Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/298: DOPO LE PROTESTE POLITICHE, AD HONG KONG TORNA IL GOLF

Successo per Wade Ormsby, Andrea Pavan unico azzurro


HONG KONG - Era stato rinviato per problemi di sicurezza l'Hong Kong Open. Avrebbe dovuto prendere avvio il 28 novembre, ma i disordini legati alla difficile situazione sociale, riordiamo i continui scontri nel Paese, aveva indotto gli organizzatori ad annullare la gara. Ora questo torneo...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/297: L'ALTRA META' DEL GOLF AL FEMMINILE

Ad Evian, in Francia, l'unico major "rosa" d'Europa


EVIAN  - Nel doveroso ricordo del record assoluto di vittorie in campo internazionale conquistate dagli azzurri Bertasio, Gagli, Laporta, Migliozzi, i Molinari, Paratore, Pavan nel 2019, cominciamo il 2020 dando l'onore al Golf femminile, seppur in assenza delle atlete italiane.Il Ladies...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/296 - CAMPI/22: GOLF CLUB ACQUASANTA

Alle porte di Roma, il più antico "green" d'Italia


ROMA - Ha oltre un secolo il Golf Acquasanta, è il più antico d’Italia, è prestigioso, ha segnato l'inizio del golf in Italia. Siamo nel 1885 quando alcuni amici inglesi pensano di realizzarlo. Trovano quella posizione superba che odora di eucalipto e di pino marittimo ai...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Una quarantenne voleva entrare in un albergo

UBRIACA TENTA DI SFONDARE UN PORTONE

La donna aveva un tasso alcolico di 3,5


TREVISO. Era ferma in auto davanti al portone di un albergo. Una 40enne padovana voleva entrare a tutti i costi nella struttura e, innestata la prima, stava tentando di abbattere il portone. Non contenta si era attaccata al clacson suonandolo di continuo. Il portiere dell'albergo ha chiamato la polizia che si è messa sulle tracce della donna, nel frattempo fuggita ad alta velocità. Gli agenti non hanno impiegato molto tempo per bloccare il mezzo e identificare la donna. Portata in questura è stata sottoposta al controllo con l'etilometro risultando positiva. Nel sangue aveva un valore sette volte superiore al limite massimo consentito dalla legge: era vicina al coma etilico. La quarantenne è stata denunciata per guida in stato di ebbrezza e l'auto posta sotto sequestro.