Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/211: PATRICK REED INDOSSA LA GIACCA VERDE

Lo statunitense vince l'82° Masters di Augusta


TREVISO - È l’edizione ottantadue del Masters, che data 1930; uno dei quattro maggiori campionati del Golf. Si tiene all'Augusta National, in Georgia, il Paradiso del Golf. Un Campo molto particolare, bello e difficile, massimamente rappresentato da” Amen Corner”, il tratto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/210: A CA' DELLA NAVE BUON COMPLEANNO MAL

Gara (e festa) con protagonista il cantante dei Primitives


MARTELLAGO - A festeggiare la sua data di nascita avvenuta da qualche giorno, Mal (al secolo Paul Bradley Couling), il 28 marzo ha sponsorizzato una gara di Golf a Cà della Nave. Voleva festeggiare il suo compleanno in un Campo da Golf. La scelta del 28, a Cà della Nave, è...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/209: AL VIA IL CHALLENGE 2018 DELL'AIGG

A Roma debutta la stagione dei giornalisti golfisti


ROMA - Il debutto del challenge AIGG ha ormai una sede consolidata: la prima gara dell’anno si gioca al Marco Simone Golf and Country Club, a Guidonia, nell’ospitalità raffinata di Lavinia Biagiotti Cigna. Lavinia è la deliziosa figlia di Laura Biagiotti, la grande donna...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La famiglia dormiva e si č accorta dell'accaduto solo al mattino

TRE COLPI SPARATI NELLA NOTTE CONTRO UNA VILLETTA A CASTELMINIO

Bersaglio l'abitazione del geometra Luigi Didonč


RESANA - Tre colpi, ad altezza uomo, sparati nella notte contro una villetta a Castelminio Resana. Pare un'intimidazione in piena regola quella contro Luigi Didonè, 57enne geometra, dipendente della Basso costruzioni di Paese. I colpi di arma da fuoco sono stati esplosi contro l'abitazione, dove vive insieme a moglie e figli, in via Fornaci, nel pieno della notte tra lunedì e martedì. La famiglia stava dormendo in quel momento e, così come i vicini, non ha fatto troppo caso ai rumori, giudicandoli dovuti alla caduta di qualche oggetto o allo scoppio di petardi. I coniugi Didonè si sono resi conto dell'accaduto solo al mattino successivo, quando, alzatisi per andare al lavoro, hanno visto i fori sui muri. Ed hanno capito di aver rischiato grosso: mentre infatti un proiettile si è conficcato sul muro esterno, altri due hanno perforato balconi e vetrocamera delle fineste attraversando il soggiorno. Sul giallo indagano ora i Carabinieri: l'uomo assicura di non avere particolari nemici e di essere convinto che si tratti di uno scambio di persona.