Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/235: ALLA MONTECCHIA LA COPPA DEL MONDO DI TURKISH AIRLINES

Fa tappa in Veneto il campionato amatoriale sostenuto dalla compagnia aerea


SELVAZZANO DENTRO - Con una certa curiosità ho aderito all’invito propostomi dalla compagnia aerea, di partecipare al Turkish Airlines World Golf Cup 2018, inviatomi per tramite dell’Ufficio Stampa italiano della stessa; bello, han fatto le cose molto bene, degne del Club che li...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/234: MOLINARI DECISIVO NELLA RYDER CUP

L'azzurro trascina l'Europa alla vittoria sugli Usa


PARIGI - La tanto attesa storica sfida che ogni due anni mette in competizione gli Stati Uniti d’America e il Vecchio Continente, l’unica competizione in cui l’Europa ha una propria “Nazionale”, gioca sotto un’unica bandiera. I previsti 270mila spettatori, hanno...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/233: FEDEX CUP, IL RITORNO ALLA VITTORIA DI WOODS

Tiger trionfa ad Atlanta, classifica finale a Justin Rose


TREVISO - Istituita nel 2007, la FedEx Cup è un insieme di quattro tornei settimanali del PGA Tour; è una corposa manifestazione di Golf, con il merito di aver introdotto, per prima, il sistema playoff nel golf professionistico. Le gare infatti, quattro, che sono anche la conclusione...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'opera di Mirko Sabatino si aggiudica il premio Segafredo zanetti

ASOLO PREMIA "L'ESTATE MUORE GIOVANE"

Terminato il Festival del Viaggiatore di Asolo


La cerimonia di premiazione ASOLO. Mirko Sabatino è il vincitore del Premio Segafredo Zanetti Città di Asolo – UN LIBRO UN FILM. Il suo romanzo “L’estate muore giovane” è stato premiato dalla giuria critica. E ha superato la“concorrenza” de “L’estate del ‘78” di Roberto Alajmo, arrivato nella terna finalista insieme alla graphic novel “Non stancarti di andare” di Teresa Radice e Stefano Turconi.

L’opera di Sabatino è un romanzo di formazione «che colpisce per la sua scrittura essenziale – si legge nella motivazione ufficiale del Premio - attraverso pagine che, una dopo l’altra, diventano vere e proprie inquadrature, lasciando già intravedere fotogrammi, primi piani, panoramiche». Infatti, dalla pagina alla pellicola è una delle mission del Premio Segafredo Zanetti Città di Asolo – UN LIBRO UN FILM, premio letterario nazionale dedicato alla narrativa per il cinema. «Dei quattro giovani protagonisti – continua la motivazione del Premio – Sabatino svela già nella scrittura volti, espressioni, atteggiamenti, così come racconta per immagini i luoghi, gli odori, i colori, e anche il gusto di quell’estate del 1963 in una piccola provincia del Gargano. Come didascalie di una sceneggiatura, le descrizioni dei protagonisti e della loro terra sono la traccia di una scrittura così visiva che consegna il Premio Segafredo Zanetti – UN LIBRO UN FILM 2018 a Mirko Sabatino. Ai suoi giovani eroi, protagonisti di una storia che in un’estate già lontana vola verso la fine dell’adolescenza verso il mondo “dei grandi”, la Giuria del Premio augura ora di uscire dal libro per riempire lo schermo con la loro fisicità, i loro sogni, la loro fame di vita».

La Giuria Critica ha voluto esprimere una menzione speciale anche per Roberto Alajmo e “L’estate del ‘78” (edito da Sellerio). «Per la sensibilità speciale con la quale da scrittore , anche giornalista, trasforma la vicenda intima e autobiografica del dolore di una perdita in un vero e proprio film interiore e privato. Alajmo, che nel 2005 ha già offerto al cinema con la regia di Daniele Ciprì le pagine del suo È stato il figlio, proietta confidenzialmente nell’anima di ognuno dei suoi lettori il suo viaggio interiore, trasformando chi legge proprio in uno spettatore, complice privilegiato di pagine che scorrono tutte d’un fiato anche per l’ironia intelligente e salvifica che accompagna l’elaborazione di un lutto fino all’ultima delle sue considerazioni: “Per quanto possa sembrare assurdo, prima o poi ci si addormenta per sempre”. Un libro prezioso, che conquista chi legge proprio con una scelta narrativa di una tale forza visiva che rende difficile la trasformazione del racconto in un’altra possibile sceneggiatura».

Premiato anche “Non stancarti di andare”, scritto da Teresa Radice e Stefano Turconi, firme di rilievo anche in casa Disney. La graphic novel, in 321 tavole a colori, racconta la storia d’amore di Iris, disegnatrice veneziana, e Ismail, insegnante di storia dell’arte siriano. Il libro ha entusiasmato i lettori, tanto da ricevere il premio della giuria popolare, un’opera appositamente creata dall’artista Enrico Benetta.