Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Una micro azienda paga il denaro il doppio di una grande

CONTINUA LA STRETTA AL CREDITO PER LE PICCOLE IMPRESE

Secondo Confartigianato prestiti ridotti del 10% in un anno


TREVISO - Continua la stretta nel credito per le piccole imprese. A rilevarlo un dossier dell'Ufficio studi nazionale di Confartigianato. Nella Marca i prestiti, a breve, medio e lungo termine, paria nel complesso 815milioni di euro, a fine 2017 hanno registrato un calo del 10.6% rispetto all'anno precedente. Treviso è al decimo posto della classifica nazionale per quota di finanziamenti sul totale, ma all'86esimo per la peggior variazione da un anno all'altro. E se il raffronto avviene con il 2014 la percentuale più che raddoppia: meno 21.5 %.
Ma per l'associazione artigiana, il problema non sta solo nella "quantità": secondo lo studio, infatti, nel 2017 una micro impresa sana ha pagato un tasso del 5,70 per cento, quasi doppio rispetto al 3,24 per cento pagato da una grande impresa rischiosa. "Eppure le piccole imprese mostrano una qualità del credito maggiore rispetto alle imprese medio-grandi quasi dappertutto nel Paese - precisa la nota - . In Veneto il gap è di 3,7 punti percentuali. Finanziamenti sempre più rarefatti e costosi, quindi. Un trattamento che nei fatti sottrae ai piccoli imprenditori quella liquidità necessaria a fare investimenti e ad agganciare la ripresa".
“Sistema da correggere certamente - commenta Vendemiano Sartor, presidente provinciale di Confartigianato - ma di pari passo è necessario essere più attrezzati come imprenditori. Da questi numeri reagiamo con un rilancio della nostra azione di supporto e formazione a tutela del nostro sistema imprenditoriale.
“Siamo passati - conclude Sartor - dalla discrezionalità eccessiva all’applicazionesterile di tabelle, per giungere, oggi, a strumenti nuovi e un meccanismo in virtù del quale l’erogazione dei fondi viene fatta con cognizione di causa attraverso l’analisi approfondita di ogni singola situazione. Ci sono margini di miglioramento nella conoscenza delle imprese e qui si rafforza il ruolo delle associazioni e dei confidi per la loro prossimità alle imprese".