Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/239: DAGLI USA LA NUOVA PROMESSA AZZURRA

Virginia Elena Carta vince il Landfall Traditional


La giovane italiana Virginia Elena Carta trionfa nel Landfall Traditional, prestigioso torneo del campionato universitario americano.  È il 30° successo azzurro in campo internazionale: nuovo record in una stagione. Conosco Virginia, son passati molti anni da quando ebbi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/238: IL CAMPIONATO ITALIANO DI DOPPIO DELL'AIGG

Al club Cherv˛ il torneo intitolato a Paolo Dal Fior


SIRMIONE - Concluso il Challenge AIGG che ci ha portato a giocare sui più bei Campi d’Italia, e insabbiata la Coppa delle Nazioni dall’esito meno brillante per la squadra dell’Italia (sesto posto), vinta dalla Germania a Villa Carolina, era ora la volta del Campionato...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/237: L'OPEN D'ITALIA DEI CAMPIONI PARALIMPICI

Lo svedese Joakim Bj÷rkman si conferma imbattibile


CREMA - Sotto l’egida di EDGA (European Disabled Golf Association), si è giocata a Crema la 18esima edizione del torneo italiano per giocatori disabili, aperta a tutte le tipologie di disabilità. Il torneo, appena concluso, si è giocato sulla distanza di trentasei buche,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

La nostra rubrica sul mondo golfistico a cura di Paolo Pilla

PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary,
Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli accordi del 2015, ha avuto l’avvio quest’anno. Questi Campionati europei, in assoluta novità, comprendono diverse discipline: atletica leggera, nuoto, ginnastica artistica, ciclismo, canottaggio, tuffi, nuoto sincronizzato, triathlon, golf. Sono a cadenza quadriennale, organizzati dai Comitati Olimpici Europei, sul modello appunto, dei Giochi olimpici. Una sorta di mini Olimpiade, riservata al Vecchio Continente. A Berlino si sono svolte le gare di atletica leggera, a Glasgow le altre, tra cui il torneo di golf, ad Auchterarder, nello stesso percorso scozzese progettato da Jack Nicklaus, il Gleneagles, che ospitò la Ryder Cup 2014, e accoglierà la Solheim Cup nel 2019.
Un interessante progetto, una novità da risonanza, un appassionante rinnovarsi del Golf, atteso da qualche tempo con viva curiosità. Erano 4.500 gli atleti facenti parte delle varie discipline, provenienti da 52 nazioni. A competere in questa prima celebrazione multisportiva, per il Golf c’erano sessantaquattro giocatori in egual misura fra uomini e donne, e ogni Paese poteva essere rappresentato da un massimo di tre squadre. I giocatori inglesi, scozzesi, gallesi e nord irlandesi sono scesi in campo come unica nazione, come Gran Bretagna. La selezione, sia per i maschi sia per le femmine, era stata determinata dai rispettivi ranking mondiali, nell’intervallo dal 10 luglio 2017 al 9 luglio 2018.

Per armonizzare questa nuova formula competitiva a squadre, l’European Tour e il Ladies European Tour avevano concordato per tempo l’apparato di regole che servivano per metterla in piedi, ora l’avvio.
Si sono giocati tre tornei di Golf a squadre, su diciotto buche: Maschile, Femminile, e Misto; match play i primi due, foursome il misto. Sedici coppie per il maschile e sedici per il femminile sono state in azione nelle due competizioni match play; nel misto si sono sfidate squadre composte di due uomini e di due donne. Ci sono stati anche premi in denaro, seppur contenuti: 200.000 euro per squadra ai due team vincitori dei match play, 30.000 euro per la formazione vincitrice del misto.
L’Italia ha partecipato con due squadre maschili: (Italia 1) Lorenzo Gagli-Guido Migliozzi, e (Italia 2) Francesco Laporta-Alessandro Tadini; e una per il misto, in cui ha allineato Lorenzo Gagli-Diana Luna e Guido Migliozzi-Stefania Avanzo.
I risultati: Appannaggio dell’Islanda il DOPPIO MISTO, che ha fornito prova della propria forza vincendo la medaglia d’oro. La formula foursome, giocata sulla distanza di diciotto buche, prevedeva la somma score delle due coppie (un uomo e una donna), schierate da ciascuna squadra. Medaglia d’argento a Gran Bretagna, e di bronzo a Svezia, che nello spareggio ha superato la Spagna con un birdie alla prima buca. Non è andata bene per l’Italia, che all’ultimo momento ha dovuto cambiare l’abbinamento nella formazione, ed è terminata all’11° posto.
Nel FEMMINILE l’oro è andato alla Svezia (Cajsa Persson e Linda Wessberg), la Francia ha avuto vinto l'argento, il bronzo è stato per la Gran Bretagna.
Nel FOURBALL, a conquistare la medaglia d’oro è stata la Spagna (Pedro Oriol-Scott Fernandez), seconda l’Islanda. La coppia italiana (Laporta-Tadini), giunta in semifinale dopo aver battuto nell’ordine Irlanda per 2/1, Gran Bretagna per 2/1, Gran Bretagna (due) per 1 up, è stata fermata dalla Spagna, che si è imposta per 2 up. Avevano vinto 4 incontri su 5, gli azzurri, battendo nell’ultimo match della fase a gironi, i temibili britannici Syme e Johnston. Hanno giocato molto bene, ma nelle ultime due buche, a un passo dalla finale, hanno subito il sorpasso degli spagnoli. Non hanno tuttavia perso la concentrazione, nella finale per il terzo posto hanno dimostrato la loro classe: sono passati rapidamente in vantaggio fino a 4 up, chiudendo il conto alla 15 con 3 buche di anticipo e 5 punti di vantaggio. Si sono conquistata la medaglia di bronzo, lottando sotto la pioggia contro la Spagna con chiara supremazia, e notevole spessore tecnico. Seppur di bronzo, la medaglia va a incrementare il successo dell’Italia, che sta godendo una stagione di soddisfazioni nello sport.
A confermare il momento magico degli azzurri, anche il medagliere comprensivo di tutte le discipline pone in evidenza l’Italia: terza posizione, con la conquista del podio per sessanta volte, superando Francia, Germania e Olanda!
È la Russia al primo posto nella classifica generale con 34 medaglie d’oro, 22 argenti, 19 bronzi; segue a ruota la Gran Bretagna, con 27 medaglie d’oro, 42 argenti, 26 bronzi; l’Italia, terza, porta a casa 22 ori, 20 argenti, 31 bronzi. Il trofeo: Alla Gran Bretagna va l'European Championship Trophy, per il maggior numero di medaglie conquistate.
È stata una straordinaria settimana di gare, seguite da una folla enorme di spettatori.
In ogni disciplina ci sono state le eccellenze, ne ricordiamo una: il sensazionale giovane talento norvegese Jakob Ingebrigtsen, 18 anni il prossimo mese: In meno di 24 ore ha vinto due ori, la 1500, e la 5000 metri corsa maschili, diventando la star di Berlino.
La seconda edizione dei Campionati d’Europa, di cui è già in corso la selezione della città ospitante, è prevista per l'estate del 2022.
Paolo Pilla