Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/332: MATTEO MANASSERO TORNA ALLA VITTORIA DOPO SETTE ANNI

Il veronese si impone al Toscana Alps Open


GAVORRANO (GR) - Centoventisei concorrenti, di cui 51 italiani, erano questa settimana al Pelagone di Gavorrano (Grosseto), a disputare la 14ª edizione del Toscana Alps Open, la terza tappa stagionale dell’Italian Pro Tour. A rendere spettacolari le diciotto buche par 71 del percorso di...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/331: A VILLA CONDULMER L'OPEN D'ITALIA DEGLI HICKORY PLAYERS

Il nostro inviato al torneo con i bastoni come un secolo fa


MOGLIANO VENETO - Nel Campo da Golf di Villa Condulmer si è giocato, dal 10 al 12 settembre, il secondo Open Italia degli hickory players. Si è scelto di far concludere il secondo Open Internazionale nella giornata del 12, coincidente con il 12 settembre 1925, giorno conclusivo del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/330: LO SPAGNOLO DE MORAL TRIONFA NEL TORNEO PIŁ ALTO D'ITALIA

Al Gc Cervino la seconda tappa dell'Italian Tour


BREUIL - Sul percorso del Golf Club Cervino, il campo più alto d’Italia a 2.050 metri di quota, si gioca il Cervino Alps Open, secondo appuntamento stagionale dell’Italian Pro Tour, circuito di gare organizzato dalla Federazione Italiana Golf. La serie di tornei è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

I dati sugli incidenti stradali nella Marca nel 2017

UNA VITTIMA DELLA STRADA SU TRE HA PIŁ DI 65 ANNI

L'allarme dell'Aci: "Diversi anziani non conoscono la nuova segnaletica"


TREVISO - L’età che avanza tradisce i guidatori trevigiani. Oltre un terzo delle vittime della strada, nella Marca ha più di 65 anni. Nel 2017, gli incidenti stradali mortali in provincia, sono diminuiti: 52 persone hanno perso la vita, rispetto alle 64 dell’anno precedente, con un calo del 18,8%. Un andamento in controtendenza con la media nazionale in crescita di 3 punti. Dei decessi su scala provinciale, tuttavia, 20 hanno riguardato ultra65enni.
Un dato da leggere in combinazione con un altro elemento: la principale causa di incidenti è il mancato rispetto della segnaletica stradale. Lo conferma anche Michele Beni, presidente provinciale dell’Aci, l’Automobile club d’Italia, che ha elaborato le statistiche.
Tra le altre ragioni per i 2.287 incidenti avvenuti nella Marca l’anno scorso, la distrazione alla guida, la distanza di sicurezza non adeguata, la velocità elevata. Non sembrano influire, invece, le condizioni meteo, visto che nell’86% dei casi il cielo era sereno. Il mese peggiore è stato novembre. Smentite invece le stragi del sabato sera: dal mercoledì alla domenica il tasso di incidentalità è simile, le ore più a rischio vanno dalle 10 alle 17.
In questo periodo gli automobilisti devono fare anche i conti con i limiti al traffico imposti dalle ordinanze anti- smog nei comuni maggiori. Assodata la necessità di ridurre l’inquinamento atmosferico, i vertici provinciali dell’Aci non mancano di puntualizzare come la principale causa delle emissioni di polveri sottili e altre sostanze inquinanti sia da addebitare a impianti di riscaldamento e fumi industriali.