Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/321: COSA È SUCCESSO A FRANCESCO MOLINARI?

Il campione azzurro dovrebbe tornare in campo ad agosto


LONDRA - È troppo tempo che non troviamo in campo Francesco Molinari. L’ultima volta è stato a marzo, quand’era andato a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, una delle più prestigiose gare del PGA Tour. Si svolgeva al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/320 - CAMPI/28: IL GOLF CLUB FRASSANELLE

Buche lunghe nel verde dei Colli Euganei


ROVOLON (PD) - Inserito in una luminosa tenuta, il Golf Frassanelle esprime la raffinatezza del nobiluomo Alberto Papafava che nel 1860 creò questo parco nel comune di Rovolon, su un’altura situata all’estremità settentrionale dei Colli Euganei. L’aristocratico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/319: SPETTACOLO CON GRANDI CAMPIONI ALL'RBC HERITAGE

Successo per Webb Simpson e il suo swing particolare


HILTON HEAD  (USA) - Spettacolo con grandi campioni, sul percorso dell’Harbour Town Golf Links, a Hilton Head nel South Carolina, per l'Rbc Heritage. Sono al via i primi sei giocatori del mondo, compreso ovviamente Jon Rahm, che la scorsa settimana è uscito al taglio, e ora...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'industria, in concordato, ha chiesto di tagliare le retribuzioni

PASTA ZARA, FUMATA NERA TRA AZIENDA E SINDACATI

Nessun passo in avanti dall'incontro odierno


TREVISO - Fumata nera per Pasta Zara. Rappresentanti dell’azienda di Riese Pio X, tra i maggiori produttori italiani di pasta, finita in concordato, e i sindacati si sono incontrati, il vertice però non ha portato ad alcun passo in avanti nella trattativa.
I dirigenti nei giorni scorsi avevano spiegato che il salvataggio dovrà passare anche attraverso una riduzione del costo del lavoro e avevano richiesto la sospensione delle quattordicesime mensilità e dei premi di risultato per i lavoratori per i prossimi cinque anni. Ipotesi bocciata, però, con un referendum dai dipendenti stessi (circa 450 compresi anche gli stabilimenti di Muggia, in provincia di Trieste e di Rovato, nel Bresciano).
Per ora le parti restano sulle rispettive posizioni, ma una nuova riunione è già stata fissata per giovedì prossimo: in quella occasione i sindacati contano che l’azienda possa fornire nuovi elementi per rilanciare il negoziato, oltre che presentare una bozza del piano industriale.
Pasta Zara è gravata di un debito complessivo di 241 milioni di euro, 178 dei quali verso le banche. Entro il prossimo 8 ottobre dovrà presentare al Tribunale di Treviso il piano concordatario, di cui l’accordo sindacale con i lavoratori è parte essenziale. In caso contrario, si aprirà la strada per il fallimento.