Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/257: AL PLAYERS CHAMPIONSHIP TRIONFA RORY MCILROY

In Florida il torneo considerato il "quinto major"


FLORIDA - È questo il torneo tra i più attesi del PGA Tour, considerato quasi un quinto major. L’evento ha il montepremi più alto al mondo, ben 12,5 milioni di dollari, con prima moneta di 2.250.000. Oltre a questi, sono in palio 600 punti per la FedEx Cup, che...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/256: FRANCESCO MOLINARI CAMPIONE ALL'ARNOLD PALMER

Fantastico ultimo giro e vittoria del torinese


ORLANDO (FLORIDA) - Torna in campo Francesco Molinari. Lo fa ancora una volta nel leggendario sito di “Arnold Palmer Invitational”. Il torneo (7-10 marzo), dedicato al grande campione americano scomparso nel 2016, si gioca al Bay Hill Club & Lodge (par 72), di Orlando in Florida. Il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/255: FRANCESCO SECCO APRE LA STAGIONE A "I SALICI"

Il club più vicino alla città di Treviso prosegue il rinnovamento


TREVISO - Golf Club “I Salici”, un bel giardino dove giocare a Golf. Per me una montagna di ricordi.Non sono del tutto compiuti gli impegnativi lavori al Golf Club “I Salici”, opere intese a rendere il club più importante nel complesso della Ghirada, la cittadella...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Alcune imprese del cantiere trevigiano lasciano la commessa

PEDEMONTANA, LE DITTE DEL SUBAPPALTO IN CRISI DI LIQUIDITÀ

A rischio una quarantina di posti di lavoro


SPRESIANO - A rischio ci sono quaranta posti di lavoro. I pagamenti differiti, fino a 150-180 giorni, e le difficoltà ad ottenere credito anticipato stanno mandando in crisi di liquidità le ditte impegnate nei lavori in subappalto nel cantiere della Pedemontana. Una delle imprese che si occupano dello scavo e delle opere di carpenteria nel tratto in costruzione della superstrada tra Spresiano e Villorba, da fine settembre, ha rinunciato alla commessa, un'altra potrebbe fare lo stesso a breve, avendo già fatto radunare i macchinari. Si tratta di aziende del Sud Italia, a cui, come di prassi per le grandi infrastrutture pubbliche, le lavorazioni sono state affidate dal consorzio Sis, che ha vinto l'appalto generale. Secondo la Fillea Cgil di Treviso, i lavoratori di queste ditte già nei mesi scorsi aveva ricevuto gli stipendi in ritardo e per ottenere il saldo avevano dovuto anche incrociare le braccia scioperando. La committente generale, peraltro, alle richieste dei rappresentanti dei lavoratori, ha fatto sapere di aver sempre rispettato i termini dei pagamenti ai propri subappaltatori. Una quarantina gli operai interessati, di cui una decina locali, gli altri provenienti dalle zone dove hanno sede le aziende: tutti assunti con a tempo determinato, secondo l'avanzamento dei lavori, rischiano di vedersi i contratti non più rinnovati.
Il sindacato, sollecitando anche l'interessamento della politica, ora sta monitarando la situazione, anche per capire se gli addetti possano essere assunti direttamente dall'appaltatore principale.