Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/306: AL QATAR MASTERS, SUCCESSO DI JORGE CAMPILLO

L'iberico vince il testa a testa con lo scozzese Drysdale


QATAR - Sarebbe stato mio desiderio seguire le imprese di Francesco Molinari, intento a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, la prestigiosa gara dedicata al grande architetto campione di golf. All’azzurro è però capitato un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Secondo il governatore occorreva subito una presa di posizione che non c'è stata

CROLLO PONTE, ZAIA: "SITUAZIONE GESTITA MALE DA BENETTON"

La priorità in Regione è la sistemazione del Ponte di Vidor


VENEZIA."Una situazione gestita male dalla famiglia Benetton, perchè occorreva subito una presa di posizione. Però è bene e fondamentale chiarire fino in fondo le cause del crollo e le relative responsabilità. I cittadini hanno diritto di capire cosa è accaduto". Luca Zaia interviene sul dibattito dopo il crollo di Genova e punta il dito contro la famiglia di industriali di Ponzano, ma risponde anche al ministro DaniloToninelli che vorrebbe privatizzare le autostrade spiegando che con le attuali regole per lo stato sarebbe un suicidio.

Le infrastrutture, i ponti ed i cavalcavia delle rete regionale sono sicuri. Luca Zaia snocciola numeri e cifre: come i 15 milioni di euro dati a Veneto strade per le manutenzioni ma poi indica anche una priorità: la sistemazione emessa in sicurezza del Ponte sul Piave a Vidor. Lavori per i quali sono necessari fondi statali.

Altro tema affrontato quello della Pedemontana e della questione sicurezza. Tra dieci giorni arriverà il ministro Matteo Salvini per firmare il rinnovo del protocollo in materia di trasparenza e legalità. Una presenza che di fatto è il placet per finire un'opera aspramente contestata, ma sulla quale i protocolli relativi ai controlli e ai monitoraggi dello stato di salute erano stati decisi in tempi non sospetti, prima del disastro in Liguria.