Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/292: L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DAL SUDAFRICA

Nel consuento anticipo della stagione 2020 successo di Larrazabal


SUDAFRICA - Son trascorsi solo quattro giorni dalla conclusione della stagione 2019 in Medio Oriente, e l’European Tour già apre in Sudafrica quella del 2020, con il consueto anticipo sull’anno solare. Si gioca sul Par 72 del Leopard Creek CC di Malelane, nel distretto di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/291: DOPO 47 TORNEI, IL TOUR EUROPEO SI CHIUDE A DUBAI

Con la vittoria lo spagnolo Jon Rahm diventa numero uno continentale


DUBAI - Dopo 47 tornei disputati in 31 diverse nazioni, si chiude l’ampia stagione del Tour europeo, con il DP World Tour Championship, sul percorso del Jumeirah Golf Estates, a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti. Il torneo di Dubai mette in palio una prima moneta da record, la leadership...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/290: GRAN RIMONTA DI FLEETWOOD IN SUDAFRICA

L'inglese fa suo il Nedbamk Challenge. Bene Migliozzi


SUN CITY (SAF) - Siamo al settimo degli otto eventi delle Rolex Series dell’European Tour, si gioca sul percorso del Gary Player CC, a Sun City in Sudafrica, uno dei Campi più lunghi del mondo (8.000 m). Nato nel 1981 come evento riservato a pochi eletti, tra i migliori al mondo che si...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Le iniziative partono il 21 settembre

ALZHEIMER, UN MESE DI INIZIATIVE

Nel distretto Pieve di Soligo dell'Uls 2 sono tremila per persone che soffronto


PIEVE DI SOLIGO. Settembre è il mese mondiale dedicato all’Alzheimer, e il 21 settembre è la giornata celebrativa istituita nel 1994 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e dall’Alzheimers Disease International (ADI). Questa giornata, che ogni anno riunisce in tutto il mondo malati, familiari e associazioni di volontari, nasce per sensibilizzare l’opinione pubblica e sollecitare la società civile a prendersi cura più da vicino del problema, proponendo soluzioni per aumentare la consapevolezza di questa patologia, migliorare i tassi di diagnosi, l’accesso ai servizi e fornire l’adeguato supporto a chi si prende cura di persone con demenza.

Forti dell’esperienza maturata negli ultimi anni, in occasione della 25^ Giornata Mondiale Alzheimer 2018, il Distretto Pieve di Soligo dell’Ulss 2, in cui si stimano siano oltre 3.000 le persone affette da patologie legate al decadimento cognitivo, ha scelto costituire un gruppo di lavoro per organizzare una serie di iniziative, volte a informare sui servizi socio-sanitari che nel nostro territorio si occupano di questa malattia e sul grande lavoro svolto dai volontari che aiutano concretamente le persone affette da demenza ed i familiari a convivere con il dramma della malattia.

Alla proposta hanno aderito: L’Associazione Fabrizio Viezzer, l’Associazione Famigliari Alzheimer, l’Associazione Medi@età, il Coordinamento Associazioni di Volontariato della Sinistra Piave, il Coordinamento dei Centri Servizi per Anziani, il Comitato dei Sindaci del Distretto di Pieve di Soligo. “Ricordati di me” è il titolo che racchiude tutte le iniziative rivolte a questo territorio e programmate dal 21 settembre 2018 per dare voce a questo tema con l’obiettivo di non dimenticarsi di chi è costretto a dimenticare.

L'aperitivo da ricordare – venerdì 21 settembre

L’Associazione Famigliari Alzheimer di Conegliano, in collaborazione con La Pasticceria Gli Archi di Conegliano, l’Osteria al Portego di Pieve di Soligo, il Caffè San Marco di Vittorio Veneto, propone di sensibilizzare la popolazione sul tema organizzando degli incontri conviviali (aperitivo solidale) il 21 settembre dalle 18 alle 20 con l’obiettivo di raggiungere i giovani-adulti. Sarà possibile, per chi lo desidera, condividere una foto della propria serata, utilizzando i social, aggiungendo in riferimento al profilo Instagram “Ricordatidime-Alzheimersday” creato nel 2017, utilizzando gli hashtag #ricordatidime #alzheimersday #aperitivodaricordare. 

Post-it e Hashtag per comunicare i propri “ricordi indimenticabili” – 18/ 21 settembre

Nelle sale d’attesa dei presidi ospedalieri e distrettuali di Conegliano, Pieve di Soligo e Vittorio Veneto, nelle sedi municipali e nei Centri Sollievo del Distretto Pieve di Soligo dal 18 al 21 settembre, medici, psicologi, assistenti sociali e volontari racconteranno quanto si sta svolgendo sul territorio a favore delle persone con decadimento cognitivo. Ciascun cittadino potrà dire la sua lasciando un post-it su ciò che desidera sempre ricordare in vita. Vi saranno anche delle bacheche virtuali su Istagram, hashtag: #ricordatidime. Verranno segnalati e divulgati in rete, a cura delle Associazioni, i ricordi più apprezzati e che hanno avuto più like, con l’auspicio di coinvolgere tutti in una riflessione sul tema.

Camminando per ricordare – 21 settembre

Il 21 settembre, alle 9.30, con partenza dalla residenza “F.Botteselle” di Col San Martino di Farra di Soligo, viene proposta una breve passeggiata guidata per anziani e familiari con ristoro presso la Casa degli Alpini di Col San Martino.

Nordica-Mente – Passeggiata tra i colli – 30 settembre

La Fondazione Santa Augusta Onlus, insieme al Gruppo promotore del progetto Dementia Friendly Conegliano, organizza una passeggiata a passo libero o di nordic walking tra i colli di Conegliano con l’obiettivo di promuovere la sensibilizzazione sul tema e favorire l’inclusione sociale delle persone e delle famiglie. All’evento ci sarà la collaborazione del gruppo KINESIS, dello staff FSA e dell’Associazione Famigliari Alzheimer.

Capiscimi se mi dimentico – Incontrare i giovani nelle scuole

In collaborazione agli istituti scolastici superiori di Conegliano, Pieve di Soligo e Vittorio Veneto, al fine di coinvolgere i giovani sul tema ed offrire l’opportunità di vivere delle esperienze di alternanza Scuola-Lavoro nei Centri Sollievo, i Volontari ed i professionisti incontrano i ragazzi delle classi 3° e 4° per presentare il progetto “Capiscimi se mi dimentico”. L’obiettivo di coinvolgere i ragazzi in questo progetto è duplice: promuovere una migliore comprensione della patologia per ridurre le riluttanze e la stigmatizzazione delle persone affette e facilitare un contatto aperto con le persone malate. Gli incontri si terranno nel periodo tra il 21 settembre e il 21 marzo 2019.

Fare festa in famiglia con i Centri Sollievo

Avviato il 31.03.2014, il Progetto Fare rete per i Centri Sollievo ha attivato, nel territorio del Distretto di Pieve di Soligo, 5 Centri Sollievo, distribuiti per aree territoriali omogenee (Quartier del Piave, Coneglianese, Vittoriese), aperti due mattine a settimana e gestiti da Volontari con un programma di attività di tipo ludico e socializzante teso a favorire l’accoglienza delle persone e prevenire l’isolamento della famiglia. Da ottobre 2018, una domenica al mese, a turno i Centri Sollievo Solidali del Distretto Pieve di Soligo dedicano un’apertura ad ospiti, familiari e tutti coloro che desiderano vedere da vicino come sia possibile costruire insieme incontri che aiutino concretamente le persone affette da demenza e i loro familiari.

Convegno Invecchiare con gusto. Dalla prevenzione alla cura del decadimento cognitivo – 12 ottobre

L’ Istituto Bon Bozzolla di Farra di Soligo propone un convegno per presentare evidenze scientifiche, aspetti metodologici ed esperienze cliniche, utili a mostrare l’efficacia di percorsi di prevenzione e cura del decadimento cognitivo. Il convegno si svolgerà il 12 ottobre 2018, a Farra di Soligo, ed è destinato apsicologi, medici, infermieri, fisioterapisti, terapisti occupazionali, educatori e volontari.

Esserci o non esserci? Questo è il problema – spettacolo teatrale a Farra di Soligo, 19 ottobre

Lo spettacolo nasce grazie alla creatività ed esperienza del gruppo teatrale “Confusi e felici”, nato dall’incontro casuale tra persone che hanno come denominatore comune esperienze di vita con la demenza. L’Istituto Bon Bozzolla, al fine di sensibilizzare più possibile la popolazione del territorio dell’Ulss2 “Marca Trevigiana”, ha deciso di proporre questo spettacolo in cui tutti componenti sono dei veri esperti. Ne fanno parte psicologi, educatori, assistenti sociali, OSS, volontari e familiari che hanno vissuto e/o convivono tutt’ora con situazioni dove la demenza è stata un aspetto molto vivo e hanno pensato di metterla in scena sotto forma di spettacolo.