Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/300: PRIMA VITTORIA DA PRO PER L'EX CALCIATORE LUCA HERBET

L'australiano si impone a sorpresa nel Dubai Desert Classic


DUBAI - Concluso il Championship di Abu Dhabi, l’European Tour è rimasto ancora negli Emirati Arabi Uniti, per la disputa dell’Omega Dubai Desert Classic. Si gioca sul percorso dell’Emirates GC, a Dubai, con sei italiani in campo: Edoardo Molinari, Andrea Pavan, Renato...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/299: AD ABU DHABI WESTWOOD SI IMPONE SU UN SORPRENDENTE LAPORTA

Nel torneo in vigore le norma anti-gioco lento


ABU DHABI - Sono sette gli azzurri che partecipano al Championship di Abu Dhabi, il primo degli otto tornei sponsorizzati dalla Rolex nell’ambito dell’Eurotour. Sono numerosi, i campioni che iniziano l’anno 2020 negli Emirati Arabi Uniti all’Abu Dhabi GC, con lo statunitense...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/298: DOPO LE PROTESTE POLITICHE, AD HONG KONG TORNA IL GOLF

Successo per Wade Ormsby, Andrea Pavan unico azzurro


HONG KONG - Era stato rinviato per problemi di sicurezza l'Hong Kong Open. Avrebbe dovuto prendere avvio il 28 novembre, ma i disordini legati alla difficile situazione sociale, riordiamo i continui scontri nel Paese, aveva indotto gli organizzatori ad annullare la gara. Ora questo torneo...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'industria, in concordato, ha chiesto di tagliare le retribuzioni

PASTA ZARA, FUMATA NERA TRA AZIENDA E SINDACATI

Nessun passo in avanti dall'incontro odierno


TREVISO - Fumata nera per Pasta Zara. Rappresentanti dell’azienda di Riese Pio X, tra i maggiori produttori italiani di pasta, finita in concordato, e i sindacati si sono incontrati, il vertice però non ha portato ad alcun passo in avanti nella trattativa.
I dirigenti nei giorni scorsi avevano spiegato che il salvataggio dovrà passare anche attraverso una riduzione del costo del lavoro e avevano richiesto la sospensione delle quattordicesime mensilità e dei premi di risultato per i lavoratori per i prossimi cinque anni. Ipotesi bocciata, però, con un referendum dai dipendenti stessi (circa 450 compresi anche gli stabilimenti di Muggia, in provincia di Trieste e di Rovato, nel Bresciano).
Per ora le parti restano sulle rispettive posizioni, ma una nuova riunione è già stata fissata per giovedì prossimo: in quella occasione i sindacati contano che l’azienda possa fornire nuovi elementi per rilanciare il negoziato, oltre che presentare una bozza del piano industriale.
Pasta Zara è gravata di un debito complessivo di 241 milioni di euro, 178 dei quali verso le banche. Entro il prossimo 8 ottobre dovrà presentare al Tribunale di Treviso il piano concordatario, di cui l’accordo sindacale con i lavoratori è parte essenziale. In caso contrario, si aprirà la strada per il fallimento.