Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/257: AL PLAYERS CHAMPIONSHIP TRIONFA RORY MCILROY

In Florida il torneo considerato il "quinto major"


FLORIDA - È questo il torneo tra i più attesi del PGA Tour, considerato quasi un quinto major. L’evento ha il montepremi più alto al mondo, ben 12,5 milioni di dollari, con prima moneta di 2.250.000. Oltre a questi, sono in palio 600 punti per la FedEx Cup, che...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/256: FRANCESCO MOLINARI CAMPIONE ALL'ARNOLD PALMER

Fantastico ultimo giro e vittoria del torinese


ORLANDO (FLORIDA) - Torna in campo Francesco Molinari. Lo fa ancora una volta nel leggendario sito di “Arnold Palmer Invitational”. Il torneo (7-10 marzo), dedicato al grande campione americano scomparso nel 2016, si gioca al Bay Hill Club & Lodge (par 72), di Orlando in Florida. Il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/255: FRANCESCO SECCO APRE LA STAGIONE A "I SALICI"

Il club più vicino alla città di Treviso prosegue il rinnovamento


TREVISO - Golf Club “I Salici”, un bel giardino dove giocare a Golf. Per me una montagna di ricordi.Non sono del tutto compiuti gli impegnativi lavori al Golf Club “I Salici”, opere intese a rendere il club più importante nel complesso della Ghirada, la cittadella...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Terminato il restauro dello storico ponte di Venezia. Il ponteggio smantellato in una notte

DITTA TREVIGIANA PER "SCARTARE" IL PONTE DELL'ACCADEMIA

Il titolare Nereo Parisotto: "Impresa senza precedenti"


Nereo Parisotto, fondatore di Euroedile di Paese VENEZIA. Un'impresa senza precedenti, un'operazione di ingegneria edile unica al mondo: togliere i ponteggi esterni e "scartare" il Ponte dell'Accademia di Venezia, il secondo più importante della città lagunare, in una notte. Dopo quasi 11 mesi di lavori il restauro da 1,7 milioni di euro finanziato interamente da Luxottica Group è terminato e l’amministrazione del sindaco Luigi Brugnaro potrà riconsegnare alla città, mercoledì 29 agosto giorno dell’inaugurazione, il ponte in tutto il suo antico splendore. Un restauro che parla completamente veneto grazie alle aziende Pasqualucci e Salmistrari
che si sono aggiudicate l’appalto battendo la concorrenza di altri 17 gruppi che avevano partecipato al bando promosso dal comune di Venezia ad inizio 2017. Le operazioni per smantellare il cantiere inizieranno venerdì 24 agosto alle 17 in punto. Quaranta tecnici e operai lavoreranno per tutta la notte e all'alba di sabato, ponteggi, pensiline, armature e pannelli in legno saranno solamente un ricordo. In dodici ore (dalle 17.00 di venerdì alle 5.00 di sabato) verrà fatto il lavoro che normalmente viene eseguito in dodici giorni. Quattrocento ore di lavoro concentrate in una notte durante le quali
verranno smontati 600 quintali di materiale per un totale di 14.500 pezzi che verranno poi caricati in 5 barconi. E' un’altra azienda veneta, la trevigiana "Euroedile s.r.l." la ditta incaricata dell'impresa, la stessa che ha progettato e montato i ponteggi lo scorso ottobre quando è partito il cantiere. La stessa incaricata a realizzare lavori di questo genere al Ponte Morandi-Viadotto Bisantis di Catanzaro, al Viadotto Ganterbrucke del Passo del Sempione, al Viadotto Capodichino a Napoli, al Viadotto Colle Isarco a Bolzano, al Viadotto Pietrasecca a Aquila e a quello sul fiume Adda a Trezzo. “Siamo orgogliosi
che le ditte restauratrici Pasqualucci e Salmistrari abbiano scelto noi per l’istallazione dei ponteggi – spiega Nereo Parisotto, ideatore del progetto e amministratore unico di Euroedile – Abbiamo messo in campo la nostra ultra trentennale esperienza nei cantieri di tutta Italia e le nostre migliori professionalità”.
Quello dell’Accademia è un ponteggio progettato ad hoc per il ponte veneziano, per ridurre al massimo l'impatto del cantiere incastonato tra il Canal Grande e i palazzi veneziani e che nonostante i lavori ha continuato ad essere uno dei monumenti più frequentati e fotografati dai turisti di tutto il mondo.
Un’opera di ingegneria che è stata possibile grazie al lavoro di un team capitanato dall’ing. Alessandro Zanatta e dal geometra di cantiere Daniele Crosato. "Normalmente per smontare un ponteggio ci si impiega la metà del tempo necessario a montarlo e nel caso dell’Accademia, condizioni meteo permettendo, sarebbero serviti almeno dieci giorni – continua Nereo Parisotto – Abbiamo riflettuto e dopo alcuni calcoli abbiamo capito che potevamo riuscire nell'impresa, mettendo in campo oltre
quaranta uomini e pianificando l'intervento a tavolino, minuto per minuto".
"I nostri tecnici e operai, sotto le direttive degli ingegneri che hanno progettato le opere, lavoreranno senza sosta per tutta la notte concedendosi un'unica pausa di due ore. I giorni che abbiamo guadagnato li abbiamo messi a disposizione della ditta che esegue il restauro garantendo la consegna dell'opera entro il 2 settembre, giorno della regata storica, quando il corteo delle barche transiterà proprio sotto il Ponte. E' il nostro regalo alla città più bella del mondo" conclude con soddisfazione, ed un pizzico di
orgoglio, Nereo Parisotto Amministratore e Fondatore di Euroedile.

Galleria fotograficaGalleria fotografica