Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/257: AL PLAYERS CHAMPIONSHIP TRIONFA RORY MCILROY

In Florida il torneo considerato il "quinto major"


FLORIDA - È questo il torneo tra i più attesi del PGA Tour, considerato quasi un quinto major. L’evento ha il montepremi più alto al mondo, ben 12,5 milioni di dollari, con prima moneta di 2.250.000. Oltre a questi, sono in palio 600 punti per la FedEx Cup, che...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/256: FRANCESCO MOLINARI CAMPIONE ALL'ARNOLD PALMER

Fantastico ultimo giro e vittoria del torinese


ORLANDO (FLORIDA) - Torna in campo Francesco Molinari. Lo fa ancora una volta nel leggendario sito di “Arnold Palmer Invitational”. Il torneo (7-10 marzo), dedicato al grande campione americano scomparso nel 2016, si gioca al Bay Hill Club & Lodge (par 72), di Orlando in Florida. Il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/255: FRANCESCO SECCO APRE LA STAGIONE A "I SALICI"

Il club più vicino alla città di Treviso prosegue il rinnovamento


TREVISO - Golf Club “I Salici”, un bel giardino dove giocare a Golf. Per me una montagna di ricordi.Non sono del tutto compiuti gli impegnativi lavori al Golf Club “I Salici”, opere intese a rendere il club più importante nel complesso della Ghirada, la cittadella...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Convegno organizzato dall'Ulss 2

“1915-1918 SANITA’ MILITARE, OSPEDALI CIVILI E MATTI DI GUERRA”

Verrà presentata ricerca fatta nell’archivio del Sant’Artemio


TREVISO. Una Grande Guerra diversa da quella raccontata con immagini di assalti, avanzate o disfatte militari. E’ quella che verrà delineata sabato 6 ottobre a Treviso con il convegno “1915-1918 Sanità militare, ospedali civile e matti di guerra”, organizzato dall’Azienda Ulss 2 nel centenario della fine del primo conflitto mondiale. L’appuntamento è per le 9.30 presso l’Auditorium Santa Croce, l’antica chiesa dell’ospedale di Santa Maria dei Battuti che in quei lontani anni vedeva ricoverati i feriti del vicino fronte.

 Dopo l’apertura dei lavori da parte del Direttore generale Francesco Benazzi, interverranno: Fabio Bruno (Giornalista Ufficio Stampa ULSS 2) che tratterà il tema “Grande Guerra: la Sanità Militare, i Corpi Ausiliari e lo sforzo assistenziale generale”, lo storico Ivano Sartor su “Santa Maria dei Battuti di Treviso. Un ospedale civile sulla linea del Piave” e Gerardo Favaretto (Direttore Dipartimento di Salute Mentale) che presenterà la sua ricerca “L’Ospedale Sant’Artemio di Treviso, le malattie mentali, i soldati della prima guerra mondiale”.

 Una ricerca di grande valore quest’ultima, avvenuta nell’archivio del vecchio ospedale psichiatrico trevigiano, dove sono tutt’oggi conservati documenti, lettere e scritti riguardanti i soldati reduci dal fronte e ricoverati per il trauma psicologico conseguente a ferite o anche alla sola esperienza del fronte.

 Il convegno vuole essere quindi un momento di riflessione per capire i traumi più profondi lasciati dal conflitto ma anche per ripercorrere lo sforzo assistenziale italiano, le vicende belliche dei medici che nella Grande Guerra furono chiamati alle armi in 18.000 a partire dalla classe anagrafica 1870, lasciando pressoché sguarnito il sistema sanitario civile. Ma anche per ricordare il ruolo dell’Ospedale di Treviso, a pochi chilometri dalla linea del fuoco, destinato a ospitare i militari feriti, con quelli civili cronici sfollati in varie parti della Penisola, sede della Croce Rossa Americana e Britannica, in parte gravemente bombardato dalle incursioni aeree austriache.