Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/292: L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DAL SUDAFRICA

Nel consuento anticipo della stagione 2020 successo di Larrazabal


SUDAFRICA - Son trascorsi solo quattro giorni dalla conclusione della stagione 2019 in Medio Oriente, e l’European Tour già apre in Sudafrica quella del 2020, con il consueto anticipo sull’anno solare. Si gioca sul Par 72 del Leopard Creek CC di Malelane, nel distretto di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/291: DOPO 47 TORNEI, IL TOUR EUROPEO SI CHIUDE A DUBAI

Con la vittoria lo spagnolo Jon Rahm diventa numero uno continentale


DUBAI - Dopo 47 tornei disputati in 31 diverse nazioni, si chiude l’ampia stagione del Tour europeo, con il DP World Tour Championship, sul percorso del Jumeirah Golf Estates, a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti. Il torneo di Dubai mette in palio una prima moneta da record, la leadership...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/290: GRAN RIMONTA DI FLEETWOOD IN SUDAFRICA

L'inglese fa suo il Nedbamk Challenge. Bene Migliozzi


SUN CITY (SAF) - Siamo al settimo degli otto eventi delle Rolex Series dell’European Tour, si gioca sul percorso del Gary Player CC, a Sun City in Sudafrica, uno dei Campi più lunghi del mondo (8.000 m). Nato nel 1981 come evento riservato a pochi eletti, tra i migliori al mondo che si...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

I trevigiani hanno visitato anche il lager di Dachau

I FEDELI DELLA SINISTRA PIAVE DALLA MADONNA VENERATA DA PAPA FRANCESCO

Da Farra di Soligo in pellegrinaggio in Baviera


FARRA DI SOLIGO - Da quando papa Francesco ha fatto conoscere l’immagine della Madonna che scioglie i nodi, è nato anche tra i cittadini della Sinistra Piave il desiderio di compiere un pellegrinaggio diocesano alla chiesa di San Peteram Perlach in Baviera (Germania), dove questo quadro è esposto alla venerazione dei fedeli. Lo stesso papa Francesco si è fermato a pregare spesso, durante i suoi studi su Romano Guardini in questa chiesa, portando poi l’immagine nella sua diocesi di Buenos Aires e in questi anni alla conoscenza di tutta la chiesa cattolica. “Ad Augusta eravamo in 38 - ha dichiarato don Brunone De Toffol, parroco a Farra di Soligo che ha accompagnato il gruppo in questo pellegrinaggio - e abbiamo portato qui ai piedi di Maria, la preghiera di quanti ci hanno affidato i loro nodi, piccoli o grandi. La splendida abbazia barocca di Ettal e i giardini del castello di Linderhof, il santuario del Cristo Flagellato di Wies chiesa dei prati, ci hanno aiutato a entrare nella conoscenza della città, fondata dall’imperatore romano Augusto, i cui santi patroni non erano a noi noti, con le loro storiche statue: san Simperto che salvò un bambino dalle fauci del lupo, san Ulrico (o Ulderico) primo vescovo della città (da noi patrono di Cimetta di Codognè) e sant’Afra martire, bruciata al rogo per ordine di Diocleziano. La semplicità della casa per i poveri e i lavoratori del quartiere Fuggerei, con annessa la chiesa di san Marco, la chiesa luterana-evangelica di sant’Anna, prima chiesa cattolica voluta dalla ricca famiglia Fugger e la bellezza delle vie della città, hanno dato valore al nostro pellegrinaggio in terra tedesca”. E il sacerdote continua: “L’ultimo appuntamento è stato dedicato alla visita della Concattedrale di Monaco-Frisinga, dove nella cripta, abbiamo celebrato la s. Messa. In questa chiesa riposa il santo patrono, San Corbiniano e l’orso, la cui storia ci ha affascinato. insieme a quella di san Maurizio che a capo della legione tebea, morì martire con tutti i suoi seimila soldati perché scoperto cristiano e proprio lì, nel vicino seminario, dove papa Razinger ha studiato c’è di lui, una grande statua. Visitando questa monumentale chiesa dove papa Benedetto XVI è stato ordinato sacerdote ed è stato vescovo e cardinale, abbiamo ammirato la straordinaria ed artistica opera tutta stucchi e tenui colori. La nostra riflessione è stata infine profondamente turbata dalla visita al campo di sterminio di Dachau con i suoi orrori: solo la preghiera per le tante vittime dell’odio e della violenza ha dato speranza ai nostri interrogativi, su tanto degrado a cui può arrivare l’essere umano quando il suo cuore è lontano da Dio”.
Diego Berti