Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIÙ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/329: BRILLA SEMPRE PIÙ LA GIOVANE STELLA DI RASMUS HOJGAARD

Il 19enne danese trionfa all'Isps Handa Uk Championship


SUTTON COLDFIELD (GBR) - Con l'Isps Handa Uk Championship, eccoci alla conclusione dell’”UK Swing”, con due azzurri in campo: Edoardo Molinari e Lorenzo Scalise, unici due italiani presenti al torneo che conclude il ciclo di sei gare denominate “UK Swing”, e che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Creato coordinamento tra CNA Fita di Veneto, Piemonte, Lombardi ed Emilia Romagna

BLOCCHI ANTISMOG, LA RABBIA DEGLI ARTIGIANI

CHIESTO TAVOLO REGIONI-CATEGORIE PER ARMONIA DIVIETI E PIANO INCENTIVI


VENEZIA. Convocare immediatamente un tavolo tra le Regioni firmatarie dell’accordo di bacino padano per l’attuazione di misure congiunte per il miglioramento della qualità dell’aria, e le associazioni di categoria, affinché i provvedimenti possano assumere il massimo livello di omogeneità in tutto il territorio del bacino, e, in un’ottica di programmazione e con visione prospettica, per approntare e rendere operativo uno strumento pluriennale adeguato, volto a favorire la sostituzione degli autoveicoli più inquinanti, che abbini un significativo contributo in conto capitale con interventi finanziari adeguati.

Questa è la proposta scaturita da un vertice di CNA FITA, associazione dei trasportatori artigiani, di Veneto, Piemonte, Lombardia ed Emilia Romagna, svoltosi a Milano per affrontare il caos nato dall’applicazione dei divieti di circolazione antismog, diversi per tipologia, durata e deroghe da Regione a Regione e tra i comuni delle diverse regioni, ma uguale nell’impedire l’utilizzo di veicoli a trazione diesel euro 3 ed inferiori.

“Abbiamo calcolato che gli incentivi alla rottamazione tanto sbandierati in questi giorni per dare un contentino alle imprese, darebbero 3 euro a impresa, se tutte quelle che hanno un veicolo della fascia vietata decidessero di rottamarlo e comprarne uno nuovo. Noi non abbiamo bisogno di propaganda, ma di misure vere, che consentano il rinnovo del parco macchine ed una boccata di ossigeno per l’ambiente e i cittadini”, commenta Sergio Barsacchi, segretario regionale di CNA FITA Veneto.

Valutato che le misure applicate interessano un territorio che da solo produce il 50% del Pil nazionale e dove vivono 23 milioni di persone e che quest’anno i veicoli interessati al blocco della circolazione ad ore passeranno da 1,7 milioni del 2017 a 2,8 milioni, e pur condividendo la necessità di politiche per la riduzione dell’inquinamento atmosferico, i rappresentanti delle piccole e medie imprese ritengono che non debba cadere tutto il peso dei divieti sulle spalle di artigiani e piccoli imprenditori che utilizzano i mezzi per il proprio lavoro.

“I presupposti per onorare tutte le esigenze di salvaguardia ambientale e di diritto al lavoro ci sono. Basta applicare omogeneamente poche deroghe per consentire alle aziende di continuare ad essere operative anche nelle città soggette al provvedimento e per permettere la graduale sostituzione dei mezzi nei tempi e nelle modalità adeguate con adeguate risorse disponibili, soprattutto per le imprese che svolgono attività di servizio ai cittadini e alla comunità, interventi urgenti o correlati a reperibilità e manutenzione di immobili o impianti, trasporto merci in conto terzi, lavoratori residenti in luoghi non serviti da mezzi pubblici”, afferma Sergio Barsacchi.