Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/288: TRIONFO DA RECORD IN GIAPPONE PER TIGER WOODS

La "Tigre" raggiunge il mito Snead con 82 titoli sul circuito


Non finisce di stupire Tiger Woods, il grande Campione. Eccolo allo Zozo Championship, giocato sul par 70 dell'Accordia Golf Narashino a Chiba, l’evento con cui il PGA Tour fa il suo esordio in Giappone. Aveva un obiettivo Tiger Woods: raggiungere Sam Snead, che lo avanzava di un solo titolo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/287: ALL'ALBENZA IL CAMPIONATO INDIVIDUALE AIGG

Dario Bartolini si aggiudica il titolo italiano asoluto


BERGAMO - A conclusione del nostro challenge, è il momento del Campionato individuale 2019. Siamo ad Almenno San Bartolomeo, nel Bergamasco, al Golf Club Albenza. Il Campo copre 85 ettari di delicate colline in direzione delle Prealpi lecchesi, su cui si snodano 27 buche nate da più...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/286: L'OPEN D'ITALIA PER LA PRIMA VOLTA PARLA AUSTRIACO

All'Olgiata si impone Bernd Wiesberger, sotto tono Chicco Molinari


ROMA - Eccoci giunti al più grande appuntamento italiano dell’anno con il Golf: la 76esima edizione dell’OPEN D’ITALIA. A ospitarla è l’Olgiata Golf Club di Roma,nel percorso di gara, par 71, su quei terreni dove pascolava Ribot; un Open da gustare dalla...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Per la sezione corti vince "Nightshade", tra i documentari “The Lives of Mecca”

EDERA FILM FESTIVAL: LA EDUCATION DEL REY CONQUISTA LA GIURIA

A "Estiu 1993" il Premio Speciale "Donne si fa Storia"


TREVISO - Boom di pubblico, specialmente nelle giornate di sabato e domenica, e trionfo del talento internazionale classe under 35 i minimi comuni denominatori di questa prima edizione di Edera Film Festival. Un viaggio intenso e polifonico nella produzione cinematografica giovane e indipendente, che dal 2 al 5 agosto ha trasformato la città in una piattaforma di sinergie fra attori del territorio locale e protagonisti della scena creativa internazionale.

Domenica la giuria ha proclamato le opere vincitrici delle tre sezioni ufficiali del concorso: il Premio per il Miglior Lungometraggio è andato al film “La Educación del Rey” dell’argentino Santiago Esteves; “Nightshade”, dell’olandese i Shady El-Hamus, ha conquistato il Premio per la sezione Cortometraggi, per i documentari premiato “The Lives of Mecca” dello svizzero Stefano Etter.

Accanto, le giurie ufficiali del festival hanno voluto attribuire una menzione speciale ai cortometraggi “Uomo in mare” di Emanuele Palamara e “Stakhanov” di Alex Scarpa per l’originalità, la sensibilità e la delicatezza degli sguardi su questioni intime e collettive che contraddistinguono la contemporaneità. Menzione speciale anche ai documentari, “Adaptation” di dell’armeno Manne e a “Iku Manieva” del messicano Isaac Ruiz Gastélum.

A “Estiu 1993” della spagnola Carla Simón, la giuria del Premio Speciale Donne Si Fa Storia, composta da Mujah Maraini-Melehi, Cristina Greggio ed Emanuela Zilio, ha deciso unanimamente di attribuire alla giovane regista catalana questo premio al femminile, riservandone la consegna in un

apposito evento organizzato nel corso della 75^ Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, nello Spazio Regione del Veneto, domenica 2 settembre 2018, alle ore 15.00.

Per i vincitori premiati dalle tre giurie ufficiali è stata creata dall’artista trevigiana Patrizia Polese, in collaborazione con Antolini, un’opera d’arte testimone della volontà del festival di valorizzare a tutto tondo il potenziale artistico del territorio.