Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/306: AL QATAR MASTERS, SUCCESSO DI JORGE CAMPILLO

L'iberico vince il testa a testa con lo scozzese Drysdale


QATAR - Sarebbe stato mio desiderio seguire le imprese di Francesco Molinari, intento a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, la prestigiosa gara dedicata al grande architetto campione di golf. All’azzurro è però capitato un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Parte la stagione dei funghi e l'uls 2 mette a disposizione esperti micologici

ESPERTI GRATIS PER CONTROLLARE I FUNGHI

L'anno scorso effettuate 150 perizie


CONEGLIANO. In coincidenza con l’inizio della stagione dei funghi, il Distretto Pieve di Soligo dell’Ulss 2, per prevenire possibili intossicazioni, assicura come ogni anno, il controllo sulla commestibilità dei funghi freschi raccolti dai privati. I controlli sono gratuiti, proseguiranno fino al termine della stagione di raccolta e vengono effettuati presso il Distretto di via Galvani a Conegliano da parte del personale con qualifica di esperto micologo.

Gli ispettori micologi forniscono ai privati che raccolgono funghi per il proprio consumo una consulenza finalizzata al riconoscimento delle specie raccolte e alla determinazione della commestibilità. Per agevolare il riconoscimento, l’utente deve separare i diversi tipi di funghi trasportandoli in contenitori rigidi e forati (non in sacchetti di plastica). E’ importante che venga esaminato l’intero quantitativo raccolto: all’utente sarà quindi rilasciato l’esito del controllo micologico con la valutazione di commestibilità.

Nell’anno 2017 gli ispettori micologi hanno effettuato circa 150 perizie.

E’ fondamentale non fidarsi delle credenze popolari o di metodi empirici per valutare la tossicità dei funghi raccolti. L’unico metodo sicuro per l’identificazione delle specie commestibili è la classificazione sulla base delle loro caratteristiche, eseguita da personale appositamente formato. La maggior parte delle intossicazioni è determinata da funghi velenosi raccolti da persone inesperte ma, anche, da funghi generalmente commestibili, raccolti in luoghi inidonei o cucinati in modo non appropriato. E’ dunque opportuno sottoporre a controllo micologico tutti i funghi freschi raccolti, prima di consumarli, in modo da avere la certezza che si tratti di specie commestibili. Si ricorda inoltre che tutti i funghi vanno consumati ben cotti, poiché crudi sono scarsamente digeribili, se non addirittura tossici. Il comune “chiodino” (Armillaria mellea), il fungo più raccolto nella zona pedemontana, è notoriamente tossico da crudo e diventa commestibile da cotto: richiede pertanto una prebollitura di almeno 15-20 minuti, l’eliminazione dell’acqua, e la successiva cottura definitiva. In caso di comparsa di sintomi associabili al consumo da funghi, anche se mangiati giorni prima, ci si deve recare, al più presto, al Pronto Soccorso.