Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Due giorni dedicatI a riflettere sugli anni del primo conflitto mondiale

I PENSIONATI RIFLETTONO SULLA GRANDE GUERRA

L’iniziativa del Sindacato dei Pensionati della CGIL in collaborazione con ISTRESCO


VITTORIO VENETO. “Una due giorni fatta di memoria, lavoro, territorio, analisi storica”. Così Paolino Barbiero, segretario generale dello SPI CGIL di Treviso, ha definito l’iniziativa del Sindacato dei Pensionati, in programma a Vittorio Veneto giovedì 27 e venerdì 28 settembre, come annuncia il titolo “La Pace del’18. Cronache, cambiamenti e contraddizioni dagli anni del conflitto al primo dopoguerra”, tutta dedicata a celebrare la fine della Grande Guerra nell’anno del centenario.

 Organizzata dallo Spi Cgil di Treviso in stretta collaborazione con l’ISTRESCO (Istituto per la Storia della Resistenza e della Società Contemporanea della Marca trevigiana), l’iniziativa, voluta fortemente dallo Spi Cgil nazionale e da quelli regionali del Veneto e del Friuli Venezia Giulia, conta i patrocini della Regione del Veneto, della Provincia di Treviso, del Comune di Vittorio Veneto e del Comitato Regionale Veneto Centenario Grande Guerra. Il primo dei due appuntamenti si svolgerà il 27 settembre al Museo della Battaglia a partire dalle 14.30 e sarà accentrato sulla presentazione di “Operai e contadini di fronte alla Grande Guerra. Veneto e Friuli Venezia Giulia in una prospettiva comparata”, appena pubblicato da ISTRESCO. Saranno proprio gli autori dei saggi racchiusi nel volume a illustrare le diverse fasi e dimensioni dei fenomeni economici e sociologici che hanno cambiato volto e dinamiche del territorio veneto e friulano a cavallo della prima guerra mondiale. A coordinare gli interventi, Edmondo Montali della Fondazione Di Vittorio e Irene Bolzon dell’Istresco.

 Il secondo appuntamento, in programma venerdì 28 dalle 9.30 al Teatro Da Ponte, si articolerà in tre momenti di approfondimento e riflessione: la lectio magistralis del professor Livio Vanzetto, una breve presentazione di Lisa Tempesta dedicata al volume protagonista della prima giornata, con Giuliano Casagrande che illustrerà il suo libro “L’isola tra i fiumi. Sopravvivere all’invasione 1917-1918”, poi la tavola rotonda con Irene Bolzon (Istresco), Adolfo Pepe (Fondazione di Vittorio) e Elena Di Gregorio, segretario generale SPI CGIL Veneto. Le conclusioni sono affidate al segretario nazionale dello Spi Cgil Ivan Pedretti, modera il giornalista e scrittore Edoardo Pittalis. La mattinata vedrà, inoltre, l’esibizione del cantautore veneziano Gualtiero Bertelli.

 “Il lavoro è il tema portante dei due nuovi volumi curati ed editi Istresco sui quali poggia l’iniziativa. A partire dagli spaccati di quel drammatico periodo raccontati e indagati dagli storici vogliamo dare valore alla memoria del nostro territorio riflettendo sugli eventi e sugli sviluppi che i nostri genitori e i nostri nonni, le donne e gli uomini del tempo, hanno vissuto e su quanto questo abbia influenzato la nostra società e il nostro modo di essere ancora oggi - hanno detto Paolino Barbiero, segretario generale SPI CGIL di Treviso e Amerigo Manesso, presidente dell’ISTRESCO”.