Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

In conclusione di campionato il derby italiano va a Parma

DELUSIONE FINALE: LE ZEBRE PASSANO A MONIGO 22-17

Troppi errori per i Leoni, doppietta di Sgarbi


TREVISO - Delusione finale per il Benetton: le Zebre passano con merito a Monigo. Nell’ultima gara della regular season, è un buon inizio quello degli uomini di coach Crowley. Al 3’ i Leoni si affacciano già nei 22 avversari con Steyn. Due minuti più tardi sono ancora i biancoverdi a portarsi in avanti, questa volta ci pensa Ruzza a sfuggire alle marcature avversarie purtroppo manca il sostegno al momento del passaggio. Al 12’ ovale recuperato dai bianconeri con Canna che calcia fuori. Altra possibilità per i Leoni di attaccare con Benvenuti che si libera di due avversari ma al terzo placcaggio perde purtroppo il controllo della palla. Si giunge così al 23’ dagli sviluppi di una mischia, serie passaggi tra Tebaldi, Allan, Ioane e ovale che giunge nelle mani di capitan Sgarbi che schiaccia in meta. Allan centra i pali. Alla mezzora giunge anche la reazione delle Zebre, le quali sfruttano la poca disciplina dei Leoni per accorciare le distanze dalla piazzola con Violi. Negli ultimi minuti del primo tempo sono ancora gli uomini di coach Crowley ad essere messi sotto pressione e così allo scadere in seguito ad una touche sui 5 metri biancoverdi, gli ospiti sfruttano un drive trovando la meta con Sisi. Dalla piazzola Canna non è preciso. Nella ripresa i bianconeri trovano presto la via della meta con Canna servito sull’out di destra, Viola sbaglia la trasformazione. Al 48’ errore commesso da Biagi e Leoni che vanno in touche con Allan. Dalla rimessa laterale nasce la maul avanzante ed ancora capitan Sgarbi resiste ad un doppio placcaggio e termina con l’ovale oltre la linea di meta avversaria, Allan centra i pali ed è sorpasso. Pochi instanti dopo l’apertura biancoverde dai pali aggiunge tre punti al tabellino. Le Zebre reagiscono e Treviso concede qualche punizione di troppo. Così gli ospiti ne approfittano ben conquistare i tre piazzati successivi. Violi è preciso in tutte le occasioni e fissa il risultato sul 17 a 22 finale.

BENETTON-ZEBRE 17-22
BENETTON 15 Jayden Hayward, 14 Tommaso Benvenuti (75’ Luca Sperandio), 13 Tommaso Iannone, 12 Alberto Sgarbi (C), 11 Monty Ioane, 10 Tommaso Allan (60’ Marty Banks), 9 Tito Tebaldi, 8 Nasi Manu, 7 Sebastian Negri, 6 Federico Ruzza (60’ Marco Barbini), 5 Alessandro Zanni (40’ Dean Budd), 4 Marco Lazzaroni (40’ Marco Fuser), 3 Tiziano Pasquali (50’ Cherif Traore), 2 Luca Bigi (40’ Hame Faiva), 1 Federico Zani (50’ Nicola Quaglio)
Head Coach: Kieran Crowley
ZEBRE 15 Matteo Minozzi (68’ Edoardo Padovani), 14 Mattia Bellini, 13 Giulio Bisegni, 12 Tommaso Castello (C), 11 Giovanbattista Venditti (63’ Gabriele Di Giulio), 10 Carlo Canna, 9 Marcello Violi (77’ Guglielmo Palazzani)), 8 David Sisi, 7 Johan Meyer, 6 Jacopo Sarto (60’ Derick Minnie), 5 George Biagi (68’ Valerio Bernabò), 4 Leonard Krumov, 3 Dario Chistolini (41’ Eduardo Bello), 2 Oliviero Fabiani (63’ Luhandre Luus,), 1 Andrea Lovotti (70’ Cruze Ah-Nau) Coach: Michael Bradley
MARCATORI: 23’ meta Sgarbi tr. Allan, 32’ p. Violi, 39’ meta Sisi, 44’ meta Canna, 48’ meta Sgarbi tr. Allan, 53’ p. Allan, 55’ p. Violi, 63’ p. Violi, 76’ p. Violi