Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Comune e Ulss per fare di Treviso una città cardioprotetta

DAVANTI ALLE SCUOLE GABELLI IL PRIMO DEFRIBILLATORE "PUBBLICO"

Dodici apparecchi nelle piazze utilizzabili da tutti


TREVISO - Ogni anno in Italia 157mila persone sono colpite da arresto cardiaco improvviso: una ogni 9 minuti. Mai come in questi casi, la tempestività dell'intervento fa la differenza tra la vita e la morte, come spiega Maria Luisa Feramosca, medico coordinatore del Suem 118 di Treviso.
Dopo che ne sono stati dotati società sportive ed edifici pubblici, il Comune di Treviso e l'Ulss hanno messo in atto un progetto per installare defibrillatori in varie piazze e luoghi pubblici della città. Il primo dei dodici apparecchi, acquistati grazie a fondi regionali, è stato posizionato all'esterno delle scuole elementari Gabelli, tra viale Cadorna e piazza Vittoria. Gli altri verranno sistemati nelle prossime ore il altri punti strategici, ribadisce Ofelio Michielan, assessore alla cura e al benessere urbano.
L'obiettivo, infatti, è fare di Treviso una città cardioprotetta, conferma il sindaco Giovanni Manildo
I defibrillatori, collocati in apposite postazioni (che in futuro saranno anche sorvegliate da videocamere per evitare furti e vandalismi) sono a disposizione di tutti. Il loro funzionamento è elementare, garantiscono i promotori, in modo da poter essere utilizzati, in caso di emergenza, anche dai non addetti ai lavori, senza bisogno di specifiche abilitazioni.
Sperando non ve ne sia mai bisogno, tutti potranno contribuire a salvare una vita.