Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/329: BRILLA SEMPRE PIÙ LA GIOVANE STELLA DI RASMUS HOJGAARD

Il 19enne danese trionfa all'Isps Handa Uk Championship


SUTTON COLDFIELD (GBR) - Con l'Isps Handa Uk Championship, eccoci alla conclusione dell’”UK Swing”, con due azzurri in campo: Edoardo Molinari e Lorenzo Scalise, unici due italiani presenti al torneo che conclude il ciclo di sei gare denominate “UK Swing”, e che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Le aziende al Terminal del Porto di Venezia per capire come “gestire” la sicurezza quando in un luogo operano diverse imprese.

SICUREZZA: UNA LEZIONE AL PORTO DI VENEZIA

Osservati speciali saranno carrelli elevatori e macchinari per la movimentazione delle merci


TREVISO. Trasferta veneziana per le imprese trevigiane che saranno al Porto di Venezia per affrontare il tema della sicurezza. Cosa succede quando, in uno stesso sito produttivo operano più imprese, ciascuna con addetti diversi e impegnata in variegate attività? Sono quelle che, in gergo tecnico, vengono definite
"interferenze".
Anche dal punto di vista della sicurezza sul lavoro, la gestione si complica e richiede un approccio specifico.
Sarà proprio questo il tema al centro del nuovo incontro di "10 volte sicurezza", ciclo formativo promosso da UNIS&F, la società di servizi e formazione delle associazioni industriali di Treviso e Pordenone.
Il seminario, in programma giovedì 27 settembre, prenderà in esame una delle situazioni più complesse che si possano affrontare in questo ambito: un cantiere navale. “10 volte sicurezza”, dunque, farà tappa alla Vecon SPA, che gestisce uno dei terminal container del porto di Venezia. L'azienda costituisce un ottimo
esempio di come gestire la presenza di molte realtà differenti, private e pubbliche, che operano nell'area portuale e le relative criticità. Dopo l'illustrazione da parte dei responsabili dei vari procedimenti adottati per garantire il coordinamento prevenendo i possibili rischi di incidenti, proprio una visita guidata al terminal
concluderà la giornata, per osservare in prima persona le operazioni di movimentazione delle merci. Modelli da cui, poi, i partecipanti potranno trarre spunto, per replicarne alcune soluzioni anche nelle ditte di provenienza.
Per attività interferenti, ai sensi della normativa in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, si intende la presenza contemporanea di più realtà lavorative o lavorazioni in una stessa aree o zona di lavoro.
Per questo motivo è necessario valutare tipologie, ripercussioni ed eventuali pericoli di tutti i soggetti coinvolti, per poter coordinare al meglio tutti gli "attori".
UNIS&F pone attenzione alle problematiche relative alle interferenze in tutti i corsi in materia di sicurezza sul lavoro, in particolare in quelli per addetti ai carrelli elevatori. La movimentazione di mezzi, infatti, è uno degli ambiti più rischiosi per l'incolumità delle persone: molto spesso i tragitti dei carrelli "interferiscono" con i
percorsi di chi si muove a piedi all'interno dell'azienda.