Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/309: NEL "BARRACUDA", A MORDERE Č L'AMERICANO MORIKAWA

Il torneo in Nevada uno degli ultimi giocati prima dello stop


RENO (USA) - Il torneo ha avuto luogo in un momento in cui i big mondiali erano impegnati a Memphis, nel Tennessee, ad affrontarsi nel WGC-FedEx St. Jude, mentre gli appassionati di Golf erano attratti a seguire questo campionato, il Barracuda, ufficialmente denominato Reno-Tahoe Open. Si tratta di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"La Serena? Quando possibile la chiuderemo"

SICUREZZA, PROFUGHI, BANCHE: L'AGENDA DEL PREFETTO

Maria Rosaria Laganą al lavoro a Treviso


TREVISO - Sicurezza, gestione dell'immigrazione, crak delle ex popolari. Sono bastate neppure 48 ore e i primi incontri di presentazione con enti locali e forze dell'ordine, a Maria Rosaria Laganà, nuovo prefetto di Treviso, per mettere a fuoco i temi cruciali della sua agenda istituzionale. Questioni che in parte, peraltro, aveva già avuto modo di affrontare anche nel suo precedente incarico alla guida della Prefettura di Pordenone.
La nuova rappresentante del governo sul territorio, insediatasi lunedì, terza donna consecutiva a ricoprire questo ruolo nella Marca, ha sottolineato i risultati raggiunti dalle forze dell'ordine ("Vanno mantenuti e migliorati"), apprezzando molto la collaborazione anche delle Polizie locali, a partire da quella del capoluogo: "Una disponibilità che in altre province non c'è e che è molto importante".
Sul fronte dell'accoglienza dei richiedenti asilo, conferma di aver colto le preoccupazioni legate soprattutto al presenza del centro alla Caserma Serena. Lo stesso sindaco di Treviso, Mario Conte le ha confermato la richiesta di chiuderlo. "Se ovviamente non ce ne sarà più la necessità, verrà chiusa - ha sottolineato il neoprefetto - ma certamente sarebbe peggio se gli immigrati oggi ospitati venissero lasciati in strada senza nessun controllo e assistenza. Finirebbe di certo in percorsi illegali".
Maria Rosaria Laganà ha ribadito di voler agire in continuità con il suo predecessore, Laura Lega, nominata prefetto di Firenze. Ad esempio, sul tema della prevenzione delle infiltrazioni della criminalità organizzata: "Non ci sono situazione preoccupanti, ma questo è un territorio ricco e dunque appetibile".
Tra i problemi da affrontare, le conseguenze del crollo della banche venete. "La Prefettura - ha spiegato la nuova responsabile - vuole cercare di essere al fianco soprattutto ai piccoli risparmiatori che hanno più difficoltà a far sentire la propria voce".