Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/321: COSA È SUCCESSO A FRANCESCO MOLINARI?

Il campione azzurro dovrebbe tornare in campo ad agosto


LONDRA - È troppo tempo che non troviamo in campo Francesco Molinari. L’ultima volta è stato a marzo, quand’era andato a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, una delle più prestigiose gare del PGA Tour. Si svolgeva al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/320 - CAMPI/28: IL GOLF CLUB FRASSANELLE

Buche lunghe nel verde dei Colli Euganei


ROVOLON (PD) - Inserito in una luminosa tenuta, il Golf Frassanelle esprime la raffinatezza del nobiluomo Alberto Papafava che nel 1860 creò questo parco nel comune di Rovolon, su un’altura situata all’estremità settentrionale dei Colli Euganei. L’aristocratico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/319: SPETTACOLO CON GRANDI CAMPIONI ALL'RBC HERITAGE

Successo per Webb Simpson e il suo swing particolare


HILTON HEAD  (USA) - Spettacolo con grandi campioni, sul percorso dell’Harbour Town Golf Links, a Hilton Head nel South Carolina, per l'Rbc Heritage. Sono al via i primi sei giocatori del mondo, compreso ovviamente Jon Rahm, che la scorsa settimana è uscito al taglio, e ora...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Le botteghe spesso diventano punti di aggregazione sociale

UN TREVIGIANO SU 4 ACQUISTA NEI NEGOZI DI VICINATO

"La sfida è coniugare tradizione e innovazione"


TREVISO - Un trevigiano su quattro continua a fare acquisti nella macelleria, nell’ortofrutta, nel panificio e nelle altre botteghe sotto casa o vicino dal posto di lavoro.
Un dossier sul commercio di prossimità, inserito nel rapporto annuale sul terziario della Marca, curato dall’Ebicom Lab, per conto dell’ente bilaterale del settore, mostra come i clienti di questi negozi abbiano un’età superiore ai 35 anni (un terzo ne ha più di 65 ), in prevalenza donne o coppie con o senza figli.
Si rivolgono a questi esercizi per prodotti locali o made in Italy, di qualità, e perché alla ricerca di rapporto con il negoziante che consiglia e, in qualche modo, certifica la provenienza del prodotto”.
Dunque i negozi di vicinato non sono morti, ribadisce Federico Capraro, vicepresidente di Unascom Confcommercio provinciale.
Il commercio trevigiano si conferma in trasformazione (tra gennaio e giugno gli imprenditori sono in aumento per la prima volta dopo otto anni, seppur solo dello 0,1%). La maggioranza dei clienti, addirittura l’84% per l’alimentare, sceglie supermercati, discount e negozi specializzati per convenienza e varietà d’offerta. Sono ancora pochi, in assoluto, coloro che acquistano su internet, e il 68% prima prova l’articolo in negozio, ma l’e-commerce cresce dell’11% medio negli ultimi tre anni.
A fronte di questi dati anche per i negozi tradizionali la sfida passa per l’innovazione, come ricorda Alessia Bernardi, una delle curatrici del rapporto.