Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/292: L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DAL SUDAFRICA

Nel consuento anticipo della stagione 2020 successo di Larrazabal


SUDAFRICA - Son trascorsi solo quattro giorni dalla conclusione della stagione 2019 in Medio Oriente, e l’European Tour già apre in Sudafrica quella del 2020, con il consueto anticipo sull’anno solare. Si gioca sul Par 72 del Leopard Creek CC di Malelane, nel distretto di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/291: DOPO 47 TORNEI, IL TOUR EUROPEO SI CHIUDE A DUBAI

Con la vittoria lo spagnolo Jon Rahm diventa numero uno continentale


DUBAI - Dopo 47 tornei disputati in 31 diverse nazioni, si chiude l’ampia stagione del Tour europeo, con il DP World Tour Championship, sul percorso del Jumeirah Golf Estates, a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti. Il torneo di Dubai mette in palio una prima moneta da record, la leadership...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/290: GRAN RIMONTA DI FLEETWOOD IN SUDAFRICA

L'inglese fa suo il Nedbamk Challenge. Bene Migliozzi


SUN CITY (SAF) - Siamo al settimo degli otto eventi delle Rolex Series dell’European Tour, si gioca sul percorso del Gary Player CC, a Sun City in Sudafrica, uno dei Campi più lunghi del mondo (8.000 m). Nato nel 1981 come evento riservato a pochi eletti, tra i migliori al mondo che si...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Garatre senza storia, De Longhi mai in partita

CLAMOROSO TONFO DI TVB, TRIESTE PASSA AL PALAVERDE 86-54

Un crollo tanto pesante quanto inatteso


TREVISO - E' finita nel peggiore dei modi: Trieste travolge Treviso e vola nei quarti, i nostri invece finiscono qui una stagione iniziata sotto i migliori auspici e terminata al contrario in maniera ingloriosa. Nella bolgia del Palaverde Trieste non si fa intimidire e prova sin da subito a condurre le danze (4-10) grazie al parziale di 5-0 realizzato dalla tripla di Green e la penetrazione vincente di Mussini. Per la De’ Longhi a segno c’è il solo Brown (6pt), TVB fatica a trovare soluzioni sotto un canestro ben protetto dall’“ombrello” Cittadini. Pillastrini muove la panchina con l’inserimento di Swann, Imbrò e Bruttini; è proprio la guardia con il numero 4 a rimettere in corsa TVB con 7 punti che valgono il pari a due minuti dal termine del primo quarto (11-11). TVB continua il suo rapporto complicatissimo con i liberi (5/9), a differenza dell’Alma che con Prandin (4pt) torna ad allungare il divario che potrebbe essere maggiore se Janelidze non si divorasse un appoggio in solitaria al termine del quarto (14-17).
La De’ Longhi è frenetica e attanagliata dalla pressione, l’attacco non riesce a trovare fluidità e, nonostante gli sprazzi di un combattivo Sabatini, Trieste ne approfitta per scappare. C’è anche un tecnico per Swann, molto nervoso; ne approfitta Fernandez, mentre entra in gara anche Loschi che va a segno da tre, poi Da Ros piazza il colpo del +8 (17/25) al 14’. A cinque minuti dall’intervallo gli stessi protagonisti del primo allungo, Loschi (2/2 da tre) e Da Ros (9pt all’intervallo) tracciano il solco fino al +15. TVB fatica sempre di più, non riuscendo a concretizzare neanche le cose più semplici.
Un dato su tutti: TVB chiude con 1/11 da tre e 7/14 ai tiri liberi una prima parte di gara da dimenticare, che si chiude con Trieste nettamente avanti 26-42 nello scoramento del Palaverde dove si sentono ormai solo i tifosi alabardati. Chi si aspetta una reazione d’orgoglio di Fantinelli e compagni dopo l’intervallo resta deluso: i primi possessi, tra palle perse ed errori marchiani, indirizzano già la partita verso l’amaro epilogo. L’Alma non deve neppure spingere troppo, perché la squadra di Pillastrini continua con percentuali assolutamente deficitarie e l’attacco balbettante è facile preda della difesa ospite. Anche i tiri liberi sono un calvario per Antonutti e compagni che vedono gli avversari sempre più lontani. Da Ros da play aggiunto crea per sé e per i compagni, Loschi e Prandin danno energia e sostanza, Fernandez detta i ritmi e l’Alma anche con un Green “terrestre” va a rullo fino al 35-62 del 30’. L’ultimo periodo è un lungo garbage time di agonia per la De’ Longhi Treviso, che assiste quasi inerme alla compattezza della squadra triestina, che non molla un centimetro e chiude con cinque uomini in doppia cifra una partita dominata in lungo e in largo. Il finale è impietoso: 54-86 con Trieste che festeggia al Palaverde e il pubblico trevigiano a testa bassa. I ragazzi di coach Dalmasson tornano dopo un anno a giocarsi in finale la Serie A, per TVB invece l’amarezza di una stagione terminata di fronte al proprio pubblico in maniera negativa, con la grande delusione di non averci nemmeno provato in gara3 dopo le due battaglie equilibrate in terra triestina.

DE’ LONGHI TREVISO – ALMA TRIESTE 54-86

DE’ LONGHI: Sabatini 4 (0/1 da 2), Musso 0 (0/1, 0/2), Fantinelli 4 (1/5, 0/3), Lombardi 0 (0/2, 0/1), Brown 14 (7/12 da 2); Bruttini 6 (1/6 da 2), Swann 14 (3/5, 2/4), Antonutti 4 (1/2, 0/1), Imbrò 8 (1/1, 2/8), Negri. Ne: De Zardo, Barbante. All.: Pillastrini
ALMA: Mussini 15 (2/3, 3/6), Cavaliero 9 (1/1, 2/4), Green 13 (3/5, 2/4), Da Ros 13 (6/8, 0/1), Bowers 6 (2/3 da 3); Fernandez 1 (0/3 da 3), Janelidze 6 (3/3 da 2), Prandin 10 (4/5 da 2), Loschi 12 (4/6 da 3), Cittadini 1 (0/1 da 2). Ne: Schina, Deangeli. All.: Dalmasson
ARBITRI: Capotorto, Gagliardi, Costa
NOTE: pq 14-17, sq 26-42, tq 35-62. Tiri liberi: TV 14/24, TS 9/13. Rimbalzi: TV 18+11 (Fantinelli 6+1), TS 31+5 (Green 8 dif.). Assist: TV 12 (Fantinelli 10), TS 26 (Cavaliero 6). Fallo antisportivo a Cittadini al 10’20” (14-17). Fallo tecnico a Swann al 11’22” (17-19). Spettatori: 5125.