Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/306: AL QATAR MASTERS, SUCCESSO DI JORGE CAMPILLO

L'iberico vince il testa a testa con lo scozzese Drysdale


QATAR - Sarebbe stato mio desiderio seguire le imprese di Francesco Molinari, intento a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, la prestigiosa gara dedicata al grande architetto campione di golf. All’azzurro è però capitato un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La famiglia dormiva e si è accorta dell'accaduto solo al mattino

TRE COLPI SPARATI NELLA NOTTE CONTRO UNA VILLETTA A CASTELMINIO

Bersaglio l'abitazione del geometra Luigi Didonè


RESANA - Tre colpi, ad altezza uomo, sparati nella notte contro una villetta a Castelminio Resana. Pare un'intimidazione in piena regola quella contro Luigi Didonè, 57enne geometra, dipendente della Basso costruzioni di Paese. I colpi di arma da fuoco sono stati esplosi contro l'abitazione, dove vive insieme a moglie e figli, in via Fornaci, nel pieno della notte tra lunedì e martedì. La famiglia stava dormendo in quel momento e, così come i vicini, non ha fatto troppo caso ai rumori, giudicandoli dovuti alla caduta di qualche oggetto o allo scoppio di petardi. I coniugi Didonè si sono resi conto dell'accaduto solo al mattino successivo, quando, alzatisi per andare al lavoro, hanno visto i fori sui muri. Ed hanno capito di aver rischiato grosso: mentre infatti un proiettile si è conficcato sul muro esterno, altri due hanno perforato balconi e vetrocamera delle fineste attraversando il soggiorno. Sul giallo indagano ora i Carabinieri: l'uomo assicura di non avere particolari nemici e di essere convinto che si tratti di uno scambio di persona.