Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/333: CON UN ULTIMO GIRO MONSTRE, JOHN CATLIN CONQUISTA L'IRISH OPEN

Out al taglio l'eroe di casa Harrington e gli italiani


IRLANDA DEL NORD - Dopo le tappe di Spagna, l’European Tour torna a nord, per la disputa del “Irish Open”, sponsorizzato da Dubai Duty Free. Si gioca nell’Irlanda del Nord, sul tracciato del Galgorm Castle Golf Club, a Ballymena. Sono tanti i professionisti di spessore, tra...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La storica dimora dal 3 novembre ospiterā il Memoriale della Grande Guerra

AL VIA IL RESTAURO DEGLI AFFRESCHI DI VILLA PISANI A MONTEBELLUNA

Sotto gli intonaci emergono anche esempi unici di dipinti futuristi


MONTEBELLUNA - Sotto gli intonaci spuntano gli affreschi. Al via la campagna di restauro delle pitture parietali scoperte a Villa Correr Pisani. Gli interventi,  a cui contribuirà anche l’Istituto Regionale Ville Venete con 37.500 euro, saranno condotti dall’equipe specializzata di Mauro Vita, sotto il controllo della Soprintendenza. Ad annunciarlo è il Sindaco di Montebelluna, Marzio Favero.
Com’è noto, la villa, ora di proprietà del Comune, è destinata ad accogliere, già dal prossimo 3 novembre, il Memoriale Veneto della Grande Guerra. “Anche adesso, mentre si stanno già allestendo le prime sale del Memoriale - spiega il sindaco Favero - continuano ad emergere testimonianze di antichi affreschi di cui si era persa, anzi cancellata, ogni memoria.  Villa Pisani si conferma così come una residenza di altissimo interesse artistico, ricca come poche altre di affreschi di epoche diverse, dalle più antiche al secolo appena trascorso. Sono la testimonianza del fatto che i proprietari che si sono succeduti in quasi 5 secoli, hanno voluto lasciare evidenza dei propri gusti artistici, mettendo mano a successive decorazioni delle pareti della villa".
Le ultime scoperte (ma altre potrebbero essercene proseguendo con i sondaggi) riguardano tre sale che, coperte da mani di calce, sembravano presentarsi di nessun interesse. Innanzitutto la cosiddetta Sala 4, posta a lato del piano nobile della storica dimora: qui, per puro scrupolo, sono stati eseguiti dei tasselli conoscitivi sulle pareti. Questi hanno svelato, sotto uno strato più recente di malte, grandiose superfici affrescate raffiguranti eleganti paesaggi architettonici accompagnati da decorazioni.  Gli affreschi antichi si presentano piuttosto rovinati, brutalmente picchiettati per consentire l’aggrappo degli intonaci più recenti.
Liberando, ripulendo e consolidando gli affreschi e intervenendo con velature a mascherare, almeno in parte, le porzioni mancanti o distrutte, si può avere la ragionevole certezza di poter riportare questi ambienti, oggi del tutto anonimi, ad una diversa dignità.
Sorprese notevoli sono venute anche dalle sale 9 e 11, situate al primo piano. Nella prima i controlli stratigrafici condotti per i lavori di creazione del Memoriale hanno rivelato, sotto le diverse mani di calce, la persistenza dell’intonaco originale, realizzato a cocciopesto con finiture in marmorino.
Ma le vere sorprese potrebbe riservarle la Sala 10: qui è emersa traccia di pitture risalenti al Novecento: potrebbe trattarsi di un esempio unico di decorazione parietale futurista in una villa veneta.
Nella sala 11, sono emerse invece immagini di grandi festoni che contornano bellissimi paesaggi di gusto nordico.
“Villa Pisani è uno scrigno di tesori - sottolinea Marzio Favaro - che, proprio grazie alla enorme campagna di restauri stimolata dalla creazione del Memoriale, ci vengono via via restituiti.  All’interesse del Memoriale, che si sta configurando come una macchina conoscitiva decisamente stimolante, si unisce così anche quello per il contenitore: questa Villa unica nel suo genere, che rischiavamo di perdere per sempre, dato che il movimento del terreno su cui sorge la stava letteralmente squarciando".