Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/306: AL QATAR MASTERS, SUCCESSO DI JORGE CAMPILLO

L'iberico vince il testa a testa con lo scozzese Drysdale


QATAR - Sarebbe stato mio desiderio seguire le imprese di Francesco Molinari, intento a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, la prestigiosa gara dedicata al grande architetto campione di golf. All’azzurro è però capitato un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Attivo in passato anche a Conegliano, la Polizia l'ha bloccato a Treviso

ARRESTATO IL BOSS DELLA RICETTAZIONE DI BICICLETTE RUBATE

Un 37enne ghanese aveva messo in piedi un lucroso business illegale


TREVISO - Era specializzato nella ricettazione di biciclette rubate, che rivendeva poi nel marcato clandestino. Un ghanese 37enne aveva così messo in piedi un lucroso giro d'affari illegale, ora spezzato dalla Polizia di Stato.
Gli agenti della Squadra Mobile tenevano d'occhio l'africano da qualche tempo, dopo aver registrato anche un lieve aumento di fuori di cicli nel capoluogo: martedì mattina, al termine delle indagini, l'hanno arrestato in centro a Treviso. A carico dell'uomo c'era anche un ordine di carcerazione della Procura di Treviso, in esecuzione di una condanna per analoghi reati, risalenti al 2012 e compiuti nella zona di Conegliano. Per il ghenese, dunque, si sono aperte le porte del carcere di Santa Bona.