Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'assise ha avviato il percorso per il rinnovo dei vertici del sindacato provinciale

LAVORATORI PUBBLICI DELLA CGIL, IVAN BERNINI CONFERMATO SEGRETARIO

Il congresso della categoria lo rielegge con 37 voti su 40


TREVISO - Il 6° congresso provinciale della Funzione Pubblica CGIL di Treviso, svoltosi oggi, nella sede di via Dandolo, con 37 voti su 40 (3 astenuti), ha visto riconfermato al ruolo di segretario generale della categoria Ivan Bernini, 48 anni, in carica dal 2012. All’assise congressuale, che apre la stagione dei congressi della Cgil nella Marca, hanno preso parte 60 delegati eletti nelle 89 assemblee tenute da fine agosto nei luoghi di lavoro, e che hanno coinvolto oltre 1.500 lavoratori pubblici e privati.
I delegati hanno eletto l’assemblea generale della categoria, composta di 40 membri, e il Comitato direttivo, ma anche i 5 delegati che parteciperanno al congresso provinciale del 18 e 19 ottobre per il rinnovo dei vertici della Camera del Lavoro di Treviso e i 19 che prenderanno parte al congresso regionale della FP Cgil del Veneto.
All’interno di quella che il riconfermato segretario generale Ivan Bernini definisce “una fase di disorientamento dei lavoratori dei settori della funzione pubblica e di grande trasformazione”, principalmente tre sono i nodi affrontati sia nella discussione tra i lavoratori nelle 89 assemblee di base che approfonditi poi nel corso del congresso provinciale: quello più generale dei servizi e del lavoro pubblico, come seconda gamba del sistema economico e sociale del territorio e del Paese, la contrattazione decentrata che il Sindacato è chiamato a portare avanti attraverso le centinaia di RSU elette in tutta la provincia, la rivoluzione tecnologica come importante, ma anche complesso, momento di passaggio da gestire in termini di proposte per il mondo della PA. Al primo punto, poi, si lega anche il grande tema del welfare in un territorio che vede progressivamente la popolazione invecchiare mentre si perdono sempre più forza lavoro e competenze.
“Anche se la fase che i lavoratori stanno vivendo è di grande disorientamento - afferma Ivan Bernini -, c’è voglia di partecipazione, non c’è rassegnazione". "Come sindacato quello congressuale è un momento di confronto, di bilancio e di programmazione - spiega Bernini - da qui partiamo, con la consapevolezza di quello che abbiamo fatto in questi anni e dell’impegno necessario per i prossimi, per migliorare le condizioni di lavoro, dare tutele, garantire buona occupazione, mettere in salvaguardia i servizi richiesti dall’utenza. Le sfide sul territorio trevigiano e a livello veneto sono molte, siamo qui per ripartire rimboccandoci le maniche e rappresentando al meglio i lavoratori del pubblico e del privato che svolgono la funzione di servizio”.