Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/321: COSA È SUCCESSO A FRANCESCO MOLINARI?

Il campione azzurro dovrebbe tornare in campo ad agosto


LONDRA - È troppo tempo che non troviamo in campo Francesco Molinari. L’ultima volta è stato a marzo, quand’era andato a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, una delle più prestigiose gare del PGA Tour. Si svolgeva al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/320 - CAMPI/28: IL GOLF CLUB FRASSANELLE

Buche lunghe nel verde dei Colli Euganei


ROVOLON (PD) - Inserito in una luminosa tenuta, il Golf Frassanelle esprime la raffinatezza del nobiluomo Alberto Papafava che nel 1860 creò questo parco nel comune di Rovolon, su un’altura situata all’estremità settentrionale dei Colli Euganei. L’aristocratico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/319: SPETTACOLO CON GRANDI CAMPIONI ALL'RBC HERITAGE

Successo per Webb Simpson e il suo swing particolare


HILTON HEAD  (USA) - Spettacolo con grandi campioni, sul percorso dell’Harbour Town Golf Links, a Hilton Head nel South Carolina, per l'Rbc Heritage. Sono al via i primi sei giocatori del mondo, compreso ovviamente Jon Rahm, che la scorsa settimana è uscito al taglio, e ora...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'azienda trevigiana ha creato un kit per aiutare a riconoscere gli aromi di cibi e bevande

NASCE TASTERPLACE, LA PALESTRA DELL'OLFATTO

Il segreto del Prosecco?: "Mela verde e un mix di aromi"


MONTEBELLUNA - Imparare a riconoscere gli aromi dei cibi e delle bevande allenando e affinando i sensi, olfatto in primis. L'azienda trevigiana TasterPlace ha creato "Aromi", una collezione di essenze pensata per sviluppare la memoria olfattiva e imparare a degustare al meglio. Una sorta di palestra dell'olfatto per aiutare a riconoscere i diversi aromi ed apprezzare i cibi di qualità. La collezione, composta da 12 campioni olfattivi, è nata analizzando alcuni prodotti di base come cioccolato, vino ed olio extravergine di oliva. Il debutto è stato proprio con quest'ultimo prodotto: il suo kit propone campioni olfattivi che riproducono nove aromi di oli di alta qualità (pompelmo, mela, banana, foglia di pomodoro, carciofo, erba verde, alloro, mandorla e mora) e tre difetti che rendono l'olio d'oliva non idoneo per la categoria extravergine (muffa, rancido e morchia). Il tutto accompagnato da una pubblicazione curata dai maggiori esperti italiani del settore, dove il "lettore-buongustaio" può ottenere tutte le informazioni necessarie per avvicinarsi al mondo della degustazione e apprendere nuove e moderne tecniche per scoprire gusti e sapori ma soprattutto capire il segreto di un vino di successo o del piatto del momento.

I campioni olfattivi di Aromi sono di intensità elevata per aiutare a memorizzare più facilmente i diversi sentori. Una volta memorizzato ogni singolo sentore, diventa più facile riconoscerlo, anche se molto più tenue, all'interno di un bouquet di aromi che compongono un cibo o una bevanda.

"All'inizio per noi l'olio extravergine di oliva aveva un buon profumo di olio ma non riuscivamo a riconoscere i sentori di carciofo o quelli di mela"- spiegano gli ideatori di TasterPlace – "Con il tempo e con l'allenamento abbiamo capito che l'olfatto può essere allenato a riconoscere i diversi aromi facendo apprezzare i cibi di qualità e facendoci capire quali ci piacciono di più. Questo ci ha aperto un nuovo mondo che ci ha insegnato a scegliere cosa mangiare e come abbinare i diversi cibi.".

Nella terra del Prosecco non poteva mancare la confezione Aromi relativa ad uno dei simboli della Marca nel mondo che ha fatto il debutto alla recente mostra "Prosecco&Superiore" a Cà dei Carraresi. Nelle guida si scopre che è la mela verde è il sentore più caratteristico del vitigno Glera. A questo si possono affiancare dei sentori agrumati, di frutta matura e di fiori bianchi. I sentori agrumati ricordano il limone, se le uve sono state coltivate in zone pianeggianti, e il cedro, se provenienti da zone collinari. La frutta matura può ricordare la pera, se da uve coltivate in pianura, e la banana, se da uve coltivate in collina. Ci sono poi numerosi altri sentori che si possono trovare nei diversi Prosecco (erbe mediterranee, biscotto, camomilla …) e che rendono il bouquet vario e complesso. "Un mix di gusti e aromi che spiega la freschezza e l'aroma fruttato e che lo hanno reso un vino versatile, ideale sia per aperitivo che da pasto" ribadiscono con un pizzico di orgoglio trevigiano i fondatori di TasterPlace.