Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/329: BRILLA SEMPRE PIÙ LA GIOVANE STELLA DI RASMUS HOJGAARD

Il 19enne danese trionfa all'Isps Handa Uk Championship


SUTTON COLDFIELD (GBR) - Con l'Isps Handa Uk Championship, eccoci alla conclusione dell’”UK Swing”, con due azzurri in campo: Edoardo Molinari e Lorenzo Scalise, unici due italiani presenti al torneo che conclude il ciclo di sei gare denominate “UK Swing”, e che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Un ordigno esploso. Artificieri al lavoro per disinnescare l'altra bomba

BOMBA ALLA SEDE DELLA LEGA DI VILLORBA

Zona transennata ed interdetta al traffico


Villorba. Attentato alla sede della Lega di Villorba. Un ordigno è esploso poco dopo le 13 nell'area retrostante l'ingresso della storica sede del K3. Gli artificieri sono sul posto perchè è stata rinvenuta un'altra bomba rimasta inesplosa. In questo momento al k3 ci sono l'ex sindaco di Treviso Giampaolo Gobbo e il vicesindaco di Villorba Giacinto Bonan. Sul posto anche polizia, carabinieri, vigili del fuoco e il 118. Secondo le prime indiscrezioni in attesa di ricorferma la presenza degli ordigni sarebbe stata rivendicata con una telefonata ai centralini delle forze dell'ordine. Sempre secondo alcune indiscrezioni si tratterebbe di ordigni non rudimentali ma costruiti da mani esperte.

Galleria fotograficaGalleria fotografica