Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/309: NEL "BARRACUDA", A MORDERE È L'AMERICANO MORIKAWA

Il torneo in Nevada uno degli ultimi giocati prima dello stop


RENO (USA) - Il torneo ha avuto luogo in un momento in cui i big mondiali erano impegnati a Memphis, nel Tennessee, ad affrontarsi nel WGC-FedEx St. Jude, mentre gli appassionati di Golf erano attratti a seguire questo campionato, il Barracuda, ufficialmente denominato Reno-Tahoe Open. Si tratta di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

"Non potete farmi niente sono incinta": stessa scusa anche a giugno

GUIDA IL SUV SENZA PATENTE E INSULTA I POLIZIOTTI CHE LA FERMANO PER UN CONTROLLO

Marocchina 30enne denunciata per minacce e oltraggio


TREVISO - Non solo guidava un suv con una patente falsa, ma ha pure insultato e minacciato i poliziotti che l’avevano fermata per un controllo. Quando alle 4 della scorsa notte, mentre percorreva via Roma a Villorba, ha visto la Volante, una marocchina 30enne ha cercato bruscamente di invertire la direzione per evitare il controllo. Gli agenti, però, hanno raggiunto e bloccato il Range Rover Evoque su cui viaggiava insieme ad un’altra persona. Al che la magrebina ha iniziato ad inveire e solo dopo molti minuti e molta insistenza ha consegnato la propria patente. I poliziotti si sono subito accorti che il documento era contraffatto. Inoltre, da una verifica del nominativo, è emerso che la giovane straniera, lo scorso 11 giugno, si era resa protagonista di un comportamento analogo: fermata per un altro controllo, aveva aggredito gli operatori, insultandoli, deridendoli in pubblico per il loro stipendio e minacciando di sporgere denuncia, perché sosteneva di essere incinta.
Portata in Questura, anche l’altra notte, non ha dato spiegazioni sull’origine della patente e, sempre con la scusa di essere incinta, ha continuato a minacciare gli agenti e a ripetere di non aver paura delle Polizia e della giustizia italiana.
E’ stata denunciata per falsità materiale, violenza, minaccia ed oltraggio a pubblico ufficiale, oltre che per guida senza patente. Per lei è scattata anche una sanzione da 5mila euro, mentre l’auto è stata sottoposta a fermo amministrativo per tre mesi.