Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/341: COME FUNZIONA LA QUALYFING SCHOOL?

Alla scoperta dei tornei che promuovono alle competizioni maggiori


TREVISO - Questa settimana andiamo a vedere da vicino come funziona la “Qualifying School”, la serie di tornei dell’Alps Tour che promuovono i talenti mondiali a ottenere la “carta” che permette di partecipare alle competizioni, e come sono regolate le classifiche...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/340: L'AUGUSTA MASTERS INCORONA DUSTIN JOHNSON

Insolita collocazione autunnale per l'ultimo major


AUGUSTA - Un Masters Tournament insolito, giocato a metà novembre anziché ad aprile, non primo, ultimo major. L’autunno propone tutt’altra scenografia rispetto al clima primaverile quando l’Augusta in Georgia ama fare sfoggio di un mare di fiori: distese di...continua

Attualitā
PILLOLE DI GOLF/339: FRANCESCO MOLINARI, AL RIETRO, Č 15° A HOUSTON

Carlos Ortiz regala al Messico un successo dopo 40 anni


HOUSTON (USA) - Francesco Molinari è tornato in campo per partecipare al Vivint Houston Open, torneo del PGA Tour in programma sul par 70 del Memorial Park Golf Course di Houston in Texas. Qualcuno lo definisce “la gara dei grandi ritorni”. Tra i più attesi, oltre a...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'agguato a Oderzo lo scorso 4 agosto

SPARA AL RIVALE, ALBANESE ARRESTATO

L'aggressore accusato di tentato omicidio


ODERZO - E' stato fermato dai carabinieri di Treviso l'uomo che il 4 agosto scorso ha sparato, ferendolo alla schiena, ad un addetto alla sicurezza di una società che lavora per l'aeroporto di Venezia. E' un albanese, connazionale della vittima. Il movente è legato alla gelosia nei confronti di una donna. L'uomo è stato sottoposto a fermo di polizia giudiziaria e nelle prossime ore verrà interrogato. L'agguato era scattato alle 3 e ezza di notte nei pressi della stazione ferroviaria di Oderzo. L'addetto alla sicurezza venne colpito da un proiettile alla schiena mentre stava rincasando. Ricoverato al Cà Foncello di Treviso si salvò miracolosamente dopo un'operazione chirurgica. La pista passionale fu una delle prime ad essere seguita dagli investigatori.