Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/263: IL VICENTINO MIGLIOZZI MIGLIOR AZZURRO AL CHINA OPEN

A Shenzen il finlandese Korhonen si impone al playoff sul francese Hebert


SHENZEN - Sono ben quattro gli azzurri che partecipano al Volvo China Open, evento dell’Asian Tour e dell’European Tour, in programma a Shenzhen, al Tradition at Wolong Valley, di Chengdu in Cina. È Il venticinquesimo anniversario di questo torneo, che significa scadenza molto...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/20: GOLF CLUB CASTELFALFI

Tra le colline del Chianti, il paesaggio fa dimenticare anche le difficoltà tecniche


CASTELFALFI - Si arriva a Castelfalfi, località ignota ai più, percorrendo le luminose colline del Chiantigiano che riservano splendidi scorci. Siamo a Montaione, nei pressi dei borghi di San Gimignano e di Volterra, e Castelfalfi è un piccolo villaggio medievale arroccato...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/262: LA PRIMA VOLTA DEL MASTERS IN ROSA

Sfida tra le migliori 72 dilettanti sul mitico Augusta National


AUGUSTA - Si tratta di un evento storico per il golf femminile: per la prima volta il Masters in rosa.A giocare all’Augusta National, il mitico percorso voluto da Bobby Jones, sono le migliori 72 dilettanti del mondo. Tra loro, quattro azzurre: Virginia Elena Carta, Caterina Don, Alessandra...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Malora fatale a 63 anni mentre correva in bicicletta

TREVISO PIANGE RAIMONDO SARTORELLO, IMPRENDITORE GENTILUOMO

Ha gestito un attivià commerciale all'ingrosso di calzature


TREVISO - Generazioni di mamme e papà trevigiani, e non solo, hanno comprato le scarpette per i loro bimbi nel negozio della sua famiglia in piazza San Leonardo. Raimondo Sartorello si è spento all’improvviso, a 63 anni, mentre stava compiendo un’escursione in bicicletta, sua ultima grande grande passione nel tempo libero, dopo la motocicletta e la barca a vela. L’amico che era insieme a lui, precedendolo di alcuni metri, ha raccontato di averlo sentito mormorare un’invocazione di aiuto, prima di accasciarsi al suolo. Vani tutti i tentativi di soccorso.
Chi l’ha conosciuto lo ricorda come una persone di rara umanità, ha sempre affrontato le sfide della vita, certo non generosa con Lui, con grande dignità, a testa alta, sempre con dosato pizzico di intelligente ironia, quanto basta per non far trasparire nulla, non arrecare disturbo alcuno. Una persona semplice, votata al buon umore, di classe superiore.
In Lui, non creare disagio o disturbo alcuno era tratto distintivo del suo carattere aperto e gioviale.
Oltre allo storico punto vendita in centro a Treviso, nel quale si erano alternate prima la madre e poi dalla moglie, i suoi motivi di vita, per anni aveva guidato il Suo ingrosso di calzature presso il Centro Grossisti di Villorba, il frutto di una vita di lavoro leale e parsimonioso, uno dei maggiori, specializzato nel settore delle calzature per bambini al quale si rifornivano clienti da tutto il Triveneto e oltre. Purtroppo le nuove regole imposte dal mercato e lo squallido cinismo di qualche funzionario, proprio lo hanno costretto a chiudere definitivamente l’attività. Raimondo, sistemato tutto da grande uomo, anche in questo frangente non si era arreso, aveva ricominciato da sottozero il capitolo della propria vita che lo avrebbe portato alla pensione, anche in questo tragitto, non senza difficoltà.
Ha deciso di trasferirsi in Friuli, terra natale della moglie Annamaria, nel frattempo, ammalatasi seriamente (la coppia non aveva figli); Rai era il Suo sostegno in tutti i sensi, attento, premuroso i suoi tempi erano scanditi dai ritmi e dalle esigenze dell'amata compagna.
A Treviso era però rimasto legatissimo e qui certo non è mai stato dimenticato e non lo dimenticheranno certo i “fioi” della compagnia del Piper" di piazza Giustiniani. La "compagnia" di anni di serene e allegre scorribande in moto, sugli sci, di spensierate vacanze. Una persona speciale che ha attraversato, senza colpa periodi terribili, di grande sacrificio in modo talmente discreto da apparire leggiadro, che si sappia, l'unica volta che ha chiesto aiuto, lo ha fatto all'ultimo istante delle Sua vita, appena prima di spirare, esattamente come ha riferito l'amico davanti a Lui in bici... Un silenzioso esempio di stile di vita, che proprio per questo, merita di essere ricordato. Riposa in Pace Raimondo. Ci mancherai, e non poco.
Roberto Ghizzo