Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/315: I CIRCOLI FINALMENTE RIAPRONO

Massima attenzione, ma non c'è ambiente più salutare dei campi


MARTELLAGO - Era tempo, sono tanti i golfisti che attendevano questo momento, desiderosi di ritrovare il benessere fisico, hanno ora il morale risollevato. Questa disciplina è pronta a ripartire, meglio di tante altre, la sua pratica è essa stessa anti Covid. Non prevede...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/314 - CAMPI/26: IL GOLF CLUB AL LIDO

Agli Alberoni, il primo campo del Veneto ispirato da Henry Ford


VENEZIA - Golf al Lido, Alberoni. Parliamo del Campo di Golf che nasce nel 1928, il primo nel Veneto. Il posto dove sorge è fascinoso: una lingua di terra tra mare e laguna, un po' complicato da raggiungere. Ma qui non è applicabile il detto “per aspera ad astra”,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/313- CAMPI/25: IL GOLF CLUB DONNAFUGATA

In Sicilia, un gioiello in cerca di rilancio


RAGUSA - Un gioiello italiano del Golf in ginocchio, un’eccellenza italiana che sta scomparendo. Civico 194 di Contrada Piombo, nel Ragusano. Immerso nella macchia mediterranea, laborioso arrivarci, un angolo di Sicilia affascinante. Le terre di Tomasi di Lampedusa, il Gattopardo, Intriso di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Sudafricano, 31 anni, 1.75, 79 kg

UN NUOVO MEDIANO DI MISCHIA PER IL BENETTON: DEWALDT DUVENAGE

"Mi ha convinto la filosofia di gioco della squadra"


TREVISO - Benetton Rugby è lieto di comunicare l’arrivo a titolo definitivo di Dewaldt Otto Duvenage, proveniente dagli Stormers franchigia di Super Rugby con base a Città del Capo. Nato a Bellville (Sudafrica) il 22 maggio 1988, pesa 79kg ed è alto 175cm. Mediano di mischia dinamico, ha tra le sue caratteristiche principali la rapidità nei movimenti, l’abilità nei passaggi ed un’ottima lettura del gioco. La carriera rugbistica di Duvenage comincia con i Boland Cavaliers, club che partecipa annualmente alla Currie Cup. Dopo due stagioni e mezzo trascorse a Wellington, Dewaldt viene selezionato prima dalla nazionale sudafricana Under 20 per disputare il mondiale di categoria in Galles, e successivamente dagli Stormers per disputare l’allora Super 14. Al termine di quest’ultimo inizia la sua avventura con i Western Province con cui, il 13 giugno del 2009, disputa anche una gara contro i British & Irish Lions. Duvenage prosegue per altre quattro stagioni alternando presenze e campionati con le maglie degli Stormers e dei Western Province prima di trasferirsi, nell’estate del 2013, in Francia più precisamente a Perpignan. Nei tre anni trascorsi in oro e rosso, tra Top14, Pro D2 e Champions Cup, Dewaldt è tra i giocatori più utilizzati; a parlare per lui ci pensano le statistiche che lo vedono sempre oltre i 1000 minuti giocati a fine di ogni stagione. Compagno di squadra sia Tommaso Allan che di Tommaso Benvenuti, il neo mediano di mischia biancoverde lascia la Francia nel 2016 per tornare nuovamente in Sudafrica, riprendendo sino ad oggi ciò che aveva lasciato: Currie Cup con i Western Province e Super Rugby con gli Stormers.
Duvenage arriverà a Treviso nel mese di agosto dopo la fine del Super Rugby.
Queste le dichiarazioni di Dewaldt Duvenage: “Sono molto entusiasta di entrare a far parte della famiglia del Benetton Rugby. La filosofia di rugby interpretata dalla squadra è ciò che mi ha convinto a scegliere questo club, oltre al poter essere allenato da coach Kieran Crowley e da uno staff di professionisti. Intento portare energia nuova alla squadra e mettere al servizio di tutti la mia esperienza per rendere i tifosi di Treviso estremamente orgogliosi di noi”
“In un ruolo chiave all’interno del piano di gioco voluto da Crowley, andiamo ad inserire un giocatore esperto e dotato di capacità di leadership come Dewaldt. Inoltre l’essere mancino riuscirà a dare le giuste alternative al gioco al piede. L’esperienza fatta in Europa e le conoscenze in squadra, su tutte quelle con Allan e Benvenuti suoi ex compagni a Perpignan, gli permetteranno di non aver problemi nell’integrarsi” ha concluso così il direttore sportivo Antonio Pavanello.