Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/235: ALLA MONTECCHIA LA COPPA DEL MONDO DI TURKISH AIRLINES

Fa tappa in Veneto il campionato amatoriale sostenuto dalla compagnia aerea


SELVAZZANO DENTRO - Con una certa curiosità ho aderito all’invito propostomi dalla compagnia aerea, di partecipare al Turkish Airlines World Golf Cup 2018, inviatomi per tramite dell’Ufficio Stampa italiano della stessa; bello, han fatto le cose molto bene, degne del Club che li...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/234: MOLINARI DECISIVO NELLA RYDER CUP

L'azzurro trascina l'Europa alla vittoria sugli Usa


PARIGI - La tanto attesa storica sfida che ogni due anni mette in competizione gli Stati Uniti d’America e il Vecchio Continente, l’unica competizione in cui l’Europa ha una propria “Nazionale”, gioca sotto un’unica bandiera. I previsti 270mila spettatori, hanno...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/233: FEDEX CUP, IL RITORNO ALLA VITTORIA DI WOODS

Tiger trionfa ad Atlanta, classifica finale a Justin Rose


TREVISO - Istituita nel 2007, la FedEx Cup è un insieme di quattro tornei settimanali del PGA Tour; è una corposa manifestazione di Golf, con il merito di aver introdotto, per prima, il sistema playoff nel golf professionistico. Le gare infatti, quattro, che sono anche la conclusione...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Convegno organizzato dall'Ulss 2

“1915-1918 SANITA’ MILITARE, OSPEDALI CIVILI E MATTI DI GUERRA”

Verrà presentata ricerca fatta nell’archivio del Sant’Artemio


TREVISO. Una Grande Guerra diversa da quella raccontata con immagini di assalti, avanzate o disfatte militari. E’ quella che verrà delineata sabato 6 ottobre a Treviso con il convegno “1915-1918 Sanità militare, ospedali civile e matti di guerra”, organizzato dall’Azienda Ulss 2 nel centenario della fine del primo conflitto mondiale. L’appuntamento è per le 9.30 presso l’Auditorium Santa Croce, l’antica chiesa dell’ospedale di Santa Maria dei Battuti che in quei lontani anni vedeva ricoverati i feriti del vicino fronte.

 Dopo l’apertura dei lavori da parte del Direttore generale Francesco Benazzi, interverranno: Fabio Bruno (Giornalista Ufficio Stampa ULSS 2) che tratterà il tema “Grande Guerra: la Sanità Militare, i Corpi Ausiliari e lo sforzo assistenziale generale”, lo storico Ivano Sartor su “Santa Maria dei Battuti di Treviso. Un ospedale civile sulla linea del Piave” e Gerardo Favaretto (Direttore Dipartimento di Salute Mentale) che presenterà la sua ricerca “L’Ospedale Sant’Artemio di Treviso, le malattie mentali, i soldati della prima guerra mondiale”.

 Una ricerca di grande valore quest’ultima, avvenuta nell’archivio del vecchio ospedale psichiatrico trevigiano, dove sono tutt’oggi conservati documenti, lettere e scritti riguardanti i soldati reduci dal fronte e ricoverati per il trauma psicologico conseguente a ferite o anche alla sola esperienza del fronte.

 Il convegno vuole essere quindi un momento di riflessione per capire i traumi più profondi lasciati dal conflitto ma anche per ripercorrere lo sforzo assistenziale italiano, le vicende belliche dei medici che nella Grande Guerra furono chiamati alle armi in 18.000 a partire dalla classe anagrafica 1870, lasciando pressoché sguarnito il sistema sanitario civile. Ma anche per ricordare il ruolo dell’Ospedale di Treviso, a pochi chilometri dalla linea del fuoco, destinato a ospitare i militari feriti, con quelli civili cronici sfollati in varie parti della Penisola, sede della Croce Rossa Americana e Britannica, in parte gravemente bombardato dalle incursioni aeree austriache.