDE GUERRA

Piantato nel Parco della rimembranza della cittadina


ASOLO - Un cipresso per ricordare i 122 soldati di Asolo caduti nei vari fronti della Prima Guerra Mondiale.
L'albero è stato piantato, durante un'apposita cerimonia, al Parco della Rimbranza nel borgo trevigiano. L 'idea, è nata dal locale "Gruppo Osti e Tabarri di Asolo", in occasione dell'annuale ritrovo.  I componenti hanno deciso di lasciare un segno tangibile legato al Centenario della Grande guerra, ritornando in uno dei luoghi simbolo della memoria voluto dagli Asolani.
Alla presenza di gran parte della giunta comunale, dei rappresentanti delle istituzioni locali e di molte associazioni, dopo una preghiera a ricordo di tutte le vittime delle guerre da parte del prevosto di Asolo, monsignor Giacomo Lorenzon, il sindaco Mauro Migliorini ha ricordato  che "nel 1923 venne scelto questo luogo particolarmente suggestivo e simbolico: un triangolo di terra, dietro il Capitello di San Girolamo, appena fuori dalla Porta Colmarion. Un luogo che guarda le montagne sulle quali si erano combattute le battaglie decisive della prima guerra mondiale: Grappa, Tomba e Monfenera”. Allora vennero piantati 122 cipressi: uno per ogni caduto del comune. A cento anni di distanza se n'è aggiunto uno nuovo per commemorarli tutti.