Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Un uomo denunciato dalla Polizia Provinciale dopo mesi di appostamento

BLITZ ANTIBRACCONAGGIO NEI BOSCHI DI SAN ZENONE DEGLI EZZELINI

Con una rete tra gli alberi catturava uccelli protetti


SAN ZENONE DEGLI EZZELINI - Per mesi gli uomini della Polizia provinciale si sono appostati in una zona collinare di San Zenone con l’obiettivo di incastrare i bracconieri che ripetutamente catturavano uccelli protetti, da rivendere sul mercato nero. Un esemplare poteva fruttare loro anche 300 euro. Il blitz è scattato lunedi all’alba. Gli uomini in divisa si sono nascosti in un fitto boschetto dove erano evidenti i segni del passaggio dei bracconieri: a cominciare dalla rete issata tra due pali, in cui gli uccelli restavano impigliati. Un uomo è stato fermato e segnalato alla procura mentre tutta l’attrezzatura è stata posta sotto sequestro e gli uccelli che erano stati catturati rimessi in libertà.

Galleria fotograficaGalleria fotografica