Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/278: IL "GIGANTE" BELGA PIETERS TRIONFA AL CZECH MASTERS

Ultimo giro record, Andrea Pavan conquista il terzo posto


PRAGA (REP. CECA) - Lasciamo per il momento tranquilli i 70 più grandi giocatori del mondo, a darsi battaglia nel BMW Championship, la seconda delle tre tappe della FedEx Cup in corso a Medinah nell’Illinois. Il primo torneo, il Northern Trust giocato nel New Jersey, l’abbiamo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/277: A PADOVA IL GOLF GIOVANILE INTERNAZIONALE

L'U.S. Kids Venice Open ospitato tra Galzignano, Montecchia e Frassenelle


PADOVA - È ancora una volta a Padova l’International U.S. Kids Venice Open, affollata da centinaia di atleti, provenienti da ogni parte del mondo. L’U.S. Kids è istituzione americana con 27 circoli affiliati in Italia, che ha il fine di aprire il Golf ai più...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/276: LA CALMA DI PATRICK REED È VINCENTE AL NORTHERN TRUST

Lo statunitense bissa il successo del 2016 nel primo torneo della FedEx Cup


NEW JERSEY (USA) - È questa la prima delle tre gare valide per la FedEx Cup, inserita nel corso della stagione PGA Tour: tre tornei a eliminazione, giocati nel mese di agosto, che portano all’assegnazione di una grossa somma di denaro: 15 milioni di dollari del Jackpot al vincitore di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

VIDEO/ Un album dedicato agli eroi "marginali" del secolo scorso

"BREVE DANZÒ IL NOVECENTO", IL NUOVO DISCO DI ALBERTO CANTONE

Il cantautore trevigiano ci presenta alcuni pezzi dal vivo


E' un disco che affonda le sue radici nella Storia l'ultimo lavoro di Alberto CantoneBreve danzò il Novecento”. Un secolo costellato di rivoluzioni e battaglie per i diritti civili che il cantautore racconta nelle 13 tracce del suo ultimo disco. Spiccano alcune figure, eroi considerati minori, che invece di essere celebrati dalla loro epoca, vennero osteggiati. Come successe a Peter Norman, il velocista australiano che nelle Olimpiadi del 1968 salì al 2° posto del podio dei 200 metri con attaccato al petto lo stemma dell'Olympic Project for Human Rights, a sostegno della lotta per i diritti del popolo afroamericano portata avanti dai due atleti statunitensi Tommie Smith e John Carlos, primo e terzo posto. A questo eroe del secolo scorso, Alberto Cantone dedica una canzone che ora “gareggia” per il premio Amnesty – Voci per la libertà. “Con la speranza che arrivi seconda” ci dice sorridendo Alberto Cantone.
Nel corso dell'intervista, Alberto ci ha regalato anche due pezzi dal vivo: “Il regista ed il mediano” dedicato alle figure di Pier Paolo Pasolini e di Luciano Re Cecconi, e un brano dedicato a suo padre, “Capitano”.
La presentazione del disco si terrà sabato 7 aprile con un concerto al Teatro del Pane di Villorba.