Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/309: NEL "BARRACUDA", A MORDERE È L'AMERICANO MORIKAWA

Il torneo in Nevada uno degli ultimi giocati prima dello stop


RENO (USA) - Il torneo ha avuto luogo in un momento in cui i big mondiali erano impegnati a Memphis, nel Tennessee, ad affrontarsi nel WGC-FedEx St. Jude, mentre gli appassionati di Golf erano attratti a seguire questo campionato, il Barracuda, ufficialmente denominato Reno-Tahoe Open. Si tratta di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/308- CAMPI/23: GOLF CLUB COLLI BERICI

Bel gioco e non solo nella pedemontana vicentina


BRENDOLA - La terra berica è territorio che ha del mistero, un Veneto che affascina: incantano le sue rocce, le sue grotte carsiche, i suoi mulini ad acqua, le numerose antiche fontane al servizio dei lavatoi. Tutto da scoprire è il fascino di villa Giulia, i cui dintorni, chiamati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/307: IL CORONAVIRUS FERMA ANCHE IL PLAYERS CHAMPIONSHIP

Il prestigioso torneo annullato dopo il primo giro


FLORIDA (USA) - Facciamo un commento all’evento, pur sapendo che la competizione non arriverà all’ultimo giro. Vince infatti il Coronavirus, alla conclusione della prima giornata.Il Players Championship è il torneo di maggiore importanza del PGA Tour. Si gioca al...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Fermato un profugo di 21 anni

DROGA SULLE MURA, BLITZ DEI VIGILI

Le segnalazioni partite dai residenti


TREVISO - Ieri pomeriggIO la Polizia Locale di Treviso ha concluso un’importante operazione antidroga. Nell’ambito di una verifica delle segnalazioni pervenute dai cittadini - che avevano notato movimenti sospetti nell’area dei giardinetti sotto le Mura all’altezza di curva Bricito -, gli agenti hanno fermato un cittadino nigeriano di 21 anni, senza fissa dimora ma noto alle forze dell’ordine, sorpreso a recuperare alcune dosi di stupefacente sotterrate in precedenza vicino ad un cespuglio.

Il giovane, già ospite in un centro di accoglienza, è stato portato al Comando dove è stato denunciato in stato di libertà per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini dello spaccio.

Il sindaco di Treviso Mario Conte ha accolto la notizia con grande soddisfazione: "Ringrazio gli agenti della Polizia Locale per l’ottimo lavoro e l’impegno quotidiano nella repressione di questi fenomeni», le parole del primo cittadino. «Come amministrazione metteremo in campo tutte le nostre energie per combattere lo spaccio a Treviso. I cittadini, e lo testimoniano le segnalazioni giunte alla Polizia locale, non vogliono più vedere certi personaggi intenti a nascondere e vendere droga".