Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/298: DOPO LE PROTESTE POLITICHE, AD HONG KONG TORNA IL GOLF

Successo per Wade Ormsby, Andrea Pavan unico azzurro


HONG KONG - Era stato rinviato per problemi di sicurezza l'Hong Kong Open. Avrebbe dovuto prendere avvio il 28 novembre, ma i disordini legati alla difficile situazione sociale, riordiamo i continui scontri nel Paese, aveva indotto gli organizzatori ad annullare la gara. Ora questo torneo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/297: L'ALTRA META' DEL GOLF AL FEMMINILE

Ad Evian, in Francia, l'unico major "rosa" d'Europa


EVIAN  - Nel doveroso ricordo del record assoluto di vittorie in campo internazionale conquistate dagli azzurri Bertasio, Gagli, Laporta, Migliozzi, i Molinari, Paratore, Pavan nel 2019, cominciamo il 2020 dando l'onore al Golf femminile, seppur in assenza delle atlete italiane.Il Ladies...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/296 - CAMPI/22: GOLF CLUB ACQUASANTA

Alle porte di Roma, il più antico "green" d'Italia


ROMA - Ha oltre un secolo il Golf Acquasanta, è il più antico d’Italia, è prestigioso, ha segnato l'inizio del golf in Italia. Siamo nel 1885 quando alcuni amici inglesi pensano di realizzarlo. Trovano quella posizione superba che odora di eucalipto e di pino marittimo ai...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Per il deputato Raffaele Baratto va costruito un nuovo viadotto

PONTE DI VIDOR, DAL MINISTERO RISPONDONO: "ARRANGIATEVI"

L'ira di Marcon: "Risorse già insufficienti"


VIDOR - Ora l’ha scritto perfino in cirillico, perché finora, dice, “in qualunque lingua scriva, Roma sembra non capire”. Una provocazione, quella di Stefano Marcon, presidente della Provincia di Treviso, ma che testimonia lo sconcerto per la piega presa dalla vicenda del Ponte di Vidor.
L’amministrazione provinciale ha inviato al ministero delle Infrastrutture, come richiesto in seguito al monitoraggio, il piano di manutenzione e messa in sicurezza dell’importante passaggio viario. Qual è stata la risposta, lo riassume lo stesso presidente Marcon: "Arrangiatevi!". In buona sostanza, dal dicastero hanno suggerito di intervernire "valutando le priorità" con i pochi fondi a disposizione della viabilità ordinaria.
Per la manutenzione degli 1.200 chilometri di strade provinciali e degli oltre 300 ponti della Marca, servirebbero almeno sei milioni all’anno, a fronte dei poco più di 3 e mezzo annui previsti dal piano del prossimo quinquennio. Il consolidamento del ponte di Vidor richiede un investimento di 12 milioni di euro (per rifarlo ex novo ne servirebbero minimo una quarantina). Utilizzare a questo scopo le già risicate risorse ordinarie, senza un finanziamento straordinario, ribadisce Marcon, significherebbe bloccare ogni altro intervento.
Sulla questione scende in campo anche Raffaele Baratto. Per il deputato trevigiano di Forza Italia, va costruito un nuovo ponte. Baratto ha invitato il ministro Danilo Toninelli a venire in sopralluogo a Vidor. Sul ponte di Vidor era stato annunciato anche un progetto della Regione, che si era impegnata a finanziarlo, in tutto o in parte.