Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/321: COSA È SUCCESSO A FRANCESCO MOLINARI?

Il campione azzurro dovrebbe tornare in campo ad agosto


LONDRA - È troppo tempo che non troviamo in campo Francesco Molinari. L’ultima volta è stato a marzo, quand’era andato a difendere il titolo nella 54ª edizione dell’Arnold Palmer Invitational, una delle più prestigiose gare del PGA Tour. Si svolgeva al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/320 - CAMPI/28: IL GOLF CLUB FRASSANELLE

Buche lunghe nel verde dei Colli Euganei


ROVOLON (PD) - Inserito in una luminosa tenuta, il Golf Frassanelle esprime la raffinatezza del nobiluomo Alberto Papafava che nel 1860 creò questo parco nel comune di Rovolon, su un’altura situata all’estremità settentrionale dei Colli Euganei. L’aristocratico...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/319: SPETTACOLO CON GRANDI CAMPIONI ALL'RBC HERITAGE

Successo per Webb Simpson e il suo swing particolare


HILTON HEAD  (USA) - Spettacolo con grandi campioni, sul percorso dell’Harbour Town Golf Links, a Hilton Head nel South Carolina, per l'Rbc Heritage. Sono al via i primi sei giocatori del mondo, compreso ovviamente Jon Rahm, che la scorsa settimana è uscito al taglio, e ora...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Alcune imprese del cantiere trevigiano lasciano la commessa

PEDEMONTANA, LE DITTE DEL SUBAPPALTO IN CRISI DI LIQUIDITÀ

A rischio una quarantina di posti di lavoro


SPRESIANO - A rischio ci sono quaranta posti di lavoro. I pagamenti differiti, fino a 150-180 giorni, e le difficoltà ad ottenere credito anticipato stanno mandando in crisi di liquidità le ditte impegnate nei lavori in subappalto nel cantiere della Pedemontana. Una delle imprese che si occupano dello scavo e delle opere di carpenteria nel tratto in costruzione della superstrada tra Spresiano e Villorba, da fine settembre, ha rinunciato alla commessa, un'altra potrebbe fare lo stesso a breve, avendo già fatto radunare i macchinari. Si tratta di aziende del Sud Italia, a cui, come di prassi per le grandi infrastrutture pubbliche, le lavorazioni sono state affidate dal consorzio Sis, che ha vinto l'appalto generale. Secondo la Fillea Cgil di Treviso, i lavoratori di queste ditte già nei mesi scorsi aveva ricevuto gli stipendi in ritardo e per ottenere il saldo avevano dovuto anche incrociare le braccia scioperando. La committente generale, peraltro, alle richieste dei rappresentanti dei lavoratori, ha fatto sapere di aver sempre rispettato i termini dei pagamenti ai propri subappaltatori. Una quarantina gli operai interessati, di cui una decina locali, gli altri provenienti dalle zone dove hanno sede le aziende: tutti assunti con a tempo determinato, secondo l'avanzamento dei lavori, rischiano di vedersi i contratti non più rinnovati.
Il sindacato, sollecitando anche l'interessamento della politica, ora sta monitarando la situazione, anche per capire se gli addetti possano essere assunti direttamente dall'appaltatore principale.