Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

La percentuale dei malati è in aumento in tutta Europa

UNITI CONTRO L'ALZHEIMER

Domani un convegno a Castelfranco


CASTELFRANCO. Giornata Mondiale per l’Alzheimer: il Centro Anziani Sartor di Castelfranco partecipa con un interessantissimo incontro, venerdì 21 settembre 2018 dalle 20.30. L’iniziativa rientra nel ciclo di incontri “Le patologie dell’anziano: parliamone assieme” e riguarda in particolare i temi della prevenzione e dell’invecchiamento attivo. Relatore sarà il dottor Vito Toso che illustrerà, in particolare, i fattori di rischio e di protezione riguardo al decadimento cognitivo, offrendo spunti di riflessione ed esempi concreti. Appuntamento dunque domani al Salone delle Rose del Sartor a Castelfranco.

La percentuale di anziani rispetto alla popolazione generale sta aumentando in tutte le nazioni, in particolare in quelle altamente sviluppate. Tra le fragilità legate all’invecchiamento, il decadimento cognitivo viene vissuto dalle persone come la più grande minaccia, anche se la demenza non è la naturale conseguenza dell’invecchiamento. Un terzo dei casi di Alzheimer nel mondo possono essere attribuiti a sette fattori di rischio modificabili (diabete mellito, ipertensione, obesità, inattività fisica, depressione, fumo e bassa scolarità) alcuni dei quali già a partire dalla mezza età. Dei sette fattori di rischio riportati, la percentuale più grande di casi di Alzheimer in Europa, USA e UK potrebbe essere attribuita all’ inattività. Pur sapendo che la bassa scolarità non può essere modificata negli anziani, una vasta letteratura mostra che l’essere impegnati in attività cognitivamente stimolanti nella mezza età e nell’età anziana è un fattore protettivo. Pertanto il benessere degli anziani va inteso come multidimensionale, nel senso che lo star bene implica più aspetti: quello psicofisico, quello socioeconomico, quello relazionale, quello partecipativo. Da tempo il Centro Sartor ha attivato, proprio in questo senso, una serie di iniziative rivolte agli anziani che frequentano il Centro Diurno ATTIVAmente, aperte anche al territorio, attraverso laboratori aperti alla comunità e serate di sensibilizzazione.