Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/220: BROOKS KOEPKA FA IL BIS ALL'US OPEN

Il terribile campo di Shinnecock Hills fa strage di big


TREVISO - Risale al 1891 la storia di questo percorso che nasce a 12 buche, alle porte di New York. Seguirono le altre 6 nel 1895, poi subì modifiche nel 1920, per essere completato nel 1931. Oggi il percorso è un par 70 di ben 6.808 metri. Da sempre considerato tra i più...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/219: DAI CONTI CORRENTI AL GREEN, LA SFIDA DEI BANCARI

A Ca' della Nave il torneo tra gli istituti di credito europei


MARTELLAGO - Patrocinato dalla Federazione Italiana Golf, c’è stato, al Circolo del Golf di Cà della Nave, l’incontro di Golf interbancario, tra i dipendenti degli istituti di credito d’Europa, il 17esimo, che ha impegnato il Club ospitante per cinque giornate. Si...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/218: UN GRANDE MOLINARI INFIAMMA L'OPEN D'ITALIA

La vittoria finale, però, va per un colpo al danese Olesen


SOLANO DEL LAGO (BS) - Eccoci arrivati all’Open d’Italia, il tanto atteso appuntamento, il maggiore del Golf italiano. Prologo domenica 27, in piazza Malvezzi e sul lungolago Cesare Battisti a Desenzano, era festa grande a Soiano del Lago: entusiasmo, curiosità, musica e...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Non ce la fa il velocista trevigiano a vincere nella Marca

DELUSIONE MODOLO: LA TAPPA DEL GIRO DI NERVESA VA A VIVIANI

Gran volata di gruppo, l'ha spuntata lo sprinter scaligero


TREVISO - Il Giro d'Italia è arrivato nella Marca, precisamente a Nervesa: non ha vinto, com'era nei voti di tutti, il trevigiano Sacha Modolo, ma il veronese Elia Viviani. L’olimpionico di Rio nell’omnium si è infatti aggiudicato la 13^ tappa, con partenza da Ferrara e arrivo a Nervesa della Battaglia, avendo la meglio in volata su Bennett. Terzo l’eterno piazzato Danny Van Poppel (Lotto NL-Jumbo), quindi Sacha Modolo (Team EF Education First-Drapac), che aveva dato il via allo sprint partendo però troppo “lungo” e Ryan Gibbons (Team Dimension Data). Frazione con pochi sussulti, nella quale gli uomini di classifica si sono presi un giorno di tregua dopo gli scatti degli ultimi giorni. A caratterizzare la tappa era stata una fuga a cinque: a scattare dopo pochi chilometri dal via erano stati Andrea Vendrame (Androni-Sidermec), Alessandro Tonelli (Bardiani-Csf), Markel Irizar (Trek-Segafredo), Marco Marcato (UAE Emirates) ed Eughert Zhupa (Wilier-Selle Italia), ripresi però a 6 km dal traguardo. Nulla cambia in classifica generale, guidata sempre da Simon Yates con 47″ su Dumoulin e 1’04” su Pinot.