Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/215: ALLA MONTECCHIA VA IN SCENA IL BANCA GENERALI INVITATIONAL

Quarta tappa del circuito sponsorizzato dal gruppo bancario


SELVAZZANO DENTRO (PD) - In un ambiente speciale, la gara di golf 18 buche stableford, contrassegnata dall’esclusività e dal prestigio di “Banca Generali Private”. Era la quarta delle sette tappe del “Trofeo di golf area nord est” sponsorizzato da Banca...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/214: IL CHALLENGE AIGG RITORNA IN VENETO

Giornalisti golfisti impegnati a Frassanelle e al Colli Berici


PADOVA/VICENZA - Il Challenge dei Giornalisti Golfisti d’Italia 2018, dopo le giornate romane è arrivato in Veneto, nel padovano e nel vicentino. Abbiamo giocato in due particolarissimi Campi, ambientati in luoghi molto interessanti. Nella prima giornata abbiamo goduto della...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/213: BUBBA WATSON RE DEL MATCH PLAY

Ad Austin la seconda tappa del World Golf Championship


TREVISO - Sul percorso dell’Austin CC nel Texas, si è giocato il secondo dei quattro eventi stagionali del World Golf Championship, il mini circuito mondiale Match Play, le cui gare sono di livello solo di poco inferiore ai major e il cui montepremi ammonta a 10 milioni di dollari....continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'azienda trevigiana ha creato un kit per aiutare a riconoscere gli aromi di cibi e bevande

NASCE TASTERPLACE, LA PALESTRA DELL'OLFATTO

Il segreto del Prosecco?: "Mela verde e un mix di aromi"


MONTEBELLUNA - Imparare a riconoscere gli aromi dei cibi e delle bevande allenando e affinando i sensi, olfatto in primis. L'azienda trevigiana TasterPlace ha creato "Aromi", una collezione di essenze pensata per sviluppare la memoria olfattiva e imparare a degustare al meglio. Una sorta di palestra dell'olfatto per aiutare a riconoscere i diversi aromi ed apprezzare i cibi di qualità. La collezione, composta da 12 campioni olfattivi, è nata analizzando alcuni prodotti di base come cioccolato, vino ed olio extravergine di oliva. Il debutto è stato proprio con quest'ultimo prodotto: il suo kit propone campioni olfattivi che riproducono nove aromi di oli di alta qualità (pompelmo, mela, banana, foglia di pomodoro, carciofo, erba verde, alloro, mandorla e mora) e tre difetti che rendono l'olio d'oliva non idoneo per la categoria extravergine (muffa, rancido e morchia). Il tutto accompagnato da una pubblicazione curata dai maggiori esperti italiani del settore, dove il "lettore-buongustaio" può ottenere tutte le informazioni necessarie per avvicinarsi al mondo della degustazione e apprendere nuove e moderne tecniche per scoprire gusti e sapori ma soprattutto capire il segreto di un vino di successo o del piatto del momento.

I campioni olfattivi di Aromi sono di intensità elevata per aiutare a memorizzare più facilmente i diversi sentori. Una volta memorizzato ogni singolo sentore, diventa più facile riconoscerlo, anche se molto più tenue, all'interno di un bouquet di aromi che compongono un cibo o una bevanda.

"All'inizio per noi l'olio extravergine di oliva aveva un buon profumo di olio ma non riuscivamo a riconoscere i sentori di carciofo o quelli di mela"- spiegano gli ideatori di TasterPlace – "Con il tempo e con l'allenamento abbiamo capito che l'olfatto può essere allenato a riconoscere i diversi aromi facendo apprezzare i cibi di qualità e facendoci capire quali ci piacciono di più. Questo ci ha aperto un nuovo mondo che ci ha insegnato a scegliere cosa mangiare e come abbinare i diversi cibi.".

Nella terra del Prosecco non poteva mancare la confezione Aromi relativa ad uno dei simboli della Marca nel mondo che ha fatto il debutto alla recente mostra "Prosecco&Superiore" a Cà dei Carraresi. Nelle guida si scopre che è la mela verde è il sentore più caratteristico del vitigno Glera. A questo si possono affiancare dei sentori agrumati, di frutta matura e di fiori bianchi. I sentori agrumati ricordano il limone, se le uve sono state coltivate in zone pianeggianti, e il cedro, se provenienti da zone collinari. La frutta matura può ricordare la pera, se da uve coltivate in pianura, e la banana, se da uve coltivate in collina. Ci sono poi numerosi altri sentori che si possono trovare nei diversi Prosecco (erbe mediterranee, biscotto, camomilla …) e che rendono il bouquet vario e complesso. "Un mix di gusti e aromi che spiega la freschezza e l'aroma fruttato e che lo hanno reso un vino versatile, ideale sia per aperitivo che da pasto" ribadiscono con un pizzico di orgoglio trevigiano i fondatori di TasterPlace.