Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/309: NEL "BARRACUDA", A MORDERE È L'AMERICANO MORIKAWA

Il torneo in Nevada uno degli ultimi giocati prima dello stop


RENO (USA) - Il torneo ha avuto luogo in un momento in cui i big mondiali erano impegnati a Memphis, nel Tennessee, ad affrontarsi nel WGC-FedEx St. Jude, mentre gli appassionati di Golf erano attratti a seguire questo campionato, il Barracuda, ufficialmente denominato Reno-Tahoe Open. Si tratta di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Una micro azienda paga il denaro il doppio di una grande

CONTINUA LA STRETTA AL CREDITO PER LE PICCOLE IMPRESE

Secondo Confartigianato prestiti ridotti del 10% in un anno


TREVISO - Continua la stretta nel credito per le piccole imprese. A rilevarlo un dossier dell'Ufficio studi nazionale di Confartigianato. Nella Marca i prestiti, a breve, medio e lungo termine, paria nel complesso 815milioni di euro, a fine 2017 hanno registrato un calo del 10.6% rispetto all'anno precedente. Treviso è al decimo posto della classifica nazionale per quota di finanziamenti sul totale, ma all'86esimo per la peggior variazione da un anno all'altro. E se il raffronto avviene con il 2014 la percentuale più che raddoppia: meno 21.5 %.
Ma per l'associazione artigiana, il problema non sta solo nella "quantità": secondo lo studio, infatti, nel 2017 una micro impresa sana ha pagato un tasso del 5,70 per cento, quasi doppio rispetto al 3,24 per cento pagato da una grande impresa rischiosa. "Eppure le piccole imprese mostrano una qualità del credito maggiore rispetto alle imprese medio-grandi quasi dappertutto nel Paese - precisa la nota - . In Veneto il gap è di 3,7 punti percentuali. Finanziamenti sempre più rarefatti e costosi, quindi. Un trattamento che nei fatti sottrae ai piccoli imprenditori quella liquidità necessaria a fare investimenti e ad agganciare la ripresa".
“Sistema da correggere certamente - commenta Vendemiano Sartor, presidente provinciale di Confartigianato - ma di pari passo è necessario essere più attrezzati come imprenditori. Da questi numeri reagiamo con un rilancio della nostra azione di supporto e formazione a tutela del nostro sistema imprenditoriale.
“Siamo passati - conclude Sartor - dalla discrezionalità eccessiva all’applicazionesterile di tabelle, per giungere, oggi, a strumenti nuovi e un meccanismo in virtù del quale l’erogazione dei fondi viene fatta con cognizione di causa attraverso l’analisi approfondita di ogni singola situazione. Ci sono margini di miglioramento nella conoscenza delle imprese e qui si rafforza il ruolo delle associazioni e dei confidi per la loro prossimità alle imprese".