Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/235: ALLA MONTECCHIA LA COPPA DEL MONDO DI TURKISH AIRLINES

Fa tappa in Veneto il campionato amatoriale sostenuto dalla compagnia aerea


SELVAZZANO DENTRO - Con una certa curiosità ho aderito all’invito propostomi dalla compagnia aerea, di partecipare al Turkish Airlines World Golf Cup 2018, inviatomi per tramite dell’Ufficio Stampa italiano della stessa; bello, han fatto le cose molto bene, degne del Club che li...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/234: MOLINARI DECISIVO NELLA RYDER CUP

L'azzurro trascina l'Europa alla vittoria sugli Usa


PARIGI - La tanto attesa storica sfida che ogni due anni mette in competizione gli Stati Uniti d’America e il Vecchio Continente, l’unica competizione in cui l’Europa ha una propria “Nazionale”, gioca sotto un’unica bandiera. I previsti 270mila spettatori, hanno...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/233: FEDEX CUP, IL RITORNO ALLA VITTORIA DI WOODS

Tiger trionfa ad Atlanta, classifica finale a Justin Rose


TREVISO - Istituita nel 2007, la FedEx Cup è un insieme di quattro tornei settimanali del PGA Tour; è una corposa manifestazione di Golf, con il merito di aver introdotto, per prima, il sistema playoff nel golf professionistico. Le gare infatti, quattro, che sono anche la conclusione...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Operazione dei Carabinieri del Noe

TRAFFICO DI RIFIUTI: DODICI DENUNCE

Coinvolte sei ditte tra Venezia, Treviso e Padova


TREVISO. Operazione contro il traffico di rifiuti da parte dei carabinieri del Noe di Treviso. Nove persone sono state denunciate nell'ambito di un'inchiesta che ha accertato il trasporto illegale di rifiuti parte dei quali sono stati scaricati nell'area di un azienda all'oscuro di tutto. I protagonisti sono tre cittadini di etnia rom originari di Castelfranco e nove tra titolari, soci e dipendenti di sei ditte tra Padova, Treviso e Venezia. Sono tutti indagati per gestione illecita di rifiuti. Tutto è partito dopo il rinvenimento di 16 contenitori contenenti rifiuti speciali, abbandonati nel piazzale di una ditta risultata poi estranea alla vicenda. La proprietaria del camion e i due autisti erano i tre rom di Castelfranco e i rifiuti appartenevano ad una ditta padovana che produce verniciature industriali. Numerosi sono stati gli episodi scoperti dai carabinieri nei quali i tre rom avevano ricevuto o consegnato presso ditte non autorizzate o in difetto di idonea comunicazione, ingenti quantità di rifiuti.