Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/243: IN AUSTRALIA LA COPPA DEL MONDO A SQUADRE

Vince il Belgio, sesta la coppia azzurra Pavan - Paratore


MELBOURNE - Ancora nel clamore del trionfo di Francesco Molinari alla Race To Dubai, i giocatori azzurri sono chiamati a un altro importante appuntamento. A Melbourne, si gioca la 59ª edizione della Isps Handa Melbourne World Cup of Golf, la Coppa del Mondo a squadre che ha luogo al...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/242: SENZA SOSTA, L'EUROPEAN TOUR RIPARTE DA HONG KONG

La prima tappa della nuova stagione all'anglo-indiano Aaron Rai


HONG KONG - Ancora in aria il fragore per il successo di Francesco Molinari, l’European Tour riparte subito per la nuova stagione 2019, come di consueto in anticipo sull’anno solare. Riprende appena una settimana dopo la conclusione del precedente torneo a Dubai, dove Francesco Molinari...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/241: MOLINARI NUMERO UNO IN EUROPA

A Dubai conclusa la stagione del circuito continentale


DUBAI - Sul percorso dello Jumeirah Golf Estates, a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, si gioca l’ultima gara stagionale, il DP World Tour Championship, che va a concludere la “Race to Dubai”, con un montepremi di otto milioni di dollari. Sono ammessi i primi sessanta della...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Operazione dei Carabinieri del Noe

TRAFFICO DI RIFIUTI: DODICI DENUNCE

Coinvolte sei ditte tra Venezia, Treviso e Padova


TREVISO. Operazione contro il traffico di rifiuti da parte dei carabinieri del Noe di Treviso. Nove persone sono state denunciate nell'ambito di un'inchiesta che ha accertato il trasporto illegale di rifiuti parte dei quali sono stati scaricati nell'area di un azienda all'oscuro di tutto. I protagonisti sono tre cittadini di etnia rom originari di Castelfranco e nove tra titolari, soci e dipendenti di sei ditte tra Padova, Treviso e Venezia. Sono tutti indagati per gestione illecita di rifiuti. Tutto è partito dopo il rinvenimento di 16 contenitori contenenti rifiuti speciali, abbandonati nel piazzale di una ditta risultata poi estranea alla vicenda. La proprietaria del camion e i due autisti erano i tre rom di Castelfranco e i rifiuti appartenevano ad una ditta padovana che produce verniciature industriali. Numerosi sono stati gli episodi scoperti dai carabinieri nei quali i tre rom avevano ricevuto o consegnato presso ditte non autorizzate o in difetto di idonea comunicazione, ingenti quantità di rifiuti.