Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Venerdi a Treviso la presentazione dell'esoscheletro sviluppato da un gruppo di ricercatori

IL ROBOT DA "INDOSSARE" CHE AIUTA GLI OPERAI

All'incontro di Unis&f anche Spisal e Inail


TREVISO. Un robot indossato dagli operai per aiutarli nei lavori più difficili e usuranti. Un vero e proprio esoscheletro in grado di coordinare meglio i movimenti e rendere meno pesanti i lavori. Sarà presentato agli imprenditori venerdi prossimo alle 14,00 nella sede di Unis&F in via Venzone a Treviso nel corso del nuovo appuntamento di “10 volte sicurezza”, ciclo formativo promosso dalla società di servizi e formazione degli industriali di Treviso e Pordenone.

Il dispositivo è stato sviluppato dai ricercatori di Iuvo, spin-off dell’istituto di bio-robotica della Scuola superiore Sant’Anna di Pisa (uno dei poli universitari italiani d’eccellenza). In questa società hanno investito anche Ossur, azienda islandese specializzata proprio nel campo delle protesi, e Comau, controllata del gruppo Fca.

Nicola Vitiello, 35enne professore alla Sant’Anna, tra i massimi esperti di robotica indossabile, è uno dei padri di questo progetto. “Il nostro è a tutti gli effetti un esoscheletro: un dispositivo che funziona un po’ in parallelo al nostro corpo, un altro scheletro “parallelo” al nostro che in alcuni punti specifici, in questo caso a livello distretto della spalla riesce a dare supporto al nostro gesto tecnico". Simili tecnologie finora sono state sperimentate soprattutto per la riabilitazione di persone vittime di gravi traumi, o tutt’al più, negli Stati Uniti, per scopi militari. Partendo dalle conoscenze accumulate in questi ambiti, i ricercatori italiani hanno ideato un sistema dedicato al lavoro.

“Il nostro obiettivo è far sì che chi svolge compiti gravosi, torni a casa un po’ meno stanco, semplicemente perché questo robot aiuta a fare meno fatica – continua Nicola Vitiello - Abbiamo anche cercato di tirar fuori una tecnologia semplice, motivo per cui il costo di un dispositivo del genere è tutto sommato ragionevole”.

Se tutto procederà secondo i piani, infatti l’apparecchio dovrebbe essere disponibile sul mercato entro la fine dell’anno, ad un prezzo intorno ai 5mila euro.

L'incontro di venerdi sarà l'occasione per un focus sulla popolazione lavorativa che sta invecchiando, uno degli aspetti di di prevenzione da considerare anche per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro. I rischi vanno valutati tenendo conto della variabile dell’età, sia a partire dagli aspetti “fisici” e quindi ergonomici (capacità muscolare, vista, udito, etc.), sia per quanto riguarda una differente percezione dei rischi correlata all’età (novità, conoscenze, formazione, esperienze, etc.). Tra i relatori anche esperti di Inail e Spisal e i rappresentanti di Contarina che parleranno delle loro attività di ricerca e sviluppo applicate alle postazioni di lavoro.