Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/235: ALLA MONTECCHIA LA COPPA DEL MONDO DI TURKISH AIRLINES

Fa tappa in Veneto il campionato amatoriale sostenuto dalla compagnia aerea


SELVAZZANO DENTRO - Con una certa curiosità ho aderito all’invito propostomi dalla compagnia aerea, di partecipare al Turkish Airlines World Golf Cup 2018, inviatomi per tramite dell’Ufficio Stampa italiano della stessa; bello, han fatto le cose molto bene, degne del Club che li...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/234: MOLINARI DECISIVO NELLA RYDER CUP

L'azzurro trascina l'Europa alla vittoria sugli Usa


PARIGI - La tanto attesa storica sfida che ogni due anni mette in competizione gli Stati Uniti d’America e il Vecchio Continente, l’unica competizione in cui l’Europa ha una propria “Nazionale”, gioca sotto un’unica bandiera. I previsti 270mila spettatori, hanno...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/233: FEDEX CUP, IL RITORNO ALLA VITTORIA DI WOODS

Tiger trionfa ad Atlanta, classifica finale a Justin Rose


TREVISO - Istituita nel 2007, la FedEx Cup è un insieme di quattro tornei settimanali del PGA Tour; è una corposa manifestazione di Golf, con il merito di aver introdotto, per prima, il sistema playoff nel golf professionistico. Le gare infatti, quattro, che sono anche la conclusione...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

La nostra rubrica sul mondo golfistico a cura di Paolo Pilla

PILLOLE DI GOLF/232: A MILANO L'ULTIMA TAPPA DEL CHALLENGE AIGG

In programma anche una sfida con i calciatori


MILANO - Due giornate all’insegna di sport, natura, beneficenza. Nel Parco Reale di Monza, dove fa bella mostra di sè il più grande evento automobilistico italiano, e dove regna il campo di Golf “Milano”, la chiusura del Challenge AIGG non è stata priva di emozioni. La sfida golfistica contro i calciatori, intanto: L’idea recepita dalle due parti con entusiasmo, l’hanno avuta Beppe Dossena, presidente dell’Associazione calciatori che giocano a golf, e Stefano Cazzetta, vice presidente dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti. La disponibilità del Golf Club Milano ha fatto il resto, la nostra tappa finale del challenge è stata preceduta dall’incontro con i calciatori.
In quel tracciato di alto livello, fiore all’occhiello del Golf italiano, che ha già ospitato tre Open d’Italia, erano quaranta i giocatori selezionati per affrontarsi, equamente suddivisi tra le due squadre capitanate rispettivamente da Dossena per i calciatori, e da Roversi per i giornalisti, ognuna determinata a portare avanti i colori del proprio sodalizio. Si sono messi in evidenza per gli ottimi risultati individuali, l’ex calciatore Giuseppe Zinetti e il giornalista Giorgio Piccaia, entrambi con 38 punti. Hanno avuto ragione del “duello” i giornalisti, la cui squadra si è imposta per 469 a 443. A premiazione ultimata, si è subito parlato di rivincita: la sfida ha tutta l’aria di diventare un appuntamento fisso nel calendario delle due associazioni. Sono infatti comuni i valori delle due squadre, impegnate entrambe nel sostenere iniziative benefiche.
Il dì appresso, il 12 settembre, si è giocato la tappa finale del challenge, il giro d’Italia golfistico partito in primavera dal Marco Simone, per risalire verso nord con tappe nei Circoli sempre importanti, aspettando Monza. Sentivamo il desiderio di giocare, visto che durante la pausa estiva, non c’erano state altre sfide oltre alla tre giorni montana.
La prova, che ha visto la partecipazione dei giornalisti arrivati da mezza Italia, oltre a definire la classifica finale del Challenge, serviva anche ad assegnare il Premio Giusy Lantos, e a scegliere i giocatori che faranno parte della squadra alla Nations Cup, in programma a Villa Carolina dall’otto al 12 ottobre prossimi. Il trofeo intitolato a Giusy Lantos, sarà di nuovo proposto nella prossima stagione, ed è stato consegnato al vincitore da Ivan Lantos, consigliere della nostra associazione, e da David Lantos, giudice arbitro internazionale, che sovrintende il Ladies European Tour.
Come consuetudine, si è avuta l’occasione di vivere un altro momento importante, legato alla raccolta di fondi da devolvere in beneficenza. Sono state consegnate due somme di cinquemila euro, una alla Federazione Nazionale Diabete Giovanile Onlus, l’altra al Comitato Maria Letizia Verga Onlus, che studia e cura la leucemia nei bambini. Quest’ultima somma è stata consegnata nelle mani di Marina Vertova Soldati, mamma del carissimo e compianto Teodoro, di cui abbiamo di recente parlato raccontando l’importante torneo internazionale, svoltosi al Circolo di Biella e a lui dedicato. Sempre riguardo alla beneficenza, si è poi deciso di donare a “La Casa di Paolo”, onlus che promuove servizi educativi per ragazzi fragili o bisognosi, l’intero ricavato delle due giornate del Campionato Italiano di Doppio “Memorial Paolo Dal Fior”, di cui ricorre quest’anno la decima edizione. La somma sarà consegnata a Marco Dal Fior, subito dopo la conclusione della gara al Chervò di San Vigilio.
Ancora non basta, la votazione per la “Pallina d’Oro - Trofeo Marco Mascardi”, è stato un vero plebiscito a favore di Francesco Molinari. Non poteva che essere così, visti i successi del Campione, primo italiano a vincere un major americano. Non era con noi Francesco, era negli Stati Uniti per le finali della FedEx Cup; il trofeo gli sarà consegnato appena farà ritorno.
Una targa alla carriera è anche stata consegnata a Valerio Remondino, superintendent del Circolo Golf Torino, che andrà in pensione a novembre.
Una giornata radiosa è stata riservata agli oltre sessanta giocatori in campo: un bel sole, caldo, ma più che sopportabile, soprattutto se nel percorso si era con il car, giacché il percorso è sì pianeggiante, ma un po’ lungo. Giocare lì una gara è pur sempre impegnativo, ma con la cura che il Club riserva a tutta la struttura, è stato piacevole per tutti.
Il CBA era -1, c’è stata una marea di virgole; non l’ha avuta Trezzi, che si abbassato di 0,9.
Ed ecco i risultati di tappa:
In prima categoria, i tre vincitori hanno il medesimo punteggio, (33); la graduatoria ha tenuto conto del risultato nelle seconde nove, quindi: 1°) Paolo Maggi (Freelance); 2°) Marco Bucarelli (Golf Television); 3°) Benito Russo (Freelance). In seconda categoria 1°) Maurizio Trezzi (Eurosport) con 38, punteggio che ha lasciato a debita distanza tutto il resto dei giocatori; 2°) Matteo Dore (Gazzetta dello Sport) con 30, 3°) Marco Peschiera (Il Secolo XIX), anche lui 30. Nel lordo Dario Bartolini (Golf People) con 27. Per gli amici, Giancarlo Masini del Golf Jesolo, con 41. Il Nearest to the Pin l’ha conquistato Elio Girompini (Corriere della sera), che ha messo la palla a 70 cm dalla bandiera. Il cucchiaio di legno se l’è beccato il collega Paolo Condò (Sky), giustificato perché neofita. Il mio score non è stato buono, mi ha superato l’amico Fabrizio, per due punti.
Come accennato, i risultati avevano significato anche per il challenge, che quest’anno soggiaceva a un regolamento rivisitato: lasciava tutto in gioco fino all’ultima gara (come nella FeDex Cup, è assegnato un bonus nell’ultima tappa).
Pubblicheremo quanto prima i nomi dei trionfatori, nonché i nominativi dei fortunati partecipanti alla Nations Cup, il campionato europeo di doppio, che sarà proprio in Italia nei primi giorni di ottobre. Sarà giocato al Golf Club Villa Carolina, con un centinaio di giornalisti europei in rappresentanza di Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Olanda, Repubblica Ceca, Spagna, Svizzera, oltre all’Italia. Sarà poi la volta dei due Campionati Italiani: a metà ottobre quello di doppio al Golf Club Chervò, e a novembre l’individuale al Donnafugata, nel ragusano. Abbiamo notizia intanto che la finale del prossimo challenge 2019 si svolgerà a Roma, all’Olgiata, e che il Campionato individuale, programmato quest’anno in Sicilia, avrà luogo nel Veneto, ad Albarella.
A chiusura dell’evento, dopo tanto variegata cerimonia di premiazione, un eccellente seguito: un ricco buffet, nota raffinatezza delle cucine del Circolo, sulla splendida terrazza del club milanese.
Paolo Pilla