Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/289: COLPO DI RORY MCILROY NEL WGC DI SHANGHAI

Il nordirlandese si impone al playoff su Schauffele


SHANGHAI - Sheshan International GC. È in atto l’ultima delle quattro gare stagionali del World Golf Championships, il circuito mondiale secondo per importanza solo ai quattro major. Due gli azzurri in Campo, Francesco Molinari e Andrea Pavan, difende il titolo lo statunitense Xander...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/288: TRIONFO DA RECORD IN GIAPPONE PER TIGER WOODS

La "Tigre" raggiunge il mito Snead con 82 titoli sul circuito


Non finisce di stupire Tiger Woods, il grande Campione. Eccolo allo Zozo Championship, giocato sul par 70 dell'Accordia Golf Narashino a Chiba, l’evento con cui il PGA Tour fa il suo esordio in Giappone. Aveva un obiettivo Tiger Woods: raggiungere Sam Snead, che lo avanzava di un solo titolo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/287: ALL'ALBENZA IL CAMPIONATO INDIVIDUALE AIGG

Dario Bartolini si aggiudica il titolo italiano asoluto


BERGAMO - A conclusione del nostro challenge, è il momento del Campionato individuale 2019. Siamo ad Almenno San Bartolomeo, nel Bergamasco, al Golf Club Albenza. Il Campo copre 85 ettari di delicate colline in direzione delle Prealpi lecchesi, su cui si snodano 27 buche nate da più...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Operazione riuscita: "scartato" il ponte sul Canal Grande a Venezia

PONTE DELL’ACCADEMIA: VIA I PONTEGGI A TEMPI DI RECORD

Tecnici della trevigiana “Euroedile” al lavoro per 400 ore in una notte. VIDEO


VENEZIA. Il primo bullone è stato svitato venerdì (24 agosto) alle 17.00 in punto. Poi via via tutti gli altri. Una sorta di corsa contro il tempo per rispettare i tempi e "scartare" il ponte dell'Accademia, per una notte eccezionalmente illuminato a giorno. Quaranta tra tecnici e operai della trevigiana Euroedile srl hanno lavorato in simultanea smontando i 14.500 pezzi del maxi ponteggio esterno allestito per il restauro dello storico ponte. Oltre 600 quintali di materiale caricato su cinque barconi ormeggiati sul Canal Grande. Sono rimaste allestite solo le impalcature, con funzione di portale, utili al passaggio dei pedoni che verranno smontate la prossima settimana per l’inaugurazione ufficiale prevista per mercoledì 29 agosto. Alle 6.30 di sabato 25 agosto 2018, dopo una pausa non programmata a causa dell'acquazzone che si è abbattuto su Venezia, le operazioni di smontaggio dei ponteggi esterni al Ponte dell’Accademia sono terminate. I primi ad immortalare l'Accademia, tornato al suo antico splendore, sono stati due turisti francesi con un selfie scattato davanti al Ponte.

 

Un'impresa senza precedenti realizzata dalla ditta Euroedile srl di Paese, nel Trevigiano, leader nel mondo nella progettazione e installazione di ponteggi su grandi opere, che è stata ripresa interamente in un video sintetizzato in timelapse di in un minuto.Curiose le fasi in cui a mano a mano che vengono tolti i ponteggi alla base dell’arcata, si riduce lo spessore del ponte dando quindi ora la possibilità anche alle imbarcazioni più alte di passare sottocome quelle che tra otto giorni transiteranno proprio sotto l’Accademia per la Regata Storica.   "Una struttura come quella dell'Accademia normalmente viene smontata in una dozzina di giorni – spiega Nereo Parisotto, ideatore del progetto e amministratore unico di Euroedile – Siamo riusciti nell'impresa record mettendo in campo quaranta uomini per un totale di 400 ore di lavoro e pianificando l'intervento a tavolino minuto per minuto".

 

Quello dell'Accademia era un ponteggio progettato ad hoc per il ponte veneziano, per ridurre al massimo l'impatto del cantiere incastonato tra i palazzi ed il Canal Grande e per permettere agli operai delle ditte restauratrici di lavorare senza doverlo chiudere. Un'opera di ingegneria edilizia resa possibile grazie al lavoro di un team capitanato dall'ing. Alessandro Zanatta e dal geometra di cantiere Daniele Crosato. "I nostri tecnici e gli operai sotto le direttive degli ingegneri e dei progettisti – spiega Nereo Parisotto – hanno lavorato senza sosta per tutta la notte concedendosi una pausa di due ore. Alla fine abbiamo portato a termine l'impresa in vista dell’inaugurazione prevista per mercoledì 29 agosto.

 

E' il nostro regalo alla città più bella del mondo e ai suoi abitanti". Un lavoro che parla completamente veneto: oltre ai ponteggi forniti dalla trevigiana Euroedile e all’opera di restauro delle veneziane Pasqualucci e Salmistrari fondamentale è stata Luxottica Group: la multinazionale di Agordo ha sostenuto per intero il costo del restauro.

Euroedile non è nuova a progetti eccezionali. Nasce nel 1986 occupandosi non solo di ponteggi, ma proponendo soluzioni per il lavoro in facciata con attrezzature all’avanguardia, e dalla nascita fino a oggi, è stata protagonista di un’escalation di successi in Italia e in Europa, mercato nel quale l’azienda è leader assoluto. Oggi conta un centinaio tra dipendenti e collaboratori ed un fatturato di 8 milioni di euro in continua crescita.

 

Sono 456 i viadotti dove negli ultimi 15 anni Euroedile ha allestito i ponteggi concentrandosi sui nuovi materiali e sulle tecniche di costruzione più innovative: dalla realizzazione di piani sospesi motorizzati, all'allestimento di strutture ad altezze importanti in grado di resistere a carichi eccezionali di esercizio anche in presenza di sfavorevoli condizioni atmosferiche (neve, vento, pioggia), all'esecuzione di ponteggi senza la foratura degli impalcati dei viadotti. Tra le maggiori opere realizzate ci sono tutti gli 82 Viadotti della strada dei Parchi autostrade A24 e A25 (Roma, Teramo, Pescara), Viadotto Capodichino a Napoli, Viadotti sul fiume Adda e Brembo (Bergamo), il Viadotto Ganterbrucke (Svizzera), il Viadotto Biscione (Genova), il Viadotto Colle Isarco (Bolzano) ed il recente Ponte Bisantis-Morandi (Catanzaro).

 

Per Venezia si ricordano i lavori prestigiosi del teatro La Fenice, Torre dell’Orologio (restauro Piaget), Biblioteca nazionale la Marciana, Fondaco dei Turchi, Loggia Campanile San Marco, Allestimenti molteplici biennale dell’Arte e Biennale del Cinema, Ponte Calatrava, Ponte degli Scalzi, Palazzo Grimani.

Altri cantieri importanti sono stati allestiti per i lavori presso dighe o centrali come le dighe di Cencenighe e Soverzene nel bellunese, la centrale elettrica di Terna a Redipuglia (Udine), la centrale idroelettrica a Vittorio Veneto (Treviso), la centrale elettrica di Sospirolo (Belluno), la diga di Taio (Trenti) e la diga sul torrente Lumiei in provincia di Udine.

 

Altro fiore all'occhiello dell'azienda trevigiana sono i ponteggi a servizio degli edifici di culto come chiese e basiliche in quanto necessitano di un’accuratezza dei particolari come la protezione delle tele o dei pavimenti interni o la sospensione del ponteggio al di sopra delle navate laterali al fine di non gravare sulle stesse. Spesso chiese e basiliche sono luoghi di pellegrinaggio ed è importante impattare poco con il ponteggio adottando scelte progettuali che permettono all’opera di rimanere “aperta per restauro”.  Un caso emblematico è il ponteggio a servizio della cupola del Pantheon a Roma, 53.000 chili di struttura per 43 metri di altezza, 35 quintali di putrelle per il basamento, 500 metri quadrati di piani di lavoro, 20 metri cubi di tavole di legno, 48 ruote rinforzate ammortizzate di cui 6 motorizzate controllate da un software. Tale struttura ha lasciato libera circa il 70 per cento della cupola per permetterne la fruibilità da parte dei 2000 visitatori che quotidianamente varcano la soglia del monumento.

 

Euroedile sviluppa circa 50 ponteggi all’anno a servizio di luoghi di culto, tra i più importanti il la Basilica del Santo a Padova compreso la prestigiosa operazione di smontaggio e rimontaggio dell’angelo dorato posto a 80 metri di altezza, Duomo di Carpi a Modena, il santuario della Madonna delle Lacrime a Siracusa, la Basilica di Santa Croce a Firenze, il Duomo di Siena, e la Certosa di Pavia.


Galleria fotograficaGalleria fotografica