Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Proiezione pubblica e incontro con gli studenti trevigiani

IL CAMBIO DI PROSPETTIVA DI MARTINA CAIRONI

La velocista paralimpica protagonista del docu-film Niente sta scritto


TREVISO - Ha portato la sua testimonianza ad oltre duecento studenti delle scuole superiori trevigiane. Per ribadire che anche dopo la caduta più dura ci si può rialzare. Martina Caironi, 28enne bergamasca, nel 2007, in seguito ad un incidente in moto, ha subito l'amputazione della gamba sinistra. Dopo un periodo di inevitabile difficoltà si è appassionata all'atletica: ha vinto l'oro nei cento metri piani alle Paralimpiadi di Londra 2012 e di Rio 2016, dove ha anche conquistato l'argento nel salto in lungo, oltre ad aver vinto cinque titoli mondiali. L'atleta azzurra, insieme al giornalista trentino Piergiorgio Cattani, affetto da una distrofia di duchenne, una grave malattia degenerativa, è protagonista del documentario “Niente sta scritto” del regista trevigiano Marco Zuin.
Di Martina, in particolare, viene raccontato un viaggio in Kenya, in uno dei pochissimi centri per persone disabili del paese, nell''ambito di un progetto di cooperazione internazionale della Fondazione Fontana. La donna paralimpica più veloce al mondo è stata l'ospite d'onore, insieme all'autore, della serata di presentazione del docu-film, promossa dalla Fondazione Zanetti di Treviso, che ha collaborato alla realizzazione.