Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/298: DOPO LE PROTESTE POLITICHE, AD HONG KONG TORNA IL GOLF

Successo per Wade Ormsby, Andrea Pavan unico azzurro


HONG KONG - Era stato rinviato per problemi di sicurezza l'Hong Kong Open. Avrebbe dovuto prendere avvio il 28 novembre, ma i disordini legati alla difficile situazione sociale, riordiamo i continui scontri nel Paese, aveva indotto gli organizzatori ad annullare la gara. Ora questo torneo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/297: L'ALTRA META' DEL GOLF AL FEMMINILE

Ad Evian, in Francia, l'unico major "rosa" d'Europa


EVIAN  - Nel doveroso ricordo del record assoluto di vittorie in campo internazionale conquistate dagli azzurri Bertasio, Gagli, Laporta, Migliozzi, i Molinari, Paratore, Pavan nel 2019, cominciamo il 2020 dando l'onore al Golf femminile, seppur in assenza delle atlete italiane.Il Ladies...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/296 - CAMPI/22: GOLF CLUB ACQUASANTA

Alle porte di Roma, il più antico "green" d'Italia


ROMA - Ha oltre un secolo il Golf Acquasanta, è il più antico d’Italia, è prestigioso, ha segnato l'inizio del golf in Italia. Siamo nel 1885 quando alcuni amici inglesi pensano di realizzarlo. Trovano quella posizione superba che odora di eucalipto e di pino marittimo ai...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Manildo: "25 aprile e banche, una legge per il ristoro"

IMBRATTATO IL MONUMENTO AI PARTIGIANI SUL MARIECH

La festa della Liberazione continua a dividere


TREVISO - Il 25 aprile nella Marca si è aperto con uno sfregio al monumento ai partigiani sul Monte Mariech, sopra Valdobbiadene. Come già avvenuto in passato, in occasione della Festa della Liberazione, mani ignote, durante la notte, hanno imbrattato il cippo in memoria dei caduti della Brigata partigiana comunista Giuseppe Mazzini, che su questi monti operò durante la Resistenza, scrivendo per tre volte l'insulto Infami, con vernice nera.
L'atto vandalico è stato scoperto da un iscritto della sezione di Valdobbiadene dell'Anpi, l'Associazione nazionale partigiani, che come ogni anno era salito al monumento per deporre una corona di fiori. L'associaizone ha già presentato denuncia.

Al di là dello spiacevole episodio, la festa della Liberazione è stata celebrata in varie località della provincia. Grande partecipazione a Vittorio Veneto, a Montebelluna il sindaco leghista Marzio Favero ha ribadito l'importanza dei valori del 25 aprile, a Mogliano Veneto sono state appese le immagini di alcune trevigiane che hanno preso parte alla lotta partigiana, mentre a Treviso, nella cerimonia ufficiale a Palazzo dei Trecento, oltre al discorso ufficiale del presidente dell'Anpi Giuliano Varnier, il sindaco Giovanni Manildo ha ribadito che anche oggi è necessario ridare speranza alla collettività, come è avvenuto con la liberazione dal nazifascismo. Per questo Manildo ha rilanciato la proposta di una norma per ristorare di parte delle perdite gli ex soci di Veneto Banca.
“Una sorta di acquisto diretto dei crediti da parte dello Stato – ha sottolineato il primo cittadino del capoluogo -. Propongo quindi al nostro territorio, ai sindaci, ai deputati e senatori e al Presidente Zaia, di avviare un percorso per la creazione una legge di iniziativa popolare in grado di tutelare i creditori. E’ questo l’appello che lancio a tutte le persone che hanno deciso di non arrendersi e che insieme a noi vogliono far sentire la propria voce”.