Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/271: MATTHEW JORDAN ALL'ULTIMO COLPO NELL'ITALIAN CHALLENGE

L'inglese si impone al playoff sull'azzurro Scalise


MONTEROSI (VT) - Usciamo per un po’ dagli schemi del PGA, e dell’European Tour, per vedere come vanno le cose con l’Italian Challenge. Il Challenge Tour è il tour di golf professionale maschile europeo di secondo livello. È gestito dal PGA European Tour e, come per...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/270: IL GOLF ABBRACCIA LA SOLIDARIETA’

A Ca' della Nave l'undicesimo Trofeo Par 108


MARTELLAGO - Non finisce di stupire il Par 108. È nato bene, ed è un continuo crescendo: per l’affiatamento dei soci, e la buona organizzazione. Domenica il loro Comitato ha programmato una Louisiana a quattro giocatori, 18 buche stableford sul percorso del Club di Ca della...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/269: SETTE AZZURRI IN GARA IN GERMANIA PER L'EUROTOUR

Con una spettacolare rimonta Andrea Pavan vince il Bmw International


MONACO DI BAVIERA (GER) - Edoardo Molinari, Guido Migliozzi, Nino Bertasio, Lorenzo Gagli, Andrea Pavan, Filippo Bergamaschi e Renato Paratore reduce quest’ultimo dall’US Open, sua prima esperienza in un major, scendono in campo al Golf Club München Eichenried di Monaco di Baviera,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Una micro azienda paga il denaro il doppio di una grande

CONTINUA LA STRETTA AL CREDITO PER LE PICCOLE IMPRESE

Secondo Confartigianato prestiti ridotti del 10% in un anno


TREVISO - Continua la stretta nel credito per le piccole imprese. A rilevarlo un dossier dell'Ufficio studi nazionale di Confartigianato. Nella Marca i prestiti, a breve, medio e lungo termine, paria nel complesso 815milioni di euro, a fine 2017 hanno registrato un calo del 10.6% rispetto all'anno precedente. Treviso è al decimo posto della classifica nazionale per quota di finanziamenti sul totale, ma all'86esimo per la peggior variazione da un anno all'altro. E se il raffronto avviene con il 2014 la percentuale più che raddoppia: meno 21.5 %.
Ma per l'associazione artigiana, il problema non sta solo nella "quantità": secondo lo studio, infatti, nel 2017 una micro impresa sana ha pagato un tasso del 5,70 per cento, quasi doppio rispetto al 3,24 per cento pagato da una grande impresa rischiosa. "Eppure le piccole imprese mostrano una qualità del credito maggiore rispetto alle imprese medio-grandi quasi dappertutto nel Paese - precisa la nota - . In Veneto il gap è di 3,7 punti percentuali. Finanziamenti sempre più rarefatti e costosi, quindi. Un trattamento che nei fatti sottrae ai piccoli imprenditori quella liquidità necessaria a fare investimenti e ad agganciare la ripresa".
“Sistema da correggere certamente - commenta Vendemiano Sartor, presidente provinciale di Confartigianato - ma di pari passo è necessario essere più attrezzati come imprenditori. Da questi numeri reagiamo con un rilancio della nostra azione di supporto e formazione a tutela del nostro sistema imprenditoriale.
“Siamo passati - conclude Sartor - dalla discrezionalità eccessiva all’applicazionesterile di tabelle, per giungere, oggi, a strumenti nuovi e un meccanismo in virtù del quale l’erogazione dei fondi viene fatta con cognizione di causa attraverso l’analisi approfondita di ogni singola situazione. Ci sono margini di miglioramento nella conoscenza delle imprese e qui si rafforza il ruolo delle associazioni e dei confidi per la loro prossimità alle imprese".