Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/252: ISPS HANDA VIC OPER, IL PRINCIPALE TORNEO D'AUSTRALIA

Lo scozzese Law e la francese Boutier beffano i favoriti di casa


GEELONG (AUSTRALIA) - È questo il principale avvenimento golfistico in Australia, in cui, a partecipare sullo stesso campo, il “13th Beach Golf Club”, sono 156 uomini e altrettante donne, seppure, queste ultime con distanze di poco ridotte. Sono 6.214 metri per i maschi, e 6mila...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/251: LE STELLE DELL'EUROPEAN TOUR PER LA PRIMA VOLTA IN ARABIA

Dopo le polemiche sui diritti umani, Dustin Johnson vince il Saudi International


GEDDA - Una sfida ad altissimo livello, con quattro dei primi cinque giocatori della classifica mondiale: l’inglese Justin Rose, numero uno vincitore la scorsa settimana del Farmers Open, gli statunitensi Brooks Koepka numero due, Dustin Johnson, numero tre, e Bryson DeChambeau numero cinque,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/250: DECHAMBEAU RE DEL DESERT CLASSIC

Matteo Manassero invitato al Saudi International


DUBAI - Compiuto l’Abu Dhabi Championship la scorsa settimana, l’European Tour rimane negli Emirati Arabi Uniti. Si disputa ora il Dubai Desert Classic, sul percorso par settantadue dell’Emirates Golf Club. Alla celebrazione dei trent’anni, partecipano Edoardo Molinari,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Proiezione pubblica e incontro con gli studenti trevigiani

IL CAMBIO DI PROSPETTIVA DI MARTINA CAIRONI

La velocista paralimpica protagonista del docu-film Niente sta scritto


TREVISO - Ha portato la sua testimonianza ad oltre duecento studenti delle scuole superiori trevigiane. Per ribadire che anche dopo la caduta più dura ci si può rialzare. Martina Caironi, 28enne bergamasca, nel 2007, in seguito ad un incidente in moto, ha subito l'amputazione della gamba sinistra. Dopo un periodo di inevitabile difficoltà si è appassionata all'atletica: ha vinto l'oro nei cento metri piani alle Paralimpiadi di Londra 2012 e di Rio 2016, dove ha anche conquistato l'argento nel salto in lungo, oltre ad aver vinto cinque titoli mondiali. L'atleta azzurra, insieme al giornalista trentino Piergiorgio Cattani, affetto da una distrofia di duchenne, una grave malattia degenerativa, è protagonista del documentario “Niente sta scritto” del regista trevigiano Marco Zuin.
Di Martina, in particolare, viene raccontato un viaggio in Kenya, in uno dei pochissimi centri per persone disabili del paese, nell''ambito di un progetto di cooperazione internazionale della Fondazione Fontana. La donna paralimpica più veloce al mondo è stata l'ospite d'onore, insieme all'autore, della serata di presentazione del docu-film, promossa dalla Fondazione Zanetti di Treviso, che ha collaborato alla realizzazione.